Pubblicità

Le problematiche psicosociali della disoccupazione

Articolo a cura della Dottoressa Maria Concetta Cirrincione

disoccupazioneTra i problemi economici e sociali più rilevanti che, negli ultimi tre secoli, hanno recentemente attirato l’attenzione e fatto discutere gli studiosi sociali sia in tempo di crisi che di crescita vi è la disoccupazione. Negli ultimi dieci anni i mercati del lavoro del mondo industriale e postindustriale hanno subito profondi mutamenti.

Tra questi figurano le variazioni del tasso di attività (calato fra gli adulti più giovani e più anziani e aumentato fra le donne), la rapida espansione del terziario, la spinta inesorabile verso la flessibilità e la proliferazione di modalità lavorative atipiche (ad esempio contratti a tempo determinato, lavoro interinale o a tempo parziale, collaborazioni esterne e lavoro autonomo).

Questi cambiamenti legati ai processi di trasformazione economica e sociale, uniti al malessere sociale e al bisogno di una più profonda conoscenza del vivere civile hanno dato impulso all’indagine sociale e sospinto la scienza ad interrogarsi sulle implicazioni economiche, sociali e psicologiche della condizione del disoccupato.

La disoccupazione è un tema del quale la ricerca psicologica si è occupata sin dagli anni '30, quando l'Istituto di Psicologia di Vienna promosse una ricerca sulla comunità di Marienthal, un piccolo villaggio austriaco nel quale la chiusura di una filanda aveva causato, per quasi tutti gli abitanti, la perdita del lavoro (Jahoda, Lazarsfeld, Zeisel 1986.).

La maggior parte delle ricerche in quest’ambito, dagli anni ’30 in poi, hanno tentato di valutare l'impatto della perdita o della mancanza di lavoro sul benessere biopsicosociale di individui, famiglie e comunità, tentando di individuare i fattori in grado di moderare gli effetti negativi di questa esperienza.

disoccupazione 280x0Depolo e Sarchielli hanno individuato un’ampia gamma di variabili dipendenti considerate come i principali effetti della disoccupazione sui soggetti e sui gruppi sociali (Depolo, Sarchielli, 1987). Tale gamma può essere suddivisa in sei categorie ognuna delle quali corrisponde a un argomento specifico di ricerca sugli effetti della disoccupazione. Possiamo così individuare una prima categoria di variabili che riguardano indagini individuali e/o relative a gruppi specifici come per esempio la famiglia in cui vive il disoccupato. L’oggetto di ricerca consiste prevalentemente nelle modificazioni, indotte dalla disoccupazione, sulla stabilità delle relazioni familiari, sugli stati emotivi, sul benessere psicologico e sullo sviluppo psicosociale del disoccupato, sulla stima di sé, ecc. (Amundson e Borgen, 1987; Rife e Belcher 1993; Schwarzer, Jerusalem e Hahn, 1994),

Da un punto di vista psicosociologico si può dire che l’individuo tende a costruire una rappresentazione di sé sulla base dei ruoli che sente più caratteristicamente propri: sulla base di queste selezioni si sviluppano il prestigio, la sicurezza in se stessi e altre dimensioni importanti per l’integrazione sociale, mentre dalla sensazione di essere in grado di adempiere in modo soddisfacente ai ruoli sentiti come più propri si sviluppa l’autostima. Queste formulazioni portano a prevedere che gli effetti del lavoro e del non lavoro si produrranno a due livelli:
- a livello dell’integrazione sociale, connesso con il prestigio, la sicurezza in se stessi, ecc.
- a livello dell’immagine di sé e dell’identità, connesso con l’autostima;

L’intensità di questi effetti sarà proporzionale al significato maggiore o minore che il ruolo lavorativo ha per i diversi individui ( Orpen, C. 1994).

Una seconda serie di variabili, è relativa allo stato di salute fisica e mentale del soggetto disoccupato. Questa serie rappresenta una sottocategoria degli effetti psicologici della disoccupazione e riguarda fondamentalmente i disordini mentali e psicofisici che possono insorgere in conseguenza dell’ingresso di un soggetto nello stato di disoccupazione. Numerose ricerche in psicologia (Crepet, 1990) hanno dimostrato che l’evento perdita del lavoro e il periodo di disoccupazione influenzano l’incidenza di malattie e disturbi vari come depressione, ansia, instabilità psichica, stress e sintomi conseguenti (ipertensione arteriosa, rischio elevato di patologia coronarica, insonnia, malattie dispeptiche, ecc.).

