Pubblicità

Lutto e dolore

Il lutto è un processo attraverso il quale gli individui si adattano ad una perdita ed il dolore ad esso associato può manifestarsi attraverso reazioni fisiche, mentali e sociali.

lutto doloreCon il termine lutto si fa riferimento allo stato di chi ha perso, a causa della morte, qualcuno con cui aveva una relazione stretta. Questo stato include un'ampia gamma di risposte al dolore e alla perdita.

Solitamente, la morte di una persona cara rappresenta uno dei dolori più grandi che possono verificarsi; le emozioni legate al lutto possono anche accompagnare altre perdite, come il declino del proprio stato di salute, o di qualcuno vicino, o anche la fine di una relazione importante.

Il dolore, in tal senso, rappresenta una risposta normale e sana alla perdita. Ognuno vive il dolore a modo suo, ma esistono alcune fasi specifiche che regolano il lutto.

Esso prende vita con il riconoscimento della perdita e prosegue anche in un secondo momento, come risposta di non accettazione di quest'ultima.

Le risposte delle persone al dolore variano ovviamente a seconda delle circostanze della morte, nonché dal punto di visto socio-culturale.

Se la persona muore in seguito ad una malattia cronica, per esempio, la morte può essere stata prevista, e pertanto la fine della sofferenza della persona potrebbe anche essere letta come un “sollievo”.

Se la morte irrompe invece in modo violento o accidentale, arrivare ad una fase di accettazione potrebbe richiedere tempo.

Da un punto di vista sintomatologico, il lutto può generare una vasta gamma di emozioni, e possono esserci cinque stadi di dolore.

Queste reazioni potrebbero non verificarsi in un ordine specifico e possono, invece, a volte, verificarsi insieme.

Non tutti sperimentano tutte queste emozioni: diniego, incredulità, intorpidimento, rabbia, colpa, contrattazione, umore depresso, tristezza, pianto, accettazione e condizione.

Le persone che si addolorano spesso riportano pianto, difficoltà a dormire e mancanza di produttività al lavoro. In un primo momento, è difficile accettare che la perdita si sia effettivamente verificata.

Una volta che lo shock iniziale è subentrato, la negazione della perdita viene spesso sostituita da sensazioni di rabbia.

Quest'ultima può essere rivolta verso medici, infermieri, Dio, altri cari, o persino la persona che è morta.

Si possono provare sentimenti di colpa, con esternazioni del tipo “avrei dovuto...”, “avrei potuto...”.

Le emozioni possono quindi intensificarsi al punto da provocare un'oscillazione del tono dell'umore; queste sono tutte reazioni normali alla perdita.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Ilaria Artusi
Via Lorenzetti, 15 - AREZZO
Cell.: 333 3945439
Dottoressa Sara Ruiba
Via Cortevecchia, 59 - FERRARA
Cell.: 338 2315061

Ogni tipo di perdita può significare che la persona morta ha tolto via qualcosa, come se avesse portato qualcosa via con sé.

Il dolore può quindi essere sperimentato come una reazione mentale, fisica, sociale o emotiva.

Tra le reazioni mentali si possono verificare la rabbia, la colpa, l'ansia, la tristezza e la disperazione; tra le reazioni fisiche possono invece esserci problemi di sonno, cambiamenti nell'appetito, problemi fisici o malattie.

Le reazioni sociali possono invece riguardare sentimenti circa il vedere la famiglia, parenti o amici rientrare a lavoro.

I processi dolorosi dipendono ovviamente dalla tipologia di rapporto con la persona che è morta, la situazione inerente la morte e l'attaccamento della persona con quella che è morta.

Il dolore può quindi essere descritto come la presenza di problemi fisici, pensieri costanti circa la persona che è morta, sentimenti di colpa, ostilità, e un modifica del modo in cui si comporta normalmente.

Il lutto diviene così un processo attraverso il quale le persone si adattano ad una perdita, ed è influenzato dalle abitudini culturali, dai riti e dalle regole della società.

Rispetto alle cause è bene sottolineare che la reazione alla perdita sarà influenzata dalle circostanze che la circondano; la morte di una persona amata è sempre difficile, soprattutto quando è improvvisa o accidentale, ed è proprio in virtù del rapporto che si aveva con la persona cara che si innescherà una certa reazione alla perdita.

Pubblicità

Tra le diverse situazioni si può riscontrare la morte di un coniuge; in questo caso la perdita di una moglie o del marito è particolarmente difficile.

La persona superstite deve solitamente affrontare una moltitudine di decisioni riguardanti organizzazioni funerarie, finanziarie, lavorative e così via, in un momento in cui può sentirsi meno capace di affrontare tali questioni.

Anche il solo spiegare ai propri figli quello che è successo può avere un onere emotivo significativo.

Oltre al grave trauma emotivo, la morte può ad esempio determinare problemi finanziari, soprattutto se il defunto era la principale fonte di reddito della famiglia.

La morte di un bambino, a prescindere dalla causa di essa o dell'età, è un evento emotivamente devastante per un genitore.

