Pubblicità

Le Fobie

imagesNel DSM-IV la fobia specifica è definita come la "paura marcata e persistente, eccessiva o irragionevole, provocata dalla presenza o dall'attesa di un oggetto o situazione specifici. Ancora, "è caratterizzata da un'ansia clinicamente significativa provocata dall'esposizione a un oggetto o una situazione temuti, che spesso determina condotte di evitamento".

Si intende, quindi, un timore irrazionale e incontrollabile per oggetti o siuazioni con cui gli altri si confrontano, invece, senza eccessivi tormenti psicologici. Il soggetto che soffre di fobia specifica, in genere, produce una risposta ansiosa di fronte allo stimolo fobico che, in taluni casi, può assumere la forma di attacco di panico in quella particolare situazione.

 Le caratteristiche peculiari delle fobie sono le seguenti:

  • sono sproporzionate rispetto al reale pericolo dell'oggetto o situazione
  • non sono controllate con spiegazioni razionali, ragionamenti e dimostrazioni
  • superano le capacità di controllo volontario che possono essere messe in atto
  • producono evitamento sistematico dell'oggetto o situazione temuti
  • permangono per tempo prolungato senza attenuarsi
  • comportano un certo grado di disadattamento per l'interessato
  • il soggetto riconosce che la paura è irragionevole e non dovuta ad effettiva pericolosità dell'oggetto o situazione temuti.

Come è possibile intuire, la fobia si distingue dalla paura che, invece, in genere scompare di fronte ad una verifica della realtà e dal delirio, dato che il soggetto, in caso di fobia, è perfettamente consapevole dell'irrazionalità dei suoi timori, anche se non riesce a controllarli. Il fobico, infatti, riconosce l'insensatezza della propria paura, ma si sente costretto ad evitare l'oggetto o situazione temuti per evitare l'insorgere di un'ansia insopportabile e incontrollabile che può raggiungere uno stato di panico con sintomi a carico del sistema nervoso autonomo.

E' possibile distinguere tra fobie generalizzate (agorafobia e fobia sociale) e le più comuni fobie specifiche che sono classificate nel DSM nel modo seguente:

  • Tipo animali. Il soggetto mostra un'eccessiva paura per una o più specie di animali. L'esordio in genere si colloca nell'infanzia. 

  • Tipo ambiente naturale. In questo caso la paura può essere provocata da temporali (brontofobia), altezze (acrofobia), acqua (idrofobia), etc... L'esordio si verifica, in genere, nell'infanzia in cui predomina il pensiero magico, anche in questo caso. 

  • Tipo sangue-iniezioni-ferite. La paura può scaturire dalla vista del sangue (emofobia) o delle ferite o da procedure mediche tipo iniezioni.

  • Tipo situazionale. La paura è provocata da una situazione specifica come il trovarsi nei trasporti pubblici, tunnel, ponti, ascensori, mezzi volanti o in luoghi chiusi. L'esordio può avvenire con un primo picco nell'infanzia ed un altro verso i 25 anni.
  • Altri tipi. La paura è scatenata da altri stimoli come: il timore o l'evitamento di situazioni che potrebbero portare a soffocare o sviluppare una malattia. Una forma particolare di fobia riguarda il proprio corpo o parte di esso, visto dalla persona come ripugnante, orribile (dismorfofobia).

fobia

Le fobie generalizzate, come detto prima, comprendono la fobia sociale e l'agorafobia.

La fobia sociale è caratterizzata da ansia clinicamente significativa indotta da situazioni sociali o prestazionali, che spesso causa evitamento. L'individuo riconosce l'irragionevolezza e la sproporzionatezza del proprio timore, ma non riesce a controllarlo. Le situazioni in cui la fobia sociale è comune comprendono: parlare ad un pubblico, suonare uno strumento musicale o recitare, ma anche mangiare in pubblico può essere considerata una prestazione pubblica. Un certo livello di ansia può miglirare la prestazione in generale, ma i soggetti con fobia sociale hanno paura che la propria prestazione risulti inadeguata e che l'ansia che ne deriva diventi visibile sotto forma di sudorazione, vomito, voce tremula o che addirittura non si riescano a proferire parola.