Come ci ha indicato Paolo Crepet, bisogna guardare la disoccupazione come uno stressor e allo stesso tempo sottolineare l’importanza del mutamento nella vita materiale di chi perde la propria occupazione e non riesce a trovarla. Le conseguenze più dirette di tali eventi consistono in cambiamenti delle abitudini personali di vita più rischiosi per la salute: aumento del fumo, dell’alcool e/o di sostanze stupefacenti, crescita dell’isolamento sociale, diminuzione dell’esercizio fisico, ecc. Possono così insorgere sia disturbi della salute psichica (ansia, depressione, ideazione suicidarla) che fisica (bronchiti, cancro al polmone, malattie cardiovascolari, ipertensione, incidenti, gravidanze a rischio e nascita di bambini sottopeso) (Fraser C., 1980). Da alcune ricerche condotte in Italia (Depolo, Sarchielli, 1983) è emerso che gruppi di cassaintegrati che hanno perso definitivamente l’occupazione hanno mostrato punteggi elevati ad un questionario di salute generale evidenziando di essere in preda all’ansia e alla depressione.

disoccupazione 1Una terza serie di variabili prese in considerazione dagli studi sulla disoccupazione riguarda la dimensione temporale e le diverse fasi dell’esperienza soggettiva del disoccupato. E’ stato osservato un percorso comune o successione di fasi psicologiche che si origina dal momento in cui i soggetti perdono il lavoro. Secondo l’interpretazione di Enrico Pugliese (Pugliese, 1986) la successione delle fasi dovrebbe essere la seguente: prima c’è stupore, in particolare se il soggetto non è mai stato disoccupato; poi paura, con una rinnovata speranza quando il lavoratore si rimette alla ricerca attiva del lavoro; poi ansietà. Ma quando sparisce la sorpresa, il disoccupato ha la sensazione che "la vita lo ha dimenticato" e diviene apatico. La lunga durata della disoccupazione rende il soggetto ancora più apatico. L’ultimo stadio consiste in una riduzione generale delle attività e della stessa vita accompagnata da una restrizione dei desideri e dei bisogni.

Anche la dimensione temporale subisce modifiche e restrizioni. Come hanno affermato i ricercatori del citato studio su Marienthal, il tempo libero dei disoccupati si rivela un tragico dono. I lavoratori tagliati fuori dal loro lavoro perdono gli incentivi materiali e morali a servirsi del loro tempo. Siccome non sono più sottoposti a nessuna pressione, non prendono nessuna nuova iniziativa e scivolano progressivamente fuori da una vita ordinata, in una vita sregolata e vuota. Se si chiede loro di ricordare un qualsiasi periodo di questo tempo libero, non riescono a farsi venire in mente nulla che valga la pena di dire.
La disoccupazione induce così nel soggetto che ne viene colpito l’effetto di destrutturazione dell’organizzazione del proprio tempo di vita. In un’indagine operata dall’ISFOL (ISFOL, 1983) ,è stato chiesto a 91 lavoratori della FIAT, in cassa integrazione, di descrivere le loro giornate. Le attività riferite sono state poi suddivise in categorie e assegnato a ognuna un valore percentuale. Il 30% del tempo è risultato occupato da uno stato di inerzia, non ascrivibile a nessuna attività o svago.

Una quarta area di studio si propone di mostrare la modulazione degli effetti della disoccupazione ovvero le differenti vulnerabilità e sensibilità di determinati gruppi sociali all’impatto con la perdita o con la mancanza del lavoro. (Warr, Jackson 1985,) Questo punto di vista dà importanza alle variabili socio-anagrafiche, di contesto, legate alla storia personale e lavorativa del soggetto correlate a quelle di tipo temporale (durata della disoccupazione, periodicità, ecc.). In breve si cerca di dimostrare che esistono differenze nelle modalità soggettive di risposta allo stato di disoccupazione. (Roskies, E.; Fournier,1993)
Quali sono i fattori individuali ed ambientali maggiormente responsabili nella determinazione e nella caratterizzazione della psicopatologia sopra descritta? E’ ampiamente dimostrato che le reazioni allo stato di disoccupazione possono differire da soggetto a soggetto per cause relative a diverse dimensioni soggettive e di contesto.

In un recente saggio Paolo Crepet (Crepet P, 1992) ha individuato alcune variabili responsabili delle differenze di vulnerabilità mostrate dai diversi soggetti alla mancanza o alla perdita del lavoro. Tra esse possiamo distinguerne cinque più importanti: l’età, le relazioni sociali, il sesso, la classe sociale e la vulnerabilità individuale.