Questa può suscitare un senso travolgente di ingiustizia, per ciò che si è perduto, i sogni non realizzati e la sofferenza che ne è derivata.

I genitori possono sentirsi responsabili della morte del bambino, non importa quanto irrazionale possa sembrare, e possono anche sentire di aver perso una parte vitale della propria identità.

La morte di un genitore genera anche una perdita emozionale profonda; è naturale sentirsi devastati dal dolore, dalla paura e da una profonda tristezza.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Chiara De Alessandri
Via A. Stradivari, 6 - MILANO
Cell: 349 1700569
Dottoressa Maria Narduzzo
Corso Galileo Ferraris, 107 - TORINO
Cell: 333 7130974

Le specificità del dolore dipenderanno da un certo numero di fattori personali, tra cui il rapporto con il genitore, l'età, il sesso, le credenze religiose, l'eventuale esperienza precedente con la morte e così via.

Quando si perde un genitore, la sensazione è anche quella di aver perso un amico o un consigliere, pertanto, si può improvvisamente manifestare un profondo senso di solitudine, nonostante il sostegno di altri amici e familiari.

Dopo la scossa iniziale, subentra ciò che viene chiamata “perdita secondaria”, consistente in una presa di consapevolezza tale per cui tutte le esperienze in cui la famiglia era protagonista, ora non si manifesteranno più o comunque saranno diverse.

Tra le diverse sfumature del dolore legate al lutto vi è anche il “dolore o lutto anticipato” ossia un lutto normale che si verifica quando un paziente o una famiglia “attendono” una morte.

Questa forma di dolore è molto simile a quella sperimentata dopo la morte: nella fase precoce del dolore si presenta depressione, estrema preoccupazione per la persona morente, la preparazione alla morte e l'adattamento ai cambiamenti causati dalla morte; allo stesso modo potrebbe anche dare tempo alla famiglia di abituarsi alla realtà della perdita imminente.

Questo tipo di dolore non sempre si manifesta; una persona non sente necessariamente lo stesso tipo di dolore prima di una morte come quella che può avvertire solo dopo di essa.

Il dolore che si sperimenta prima non rende il dolore successivo più facile o di breve durata. Accettare la morte di una persona amata mentre è ancora viva può infatti lasciare la sensazione del lutto come se il paziente morente fosse stato abbandonato.

Inoltre, l'attesa della perdita può rendere ancora più forte il legame di attaccamento e affetto alla persona morente.

Alcune reazioni al dolore non sono considerate “normali”, come per esempio, i sentimenti persistenti e intrusivi della colpa nel sopravvissuto, o i pensieri circa il dover essere morto insieme al defunto e così via.

Questi due aspetti sono più caratteristici della depressione rispetto al lutto normale. Altre perdite che si verificano nella vita successiva possono innescare non solo il dolore, ma anche la depressione.

Negli anziani, la pensione, la perdita del reddito, il deterioramento della salute fisica ed il dover rinunciare alla guida sono solo alcuni degli eventi più comuni che potrebbero innescare reazioni di dolore.

Poiché il dolore è un'emozione potente, che scava ed esaurisce, a volte sembra più facile evitare di affrontare questi sentimenti.

Tuttavia, questo approccio non è una soluzione a lungo termine; il dolore sepolto può manifestarsi in seguito come malattia fisica o emotiva.

Lavorare sul dolore può quindi favorire un'espressione dei sentimenti, aiutando così l'utente ad elaborarli.

Il “lavoro del lutto” riguarda il procedere attraverso alcune tappe per ripristinare la vita quotidiana; questi processi comprendono la separazione dalla persona che è morta, il ripristino di un mondo senza di lui/lei e la creazione di nuovi rapporti.

Per separarsi dalla persona che non c'è più, l'utente deve trovare un altro modo per re-indirizzare l'energia emotiva. Questo non significa non amare più il defunto o dimenticarlo, ma che il lutto deve rivolgersi verso altri per una soddisfazione emotiva.

È importante non trascurare sé stessi durante il lutto; la morte spesso ricorda alle persone non solo della perdita ma anche delle separazioni passate.

Il lutto può quindi essere descritto come avente le seguenti fasi: l'impulso di riportare in vita la persona che è morta; disorganizzazione e tristezza e riorganizzazione.

La depressione condivide alcune caratteristiche con il dolore, ma può, nel tempo, assumere completamente il modo di pensare e di sentire.

I sintomi depressivi solitamente includono: umore triste o “vuoto”, persistenti sentimenti di disperazione e inutilità, preoccupazione negativa verso di sé.

In tutti questi casi è importante cercare un aiuto professionale che favorisca un'integrazione dei processi di reazione al dolore.

Tra gli obiettivi è importante favorire una descrizione del dolore cercando di promuovere un'apertura nel parlare di esso e del lutto; aiutare i soggetti a identificare ed esprimere i sentimenti legati alla perdita; sostenerli nel separarsi emotivamente dal defunto; sviluppare strategie di coping adattive; fornire un supporto continuo, e soprattutto in momenti importanti come compleanni e anniversari.

Tratto da PsychologyToday

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Giorgia Lauro)

  |   Letto: 1218 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.