Pubblicità

Maggiori informazioni sulle cause biologiche equivalgono a minore empatia per i pazienti

Un nuovo studio dell'Università di Yale dimostra che basta fornire a terapisti e psichiatri informazioni riguardo la biologia di un disturbo mentale e loro hanno una minore empatia per il paziente.

empatia-e-cause-biologicheQuesti risultati, pubblicati il 1° dicembre su “Proceedings of the National Accademy of Sciences”, confutano la concezione che le spiegazioni biologiche per la malattia mentale aumentano la compassione per le decine di milioni di americani che soffrono di problemi di salute mentale.

Il senso comune suggerisce, infatti, che le spiegazioni biologiche per i sintomi psichiatrici dovrebbero ridurre il biasimo che i pazienti ricevono per il loro comportamento, riconoscendo i colpevoli nei geni e nelle cellule nervose. Ciò, a sua volta, dovrebbe aumentare i sentimenti di compassione.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Arianna Grazzini
Corso Trieste, 59 - ROMA
Cell: 334 7666763
Dottor Marco Zanghì
Via Scite, 3 - MESSINA
Cell: 334 2717738

In una serie di studi, i medici americani lessero le descrizioni di pazienti, i cui sintomi erano spiegati usando informazioni che si focalizzavano sulla genetica e la biologia, o sulle esperienze dell’infanzia e sulle circostanze di vita stressanti. Tra le altre domande, ad essi fu chiesto quanta compassione sentivano per l’individuo, un elemento essenziale della terapia.

I ricercatori hanno trovato che i medici esprimevano, in misura consistente, una minore compassione per il paziente, quando i suoi sintomi erano spiegati usando i fattori biologici.

“Le spiegazioni biologiche sono come un’arma a doppio taglio” ha detto Matthew Lebowitz, laureato in Psicologia ed autore principale dello studio. “Loro tendono a far apparire i pazienti meno biasimevoli, ma l’eccessiva enfasi sulla biologia, per spiegare la psicopatologia, può essere disumanizzante, perché riduce le persone a meri meccanismi biologici”.

I medici, inoltre, quando erano fornite spiegazioni biologiche della malattia, piuttosto che quelle psicosociali, credevano che la psicoterapia avesse meno probabilità di essere efficace. Gli autori hanno constatato che questo costituisce un problema, perché alcuni studi suggeriscono che certi tipi di psicoterapia sono trattamenti importanti ed efficaci per vari disturbi mentali.

empatia-psichiatriaCi sono anche altri aspetti negativi delle spiegazioni biologiche. Secondo una ricerca degli autori, pubblicata l’anno scorso, gli individui depressi, più attribuiscono i loro sintomi a cause biologiche, più tendono ad essere pessimisti riguardo la loro prognosi.

I ricercatori, insomma, sottolineano l’importanza di riconoscere che i fattori biologici sono solo un pezzo del complesso puzzle sulle cause dei disturbi mentali.

“Non stiamo certamente dicendo che le persone dovrebbero ignorare i fattori biologici quando studiano i disturbi mentali, ma è cruciale concepire la biologia come qualcosa che è parte di tutta l’esperienza umana, piuttosto che come un qualcosa che separa le persone cosiddette malate di testa da tutti gli altri”, ha detto Woo-Kyoung Ahn, professore di psicologia e coautore dello studio.

 

Tratto da: psypost.org (Traduzione e riassunto a cura della dottoressa Alice Fusella)

 

 

  |   Letto: 2399 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

La neurobiologia dell'attaccamento

In un articolo pubblicato sul British Journal of Psychotherapy si è cercato di promuovere un incontro tra il modello psicoanalitico della teoria dell'attaccamento con i modelli psicobiologici Comprendere la neurobiologia dell'attaccamento nasce dall'esigenza di ricercare un connubio tra disc...

Neurobiologia dell’anoressia nervosa

Alcuni studi hanno mostrato consistenti anormalità nei sistemi di ricompensa e nel sistema fronto-striatale di soggetti con anoressia nervosa, spianando così la strada per cercare di comprendere l’attività neurale direttamente correlata ai disturbo del comportamento alimentare. L&r...

Correlati neurobiologici della disforia di genere

Vi sono alcuni studi che suggeriscono che lo sviluppo della disforia di genere sia correlato a meccanismi biologici, come fattori genetici o esposizione prenatale ad ormoni sessuali, nonché fattori ambientali come le pratiche di cura e supporto genitoriale. Quando si parla di disforia di genere, segue...

La vergogna: un'emozione nascosta, contagiosa e pericolosa

La vergogna può divenire un'emozione pericolosa quando viene sperimentata come schiacciante; oltre a sentimenti di invidia, collera, rabbia, tristezza, depressione e senso di vacuità, la vergogna può influenzare negativamente il modo in cui ci si vede e percepisce. Come emozione auto-cos...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.