Pubblicità

L'influenza dell'immagine corporea nei disturbi del comportamento alimentare

Articolo a cura della Dottoressa Maria Pia Cavalieri

immagine-corporea-anoressiaL’immagine corporea è un costrutto multidimensionale caratterizzato dalle percezioni e dalle valutazioni dell’individuo in merito al proprio aspetto fisico; il primo a definirla fu Schilder che nel 1935 la denomina come “l’immagine del proprio corpo nella propria mente”, in seguito nel 1988 Slade la descrive come “l’immagine che abbiamo nella nostra mente di forma, dimensione, taglia del corpo e i sentimenti provati rispetto a queste caratteristiche e alle singole parti del corpo”: da ciò risulta che l’immagine corporea ha una componente percettiva, cioè come la persona visualizza taglia e forma del proprio corpo, una affettiva, i sentimenti provati, una cognitiva, cioè cosa la persona pensa a riguardo e una comportamentale, cioè cosa fa a riguardo tipo dieta e attività fisica. Da queste componenti si può capire come l’immagine che ognuno ha del proprio corpo comprenda la persona nella sua globalità; Cash nel 2002 mette in risalto come questa immagine sia “l’insieme di percezioni e atteggiamenti di ciascuno collegati al proprio corpo, vale a dire pensieri, convinzioni, sentimenti e comportamenti.”

Hilde Bruch nel 1962 per la prima volta elaborò una teoria sistematica sul ruolo dell’immagine corporea nella fenomenologia dei DCA e in particolare nell’anoressia definendola “un disturbo dell’immagine corporea di proporzioni deliranti” e asserendo che qualsiasi miglioramento nella sintomatologia sarebbe stato temporaneo “senza un cambiamento correttivo dell’immagine corporea”.

Lei affermò che soggetti affetti da disturbi alimentari cercano frequentemente il controllo perché non si sentono capaci di controllare i rapporti personali, le reazioni interne e gli eventi in generale e sono disposti a confinare le loro vite focalizzazndosi sull’alimentazione e sulle dimensioni corporee. Per esempio negli scritti della Bruch (1973,1982) la ragazza anoressica è sia l’agente che detiene il controllo e sia vittima di un altro agente controllante, spesso la madre; la dieta rappresenta uno strumento importante che può essere concettualizzato come una credenza di coping per controllare gli eventi imprevedibili e le minacce del mondo esterno.

Sandra Sassaroli infatti riconduce la sintomatologia ad un eccessiva preoccupazione per i temi della perfezione, dell’autostima e del controllo. Controllo, bassa autostima e perfezionismo sono correlati con l’ansia e il rimuginio; ricercatori (Kaye et al. 2000;Strober 2004) hanno ipotizzato che ad elevati livelli di serotonina corrisponderebbero elevati livelli di ansia e controllo, riscontrabili in persone anoressiche.

Ansia, controllo e perfezionismo sono correlati: un pensiero rivolto verso il futuro si concentra sulla valutazione dell’entità di una minaccia e sulle proprie capacità di gestirla e associati a uno stile di vita perfezionistico e uno scarso controllo personale degli eventi può contribuire all’insorgere di un disturbo alimentare; anche uno stile di elaborazione orientato al dettaglio può contribuire alla distorsione dell’immagine corporea e può attingere dalla percezione personale di avere controllo sugli eventi ottenuto tramite una restrizione del regime alimentare.

Spesso il senso di controllo è ottenuto tramite il monitoraggio di un determinato parametro, quale la preoccupazione per l’alimentazione , il peso e le forme corporee (Fairburn, Harrison 2003).

La maggior parte delle persone con DCA è molto preoccupata del proprio peso, molte si pesano frequentemente e si preoccupano anche delle più piccole variazioni, altre evitano di conoscerlo per allontanarne la preoccupazione che permane; alcune pazienti controllano e scrutano ripetutamente il proprio corpo focalizzandosi sugli aspetti che non amano, altre evitano di guardarsi ritenendosi grasse e disgustose: questi continui controlli ed evitamenti mantengono l’attenzione sul corpo e sul peso, ottenuta mediante anche un continuo confronto con gli altri; la sensazione di essere grasse le porta a pensare di essere realmente grasse, nonostante la loro oggettiva magrezza. Queste preoccupazioni sull’aspetto hanno un effetto sulle relazioni sociali e intime che vengono evitate o almeno limitate.