Per quanto riguarda l’età è stato rilevato che l’associazione tra gli effetti psicopatologici della disoccupazione e l’età segue un andamento curvilineo. Analizzando i punteggi ottenuti dal GHQ somministrato ai disoccupati, ripartiti per classi di età, si è ottenuto un andamento che tocca il suo massimo intorno ai quarant’anni e i minimi tra i più giovani e i più anziani. Seguendo queste persone per un certo periodo di tempo è emerso che i punteggi tendono a crescere (si ha cioè un peggioramento delle condizioni di salute mentale) tra i disoccupati con età intermedie mentre tra i più giovani e i più anziani si è registrato un miglioramento. Ciò perché i giovani e gli anziani sentono meno dei lavoratori di mezza età le responsabilità finanziarie (per sé stessi e per la famiglia) derivanti dalla perdita o dalla mancanza del lavoro (Crepet P, 1992)

Anche le relazioni sociali sono un indicatore di grande importanza nello studio delle differenti vulnerabilità alla disoccupazione. Come hanno affermato Warr e Jackson (Warr, Jackson, 1985) lo stato di stress in una persona disoccupata è inversamente proporzionale al tempo passato con i propri amici nel mese precedente la rilevazione del dato. Siccome il benessere psichico di chi ha perso il lavoro è statisticamente correlato all’ampliamento dei contatti sociali, si può concludere che perdurando lo stato di disoccupazione il disagio mentale va peggiorando man mano che le relazioni sociali si indeboliscono.

Per quanto riguarda la variabile sesso poi, la ricerca sui disoccupati di Marienthal aveva già individuato marcate differenze di reazione, tra i maschi e le femmine, al disagio derivante dallo stato di disoccupazione. Come hanno affermato gli autori stessi, il termine "disoccupato" in senso stretto si applica solo agli uomini dal momento che le donne sono semplicemente non pagate ma non realmente disoccupate. Esse hanno da gestire la casa e questo occupa la loro intera giornata. Il loro lavoro, con tutta una serie di compiti, incombenze e funzioni precise che lo rendono regolare, ha uno scopo ben definito. Per esse la giornata è carica di lavoro: cucinare, pulire, cucire, occuparsi dei bambini, tormentarsi per far quadrare il bilancio. Quindi resta ben poco tempo libero da dedicare a sé stesse e anche se si lamentano di aver perduto il lavoro non c’è alcuna traccia del fatto che il senso del tempo sia stato distrutto così come è accaduto per gli uomini. Secondo Crepet, di contro, le differenze riscontrate tra i sessi possono condurre a commettere errori interpretativi se non si analizzano i sottogruppi di disoccupati. Secondo questo autore è importante ricordare la diversa percezione della perdita del lavoro che hanno le donne e le diverse prospettive di vita che spesso la disoccupazione implica per loro. Da altre ricerche (Breakwell, Harrison, 1984) è emerso che il livello del disagio psichico registrato in un gruppo di giovani donne, che avevano perso il lavoro, era molto più alto di quello riscontrato in un gruppo di donne non occupate per propria scelta. Inoltre la sintomatologia riguardante lo stato di ansia e il livello di autostima del primo gruppo è risultata assolutamente simile a quella di un gruppo di uomini disoccupati della stessa età. E’ evidente che un’altra variabile interviene nella determinazione degli effetti psicopatologici della disoccupazione sulle donne. Infatti se prendiamo in considerazione lo stato civile emerge che tra le donne sposate non ci sono differenze significative tra le occupate e le disoccupate.

disoccupato-crisiSpostando l’attenzione sulla variabile classe sociale poi, alcuni studi sulle relazioni esistenti tra la condizione psicopatologica e la classe sociale dei disoccupati (Payne, Warr, Hartley, 1984) hanno rilevato che non vi sono differenze significative tra gruppi di impiegati, dirigenti ed operai in quanto a condizione psicopatologica riscontrata. Se teniamo conto che la condizione di benessere psicologico è molto più diffusa tra le classi alte e medie, si potrebbe concludere che la disoccupazione incida maggiormente sull’equilibrio psicologico di questi soggetti che non su quello della classe operaia.

La ricerca ha dimostrato, di contro, che le rinunce economiche derivanti dalla perdita del lavoro provocano effetti negativi, finanziari e sulla salute, più tra i lavoratori a basso reddito che tra gli altri. Comunque è stato rilevato che una maggiore reattività psicologica è strettamente correlabile con una storia di malattia sia fisica che psichica sopravvenuta nei due o tre anni precedenti la disoccupazione. Esiste infatti una soglia di salute mentale individuale, la cui stabilità consente di prevedere una migliore risposta agli eventi stressanti. L’abbassamento, in un dato soggetto, di tale soglia comporta un maggiore rischio psicopatologico (Crepet P., 1992).

