Pubblicità

Lo dice la scienza: il dolore non è solo un problema di nervi!

Svelato il ruolo fondamentale delle cellule gliali sulla percezione del dolore.


dolore glialiLa sensazione del dolore si verifica quando le reti neuronali conducono l’eccitazione generata dal danno ad un tessuto fino al midollo spinale, dove l’informazione nocicettiva viene ampiamente pre-elaborata.

Da qui, l’informazione viene trasmessa al cervello umano, dove si crea la sensazione di “dolore”.

Questo è quanto creduto finora.

I ricercatori della Division of Neurophysiology alla MedUni Vienna's Center for Brain Research hanno scoperto, invece, che il dolore non è solo un problema di nervi, ma che anche delle cellule non neuronali, le cellule gliali, sono coinvolte in modelli del dolore clinicamente rilevanti e che la loro attivazione è sufficiente per amplificare il dolore.

Lo studio è stato pubblicato sul giornale "Science".


Le cellule gliali ed il loro sistema.

Le cellule gliali sono il tipo di cellule più comune nel cervello umano e nel midollo spinale.

Esse circondano i neuroni, ma sono distinte da essi, e giocano un importante ruolo di supporto – per esempio, nel trasporto e metabolismo della materia o nell’equilibrio dei liquidi.
    
Allo stesso tempo, comunque, quando sono attivate – dal sistema del dolore, per esempio – le cellule gliali sono capaci di rilasciare sostanze messaggere, come le citochine infiammatorie.

Le cellule gliali, quindi, hanno due modalità: una protettiva ed una pro-infiammatoria.

L’attivazione delle cellule gliali ha un effetto che amplifica il dolore, andando a diffonderlo, per esempio, anche a parti del corpo, che prima non ne venivano influenzate. Per la prima volta, il nostro studio fornisce una spiegazione biologica per questo ed altri fenomeni del dolore finora inspiegati in medicina”, ha spiegato il Dott. Jürgen Sandkühler, capo della Division of Neurophysiology al MedUni Vienna's Center for Brain Research.

Una sovra-attivazione delle cellule gliali nel midollo spinale può avvenire, per esempio, a causa di stimoli di intenso dolore, provenienti da una ferita, o da un intervento chirurgico, oppure dall’uso di oppiacei.
Il Dott. Sandkühler ha aggiunto: "Questo potrebbe spiegare perché gli oppiacei, all’inizio, sono molto utili nell’alleviare il dolore, ma, dopo un po’ di tempo, smettono di essere efficaci.
Un altro esempio è il fenomeno dell’ ‘astinenza’ nei soggetti che fanno uso di droga, durante il quale le cellule gliali attivate causano dolore intenso in tutto il corpo”.

Psicologi in evidenza
Dottor Edoardo Guerrieri
Via Roma, 34 Empoli - FIRENZE
Cell: 338 3753458
Dottoressa Irene Giangreco Marotta
Via Paolessi, 1 - RIETI
Cell: 347 1332633


Come intervenire sul sistema delle cellule gliali.

Secondo il Dott. Sandkühler, i disturbi neuroinfiammatori del cervello, i fattori ambientali ed anche lo stile di vita della persona possono comportare l’attivazione delle cellule gliali.

Esempi provenienti dalla letteratura attuale sono: Depressione, Disturbi d’Ansia e Stress cronico, Sclerosi Multipla, Malattia di Alzheimer, Diabete, così come mancanza di esercizio fisico ed un’alimentazione non curata.

Il Dott. Sandkühler ha spiegato: "Le cellule gliali svolgono, dunque, un ruolo importante nell’assicurare l’equilibrio del sistema neuroinfiammatorio di una persona”.


Considerazioni.

I risultati dello studio sembrano confermare l’ipotesi, per la quale apportare dei miglioramenti nello stile di vita di una persona potrebbe avere un impatto benefico su questo sistema ed assicurare che essa, in generale, soffra meno il dolore o abbia “minori problemi”, conclude il Dott. Sandkühler: "E’, quindi, tutto nelle nostre mani: trenta minuti di esercizio moderato, tre o quattro volte alla settimana, una dieta sana ed evitare di crescere troppo di peso possono fare un enorme differenza”.
        
        
    
    

 

Fonte: ScienceDaily.com    

(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Alice Fusella)

 

 

  |   Letto: 1686 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il dolore come punizione per sentirsi “vivi”!

L’autolesionismo come modalità per regolare il proprio umore, distrarsi da un turbamento interiore, placare il proprio dolore psichico. Con li termine autolesionismo si fa riferimento ad un’inflizione intenzionale volta a danneggiare il proprio corpo attraverso attività come il tagl...

Aspetti psicosociali e biologici della pedofilia

Nel presente articolo pubblicato sulla rivista "Biological Psychiatry" i ricercatori hanno cercato di delineare i fattori psicosociali e neurali della pedofilia, esaminando le alterazioni funzionali e strutturali del cervello di soggetti pedofili. Il termine “pedofilia” è una parola deriva...

Disordini autoimmuni e ipnosi

L’ipnosi può quindi aiutarci ad usare diverse parti della nostra mente per pensare diversamente, cambiare il modo in cui il nostro corpo risponde e per aiutarci a sentire, agire e comportarci in modo più salutare ed utile. All’interno del presente articolo si cercherà di fare...

Dipendenza e attaccamento ansioso

Secondo delle recenti ricerche la presenza di un attaccamento ansioso, che innesca una particolare sensibilità al dolore di sentirsi rifiutati, si pone come fattore di rischio per la messa in atto di comportamenti autodistruttivi come la dipendenza e i disturbi del comportamento alimentare. L’at...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.