Fin’ora abbiamo presentato 2 dei principali contributi nella teorizzazione e nel trattamento dei disturbi del comportamento alimentare, il terzo è di Dettore e si rifà alla teorizzazione di Cash del 2002 sullo sviluppo dell’immagine corporea nell’individuo: questo contributo risulta essere valido anche per il disturbo da Dismorfismo corporeo e per tutti quei disturbi nei quali l’immagine corporea risulta alterata.

Cash parte dalla socializzazione culturale, mediata da genitori, pari e mass media, che produce messaggi sull’aspetto fisico relativamente a quali caratteristiche vengano considerate di valore e cosa significhi possederle; anche le caratteristiche fisiche di una persona influenzano l’immmagine corporea in quanto hanno un forte impatto sul modo in cui viene percepita e trattata da se stesso e altri. Il modo in cui l’aspetto fisico di una persona si adegua agli standard sociali di bellezza risulta fondamentale per l’autovalutazione dell’individuo.

immagine-corporea-anoressia-2Tra gli aspetti di personalità valore hanno l’autostima, il perfezionismo, un’attenzione sul proprio aspetto e i propri comportamenti, il bisogno di approvazione sociale, l’attaccamento e valori/atteggiamenti legati al genere. Questi fattori interagiscono con l’importanza che ognuno dà al proprio aspetto ei giudizi e le convinzioni che ciascuno ha su di sè. Ogni persona in più nel corso della vita elabora degli schemi di sè frutto dell’elaborazione di passate esperienze nel porsi a contatto con altri, che insieme alle emozioni associate guidano l’attenzione che il soggetto pone su eventi interni o esterni che possono attivare giudizi sulla propria immagine e dialoghi interni, e fanno in modo che l’individuo metta in atto determinati comportamenti di evitamento di certe situazioni, mascheramento del corpo, correzione di presunti difetti corporei ricerca di rassicurazione sociale ecc. Altre persone riescono a mettere in atto una positiva accettazione razionale prendendosi cura di sè.

Ogni autore, Dettore, Sassaroli e Fairburn, ha elaborato in ambito cognitivista diversi trattamenti per i disturbi alimentari partendo da concettualizzazioni, qui esposte, diverse ma con molto in comune.

Ho scelto di focalizzare la mia attenzione su questi 3 contributi teorici per interesse e perché giudico piacevole confrontarmi con le varie teorie esistenti sul tema.

 

Riferimenti bibliografici:

  • Dettore (2009) I disturbi dell’immagine corporea. Diagnosi e trattamento.Edizione Mc-Graw-Hill, Milano
  • Sassaroli, Ruggiero (2010) I disturbi alimentari. Edizione laterza, Roma
  • Fairburn (2010) la terapia cognitivo comportamentale dei disturbi dell’alimentazione. Edizione Eclipsy, Firenze.

 

Dottoressa Maria Pia Cavalieri

 

  |   Letto: 15705 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

Storia della Psicoterapia Breve Corporea PBC

Secondo il modello della Psicoterapia Breve Caratteroanalitica di Xavier Serrano Hortelano “La brevità è l’anima della saggezza”.Shakespeare, Amleto (atto II, scena II) 1. Introduzione Prima di definire i contorni della Psicoterapia Breve Corporea – PBC Caratteroanalitica, secondo il modello di X...

Psicoterapia psicoanalitica

La scuola psicoanalitica nasce grazie alle teorie elaborate da Freud. La psicoanalisi si propone come obiettivo non tanto l’interpretazione degli aspetti cognitivi e fisiologici del comportamento umano, bensì lo studio e l’analisi di tutte le manifestazioni motivazionali e dinamiche, che sono meno e...

La terapia sistemico-relazionale

La terapia Sistemico-Relazionale si diffuse negli Stati Uniti durante gli anni '50, in particolare grazie alle teorie della prima e seconda cibernetica e la teoria dei sistemi elaborata da L Von Bertanlaffy. La "Scuola di Palo Alto" e il Mental Research Institute. La psicoterapia ad indirizzo sistemico-relaz...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.