In conclusione vediamo quali sono i fattori ambientali che possono influire sulla sintomatologia psicopatologica correlata allo stato di disoccupazione. Sempre secondo Paolo Crepet (Crepet P., 1990) esistono almeno nove aspetti che legano i fattori ambientali alle diverse condizioni della salute mentale delle persone disoccupate: la possibilità di controllare la situazione, la possibilità di utilizzare la propria abilità e/o capacità, gli obiettivi proposti dall’esterno, la molteplicità delle opportunità, la chiarezza delle condizioni ambientali, la disponibilità di denaro, la sicurezza dell’incolumità fisica, l’opportunità di contatti interpersonali, il valore sociale legato alla posizione lavorativa. La presenza di questi fattori impedisce il progressivo degrado della condizione psichica del disoccupato, la loro assenza ne alimenta l’entità.

Una quinta linea di riflessione riguarda le immagini sociali della disoccupazione e le attribuzioni di causalità. Quest’area di studio tenta di produrre conoscenza sulle immagini e i tipi di giustificazione adottati dai diversi gruppi sociali per valutare la disoccupazione. Vengono prese in considerazione variabili culturali di contesto in grado di influenzare le modalità di reazione alla perdita del lavoro.

Infine una sesta area di analisi cerca soluzioni pratiche attraverso la sperimentazione di interventi di aiuto ai disoccupati. (Parker, Chmiel, Wall, 1997). Gli interventi possono essere di varia natura: in primo luogo vi sono le proposte di politica economica e di politica dell’occupazione volte alla creazione di nuove occasioni lavorative per i disoccupati. Esse possono variare in relazione agli interessi socio-economici e di classe o ceto e quindi alla tendenza politica e ideologica di chi se ne fa portavoce. In secondo luogo esistono tentativi di attuare programmi di azione rientranti in una politica socio-sanitaria che richiama ai principi della prevenzione primaria e secondaria della salute mentale. Inoltre, siccome la disoccupazione prolungata induce effetti di deprofessionalizzazione si dovrebbero attuare programmi di riabilitazione, riconversione professionale e addestramento allo scopo di sopperire alle carenze sul piano motivazionale e alla perdita progressiva delle capacità tecniche.

 

Bibliografia

Borgen, W. A., Amundson, N.E. The dynamics of unemployment. Journal of Counseling & Development, 66, 180-184, 1987
Breakwell, G.M., Harrison B., Propper C., Explaining the psychological effects of unemployment for young people: the importance of specific situation factors, British Journal of Guidance and Dounselling, 21, 1984
Crepet P., Effetti psicologici della disoccupazione e dell’incertezza lavorativa, in “La disoccupazione. Interpretazioni e punti di vista” di Calza Bini P. (a cura di), Liguori Editore, Napoli, 1992
Crepet P., Le malattie della disoccupazione, Edizioni Lavoro, Roma, 1990
Depolo M., Sarchielli G., Le rappresentazioni sociali della disoccupazione: prime indicazioni di ricerca, Divisione di Psicologia sociale, Padova, 1983
Depolo M., Sarchielli G., Psicologia della disoccupazione, Il Mulino, Bologna, 1987
Fraser C., The Social Psychology of unenployment, in M. Jeeves (a cura di), Psychology Survey, London, G. Allen & Unwin, 1980
ISFOL, Caratteristiche e comportamenti degli operai FIAT in mobilità, in Quaderni di informazione, n° 3, 1983
Jahoda M., Lazarsfeld P.F., Zeisel H., I disoccupati di Marienthal, Edizioni Lavoro, Roma, 1986
Orpen, C., The effects of self-esteem and personal control on the relationship between job insecurity and psychological well-being» in Social Behavior and Personality, 22(1), 53-55, 1994
Parker, S. K.; Chmiel, N.; Wall, T. B., Work characteristics and employee well-being within a context of strategic downsizing in Journal of Occupational Health Psychology, 2(4), 289-303, 1997
Payne R. L., Warr P. B., Hartley J., Social class and psychological ill-health during unemployment, Sociology of Health and Illness, 6, 1984
Pugliese E., Prefazione a “I disoccupati di Marienthal”, Edizioni Lavoro, Roma, 1986
Rife, J. C., and Belcher, J. R. Social Support and Job Search Intensity among Older Unemployed Workers., Journal of Employment Counseling 30, no. 3, pp. 98-107, 1993
Roskies, E.; Louis Guerin, C.; Fournier, C., Coping with job insecurity: How does personality make a difference? in Journal of Organizational Behavior, 14(7), 617-630), 1993
Schwarzer, R., Hahn, A., & Jerusalem, M. Negative affect in East German migrants: Longitudinal effects of unemployment and social support. Anxiety, Stress, and Coping, 6, 57-69, 1993
Warr P, Jackson P , Factors influencing the psychological impact of prolonged unemployment and of re-employment Psychological Medicine,15, 1985

 

Dottoressa Maria Concetta Cirrincione - Psicologa
(originariamente pubblicato su Psiconline.it nel gennaio 2008)

 

 

  |   Letto: 4221 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.