Pubblicità

Lo dice la scienza: l’ansia è segno di intelligenza!

La ricerca dimostra il collegamento tra Ansia e QI alto.

intelligenza ansiaBeata ignoranza!”: è un modo di dire che esiste da anni.
Quello che significa, in realtà, è che quando le persone sono inconsapevoli delle cose – situazioni, eventi, circostanze – non hanno niente che possa procurar loro preoccupazione ed Ansia.

Le nuove ricerche, però, sembrerebbero indicare che questi individui potrebbero avere un quoziente intellettivo più basso, viceversa, quelle persone che soffrono d’Ansia e preoccupazione cronica, tendono ad avere un punteggio più alto nei test che valutano il QI.

Cosa dicono le ricerche recenti?

Uno degli studi più recenti viene dalla Lakehead University in Canada, il quale ha dimostrato che gli studenti che indicavano di soffrire, in maniera marcata, di Ansia e preoccupazione, avevano anche un QI verbale più alto.

Un altro studio, condotto da psicologi israeliani, osservò i comportamenti degli studenti rispetto ad un evento altamente ansiogeno. Nel dettaglio:

  1. Furono selezionati per lo studio sia gli studenti con QI alto, che quelli con QI più basso, e fu detto loro che il compito era di valutare un’opera d’arte, che veniva presentata attraverso un programma al computer.
  2. Uno per uno gli studenti aprivano il programma ed immediatamente attivavano un terribile virus. Il monitor nella stanza gli indicava di andare a cercare subito assistenza tecnica.
  3. Fu osservato, così, il comportamento di ciascun studente.
  4. Mentre attraversava il corridoio, egli incontrava quattro “ostacoli”, come, ad esempio, qualcuno che lo stoppava per fare un’intervista, o qualcun altro che faceva cadere un’intera pila di fogli sul pavimento.
  5. Gli studenti che mostravano di avere un’ansia sempre più grande, mentre cercavano di arrivare all’ufficio dell’assistenza tecnica, furono gli stessi ad avere un QI più alto.

In una precedente ricerca, questi stessi psicologi, Tscahi Ein-Dor e Orgad Tal, hanno trovato che gli studenti con il QI più alto erano anche più attenti a rilevare i potenziali pericoli, come la puzza di fumo.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Beatrice Bonechi
Via Aretina, 251/A - FIRENZE
Cell.: 338 2496662
Dottoressa Maria Clara Cortellazzi
Viale S. Kasman, 15 Chiavari - GENOVA
Cell: 391 4947113

Uno psichiatra del SUNY Medical Center, inoltre, ha condotto uno studio sugli individui che avevano un Disturbo d’Ansia Generalizzato e Cronico, dimostrando che i pazienti, i cui sintomi erano più gravi, avevano un QI più alto.

I neuropsicologi del National Institutes of Health (NIH), effettuando delle scansioni MRI sui soggetti più ansiosi, hanno dimostrato, infine, che coloro che avevano un QI alto e quelli che soffrivano d’Ansia avevano tutti un’anomalia cerebrale simile, nello specifico la deplezione di un certo elemento nella materia grigia di una parte del cervello.


Quindi, perché tutto questo è importante?

   
È vero: tutti conosciamo studenti di successo, che sono abbastanza rilassati e non si lasciano colpire dalle vicende della vita. E ne conosciamo anche altri molto tesi, che si preoccupano di tutto e raggiungono lo stesso bei traguardi.
Lo stesso accade per qualsiasi professione. Ci sono dottori, avvocati, ingegneri, ricercatori, insegnanti e ministri religiosi, che hanno un grande successo e che possono soffrire, o meno, di Ansia.

Pubblicità

Quindi, se, da una parte, quegli individui che soffrono regolarmente di preoccupazione ed Ansia possono farsi coraggio perchè la ricerca ha dimostrato che essi hanno un’intelligenza maggiore, dall’altra parte è importante considerare che, anche se intelligenza ed ansia potrebbero essere correlate, esse non predicono il successo che avrà una persona.


Il lato negativo di intelligenza ed ansia.

Le persone intelligenti hanno forti capacità di analisi e di pensiero critico. Quando questo è combinato con alti livelli di ansia, comunque, può essere un po’ paralizzante. L’intelligenza, infatti, permette di pensare a tutti i possibili scenari negativi dell’azione che si sta considerando  e la preoccupazione che ne deriva può causare inerzia.

Inoltre, le persone intelligenti che soffrono d’ansia tendono a rimuginare. Questo significa che sono più inclini ad essere ossessionate dagli eventi del passato, così come per il futuro, il che li porta a scorrere, nelle loro teste, tutti gli scenari possibili di queste vicende.


Il lato positivo di intelligenza ed ansia.

Alcuni di questi studi hanno mostrato che quando intelligenza ed Ansia sono entrambe presenti, gli individui tendono ad evitare le situazioni che li mettono a rischio, soprattutto per quel che riguarda l’incolumità fisica.
Questo “sintonizzarsi” sul pericolo, d’altro canto, può comportare un’allerta maggiore, assente negli individui meno ansiosi, che permetterà ai primi di vigilare anche per i secondi.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Caterina Gestri
Piazza Risorgimento, 18 Quarrata - PISTOIA
Cell: 338 1110142
Dottoressa Tiziana Casazza
Via Giambellino, 26 - MILANO
Cell: 347 7917019

Concludendo

Anche se la ricerca non è esaustiva su questo tema, essa sembra supportare il concetto, per il quale le persone che sono ansiose hanno un’intelligenza maggiore, ma non l’opposto, cioè che le persone che non ne soffrono sono meno intelligenti.
In più, bisogna considerare che nessuna delle due predice il successo, né a scuola, né a lavoro.

Quindi, se soffri d’Ansia, e vieni rimproverato spesso per questa ragione, ora puoi rispondere che essa è segno di intelligenza. Lo dice la scienza!

 


Fonte: PsychCentral.com

 

(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Alice Fusella)

 

 

  |   Letto: 54052 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Grafia e struttura di personalità

Secondo un’analisi della letteratura che ha coinvolto gli studi degli ultimi 50 anni esistono scarse prove che la grafologia sia un buon indice di personalità o intelligenza. Una revisione della letteratura degli ultimi 50 anni ha rivelato un interesse coerente ma limitato nel rapporto esistente...

La Sindrome da Alienazione Parentale

Bambino o arma? Le dinamiche psicologiche della sindrome da alienazione parentale: ansia narcisista, ansia borderline e ansia traumatica. La Sindrome da Alienazione Parentale (PAS), un termine coniato da Richard A. Gardner negli anni '80, descrive una condizione – usualmente generata nel contesto di co...

Il Disturbo da sintomi somatici

Il disturbo da sintomi somatici è una condizione in cui una persona prova estrema ansia per le sensazioni fisiche come il dolore o la fatica. Il Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali, nella sua ultima edizione, ha creato una nuova categoria che prende il nome di Disturbo da sintomi som...

Incubi e disturbi nel sonno nella psicosi

Le persone affette da psicosi esperiscono frequenti disturbi del sonno e incubi che, conseguentemente, determinano un'efficienza del sonno più povera, nonché una maggiore presenza di deliri, depressione, ansia, stress e scarsa memoria di lavoro. Negli ultimi cinque anni la ricerca ha focalizza...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.