Pubblicità

Mass media, stigma e malattia mentale

Nel panorama mediatico attuale, la malattia mentale viene sempre più ricondotta a due uniche categorie mentali quali l'ansia e la depressione! Questo avviene come causa di una disinformazione? O per la presenza di un pesante stigma rispetto ad altre condizioni?

mass media stigma malattia mentaleRecentemente, nel mondo mediatico, si sta iniziando sempre più a parlare di malattia mentale; questo passaggio, che probabilmente riflette quello che è un mutamento culturale in atto, può essere considerato come un qualcosa di positivo.

Anche nel panorama Hollywoodiano, le star americane, che fino a poco tempo fa, nascondevano i loro problemi di salute mentale per paura di non essere più “ricercate”, ora invece iniziano a discutere apertamente della loro ansia o depressione: prendiamo ad esempio Catherine Zeta-Jones, Carrie Fisher e Demi Lovato, giusto per citarne alcuni.

In questo nuovo scenario, ciò che risalta è l'aver racchiuso, probabilmente come causa di una disinformazione e presenza di un pesante stigma, la malattia mentale a due uniche categorie, quali quella dell'ansia e della depressione.

Tutte quelle sfumature meno conosciute e anche più spaventose della malattia mentale vengono spesso nascoste, o sono volontariamente misconosciute.

Se prendiamo ad esempio la psicosi, questa è una problematica che viene ancora ignorata, portando spesso coloro che la vivono a rimanere nascosti e in silenzio; questo rappresenta un problema, in quanto, come sostenuto anche dai ricercatori che studiano l'impatto dello stigma sulla salute mentale, impedirebbe alle persone affette da psicosi di cercare ed ottenere il trattamento di cui hanno disperatamente bisogno.

La psicosi, in termini generali, è una condizione che provoca allucinazioni, deliri e disturbi del pensiero; questa può includere allucinazioni uditive o visive, deliri di grandezza o di persecuzione, talvolta catatonia ossia un'improvvisa perdita dell'abilità motoria.

Sicuramente, se si parla meno di psicosi, ma più di depressione è perchè, almeno in parte, la psicosi sembrerebbe meno comune.

In accordo al National Alliance on Mental Illness, più di 100.000 giovani presentano almeno un episodio psicotico durante gli ultimi dodici mesi, rispetto ai 16 milioni che presentano almeno un episodio depressivo nello stesso range temporale.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Giuseppina Grazioso
V.le Papa Giovanni XXIII, 33 - BARI
Cell: 338 7780330
Dottoressa Sara Crudi
Via Norma Fratelli Parenti, 65/A - ROMA
Cell: 333 4514828

La prevalenza generale della psicosi, che può anche essere un sintomo caratterizzante un episodio depressivo maggiore, è di circa il 3% della popolazione americana (circa 9 milioni di persone), contro una condizione depressiva che colpisce circa il 7% della popolazione (circa 22 milioni).

Le evidenze empiriche suggeriscono anche che molte persone con psicosi hanno probabilmente avute esperienze interpersonali in cui, il confidare quello che era il proprio sintomo, innescava nell'altro una reazione di paura e, successivo allontanamento.

La ricerca ha inoltre suggerito che gli individui con psicosi sono giudicati più negativamente dal pubblico, sperimentando una maggiore discriminazione rispetto alle persone con altre malattie psichiatriche.

In altre parole, secondo il Dottor David Kimhy, professore presso la Columbia Medical Center University, le persone affette da psicosi costituiscono il gruppo maggiormente stigmatizzato nel panorama dei problemi di salute mentale.

Non è ovviamente difficile immaginare il perchè; per prima cosa, basta soffermarsi a riflettere sulle rappresentazioni che i media offrono della psicosi.

Come affermato dal Dottor William Carpenter, docente di psichiatria presso la University of Meryland School of Medicine, quando si parla di psicosi, si fa spesso riferimento a “sparatorie di massa, eventi bizzarri o crimini, o utilizzo di tale parola per screditare una persona o la sua idea!”.

Psicologi in evidenza
Synesis Centro di Psicologia Dottoressa Flavia Passoni
Synesis Centro di Psicologia Via Pace, 11 Carnate - MONZA
Cell: 338 1863275
Dottoressa Maria Clara Cortellazzi
Viale S. Kasman, 15 Chiavari - GENOVA
Cell: 391 4947113

Tutto questo fa sì che molte persone potrebbero vergognarsi a descrivere o raccontare a qualcuno le loro esperienze psicotiche, in particolare quando ci si appresta a fare un colloquio di lavoro.

Uno studio del 2006 ha infatti scoperto che la metà dei datori di lavoro americani sono “riluttanti” ad assumere persone con una storia psichiatrica passata, cifra che sale al 70% qualora queste assumano anche farmaci antipsicotici.

Le conseguenze di questa stigmatizzazione si estendono oltre l'occupazione, in quanto essendo estesa al pubblico e al sociale, diviene una “barriera pervasiva che impedisce a molti individui di ricercare un'assistenza sanitaria mentale consona alla loro condizione”.

Secondo lo psichiatra Patrick Corrigan, le persone per evitare di essere etichettate come “malate di mente”, decidono volontariamente di non cercare o partecipare alle cure; questo diminuisce l'autostima dei pazienti e impedisce loro di impegnarsi in quelle “opportunità sociali” come le relazioni o le amicizie, relegandosi così in un isolamento che tenderà a cronicizzarsi.

Sarebbe pertanto auspicabile intraprendere campagne di riduzione dello stigma, e di sensibilizzazione al disagio mentale, prescindendo dalla categoria diagnostica cui si fa riferimento.

Nel frattempo, il Dottor Kimhy suggerisce a tutti quei terapeuti che hanno avuto in trattamento individui psicotici, di raccontare le loro storie ed il percorso che li ha portati a condurre una vita più funzionale.

A corroborare il tutto, anche il paziente o utente stesso, può raccontare il proprio successo professionale e sociale, perchè solo iniziando a parlare pubblicamente della psicosi sarà possibile raggiungere quelle orecchie “sorde” che odono solo ciò che vuole sentire!

 

 

Tratto da “Science of US”

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Giorgia Lauro)

  |   Letto: 1487 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.