Un soggetto che presenta agorafobia, invece, prova una forte ansia quando si trova in situazioni dalle quali gli sembra difficile o imbarazzante allontanarsi e teme di non ricevere aiuto nel caso in cui venga colto da attacco di panico. Questo si manifesta soprattutto quando la persona si sente sola e lontana dai propri punti di riferimento, come ad esempio la propria dimora. Persone in preda a tali attacchi si possono osservare in luoghi affollati o anche in mezzi di trasporto come bus o treni. Onde evitare tali situazioni, questi soggetti limitano in ogni modo gli spostamenti, facendosi accompagnare nei casi in cui sono costretti ad uscire di casa. Durante questi attacchi, spesso, queste persone riferiscono di sentirsi come sospese in aria, smarrite e si sentono soffocare. L'agorafobia può presentarsi in presenza o meno di attacco di panico, può essere reattiva all'attacco di panico oppure, nel caso di agorafobia senza storia di attacchi di panico, il soggetto vive nell'angoscia che l'attacco possa presentarsi.

Il problema nei casi di soggetti che soffrono di fobia è che spesso non sono in grado di chiedere aiuto o non lo fanno perché anche in tali casi possono sviluppare livelli di ansia scatenanti panico. Data la possibile compromissione della vita a livello sociale nonché lavorativo, ma anche la sofferenza soggettiva vissuta dall'individuo, è importante non tralasciare la possibilità di rivolgersi ad un esperto che possa essere di aiuto nel superare tali disturbi.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Giulia Poddi
Via Enrico Costa, 18 - CAGLIARI
Cell: 333 9089506
Dottoressa Marialuisa Fabbro
Via G. Garibaldi, 18 - VERONA
Cell: 347 4193619

In tutti i casi questi soggetti sembrano comunque mantenere un buon contatto con la realtà, escludendo gli attacchi e sono consapevoli della esagerazione delle proprie paure. Per questo motivo, nel trattamento delle fobie, possono essere utilizzate terapie con enfasi espressiva, in particolare utilizzando tecniche comportamentali di immersione graduale nelle situazioni ansiogene e di decondizionamento e tecniche ad orientamento psicodinamico.

Nel primo caso il paziente viene avvicinato progressivamente agli stimoli che innescano la paura, partendo da quelli più lontani dall'oggetto o situazione centrale, secondo una gerarchia adeguatamente preparata a priori. Col passare delle sedute, si arriva a far esporre il soggetto a stimoli sempre più forti e quindi ansiogeni, ma mai in maniera eccessiva, ripetendo ciascun esercizio finché non provochi più risposte ansiogene.

Come ulteriore contributo a tale tecnica, spesso si insegnano al paziente delle tecniche di rilassamento fisiologico che vengono messe in atto prima di esporsi agli stimoli ansiogeni, facilitando così la creazione di una nuova associazione tra rilassamento e stimolo anziché tra ansia e stimolo. Anche se comprensibilmente queste tecniche possono incutere molto timore, se ben effettuate, pare garantiscano un successo nel 90-95% dei casi trattati.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Claudia Rampi
Viale Alessandro Volta, 89 - NOVARA
Cell: 349 3624879
Dottoressa Paola Grasso
Via Monte Senario, 43 - ROMA
Cell.: 338 7897667

Nel caso di terapie ad orientamento psicodinamico, l'obiettivo principale da raggiungere è la rielaborazione dei termini del conflitto rappresentato simbolicamente dall'oggetto o situazione temuti.
Si cerca, quindi, di favorire la canalizzazione delle pulsioni non accettate dal soggetto che causano il conflitto e l'interiorizzazione di un oggetto buono contenitivo e supportivo.

Nel caso di fobie invalidanti è diffuso l'uso di farmaci ansiolitici all'occorenza, come ad esempio nel caso in cui sia necessario prendere un aereo, ma questo non risolve assolutamente il problema.
In taluni casi possono essere utilizzate adeguate terapie a base di antidepressivi SSRI, ovviamente necessariamente sotto attenta valutazione medica. Tali terapie non possono comunque considerarsi mai sostitutive di una corretta psicoterapia.

 

 

  |   Letto: 5624 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

La psicoterapia di gruppo

La psicoterapia di gruppo è una forma di psicoterapia in cui l'intervento clinico viene effettuato in un setting gruppale, può fare riferimento a vari tipi di orientamenti teorici e consiste solitamente in una terapia verbale (gruppi di parola). Se in un primo momento la psicoterapia di gruppo è nata con ...

Psicologo del marketing e della comunicazione

Lo psicologo della comunicazione e marketing è un laureato in psicologia, abilitato dall'Esame di stato all'esercizio della professione, iscritto all’Albo degli psicologi nella sezione A. Deve essere capace di operare in completa autonomia professionale e di instaurare una collaborazione paritaria con a...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.