Pubblicità

METTERSI IN GIOCO. Riflessioni sul lavoro psicologico ed educativo con i bambini

Articolo a cura della Dottoressa Carmen Pernicola

relazione psicologica con i bambiniLa relazione con il bambino è una relazione molto delicata e coinvolgente, giacché è sempre, prima di tutto, una relazione tra due universi emozionali. Il bambino, infatti, è un sensibilissimo radar delle nostre emozioni, dei nostri stati d’animo, molto abile nel leggere con chiarezza dentro di noi e vederci per come realmente siamo. Questo perché è in grado di indovinare in maniera infallibile ogni nostra reazione emotiva, a prescindere dal significato delle parole che pronunciamo, leggendo il linguaggio del corpo, le variazioni di tonalità e d’intensità della voce.

Non possiamo mentire a un bambino né possiamo impedirgli di mettersi in risonanza con il nostro universo emotivo. 
Con i bambini, quindi, non hanno effetto tutti quegli accorgimenti e quei meccanismi di negoziazione della nostra immagine che di solito utilizziamo all'interno delle relazioni tra adulti.

Inoltre, i bambini riattivano in noi emozioni e conflitti, magari sedimentati, ma sempre vivi, che abbiamo nei confronti della nostra infanzia e di cui spesso non siamo nemmeno consapevoli, col rischio di ridestare in noi remote angosce, rabbie infantili, paure mai confessate.

E questo a volte può metterci in difficoltà, specialmente se ci consegna un’immagine di noi che non ci piace, che non assomiglia all’immagine che negli anni ci siamo fatti di noi stessi, se ci mostra dei lati di noi che non vorremmo vedere, che non apprezziamo, che non sapevamo nemmeno di avere.

L’infanzia che abbiamo avuto, ma più di tutto i ricordi che di quella infanzia conserviamo dentro di noi, determinano la qualità delle relazioni che da adulti siamo in grado di avere con i bambini.

Così la relazione con i bambini richiesta dal nostro intervento professionale può attivare in noi emozioni, conflitti e desideri relativi alla nostra infanzia, che possono essere rimasti nascosti nel nostro inconscio. E come accade in ogni relazione i conflitti inconsci attivati da quella stessa relazione possono produrre risultati anche molto lontani da quelli che avremmo immaginato, scatenando risposte aggressive, ansiose o depressive.

psicoterapia infantileE’ per questo motivo che il lavoro psicologico ed educativo con i bambini reclama costantemente la nostra capacità di metterci in gioco. E’ importante che gli educatori e tutti coloro che sono impegnati in relazioni di aiuto con i bambini possano valutare la disponibilità personale a identificare e tradurre in parola il proprio universo emozionale in generale e le emozioni e i conflitti attivati dalla relazione con il bambino in particolare, per imparare a governare quelle stesse emozioni senza la necessità di negarle o di rimuoverle e, allo stesso tempo, riuscendo a non lasciarsi travolgere da esse: per sapere cosa vede il bambino quando ci guarda e cosa vediamo noi quando guardiamo lui.

Possiamo comunicare serenamente con i bambini, parlare il loro linguaggio, soltanto se quello è un linguaggio che ci piace, che rievoca in noi ricordi piacevoli e non fantasmi con cui non abbiamo ancora fatto i conti.

Ebbene, nessuno è tenuto a fare i conti con i propri fantasmi. Può anche decidere di vivere una vita difendendo strenuamente le proprie difese. Ma se vogliamo lavorare con i bambini dobbiamo farlo. Per i bambini che incontriamo, ma prima di tutto per noi stessi. Per non permettere al dolore di quei bambini, alle loro angosce, alle loro paure, di invaderci e di distruggere il nostro equilibrio psichico. Anche perché, forse, se, nonostante la nostra infanzia difficile, ci siamo avvicinati professionalmente all’universo infantile, stiamo cercando un modo di riparare alla nostra perdita, di confrontarci con essa.

Molti di noi sono adulti infelici che hanno perso la propria infanzia e che vivono soffrendo per questa perdita, ma l’infanzia perduta può essere ritrovata.

Possiamo recuperare noi stessi, la nostra parte infantile, imparare oggi a essere bambini.

Tutto ciò costituisce il punto di partenza per riuscire ad apprendere il linguaggio dei bambini e per predisporsi a un ascolto vero, empatico.

Il bambino ci parla con una lingua che dobbiamo essere in grado di tradurre. E soprattutto il bambino non parla alla nostra parla razionale, perché parla con la voce dell’istinto. E per ascoltarlo veramente dobbiamo ascoltarlo con la nostra parte istintiva. Non capiremo mai davvero un bambino, non sapremo mai interpretare i suo messaggi (bisogni, desideri, richieste di aiuto) se non lasceremo libera la nostra parte istintiva, se continueremo a pensare che il bambino “ragiona” come noi, conosce e, soprattutto, è in grado di adeguarsi alle nostre convenzioni sociali, padroneggia, come noi, i suoi bisogni ed è in grado di procrastinarli, ha delle categorie mentali ben strutturate entro le quali incasellare la realtà.

L’ascolto è un’attività delicata, molto più difficile di quanto possa sembrare. E’ già molto delicata se riguarda un altro che parla il nostro stesso linguaggio, che utilizza le nostre convenzioni e le nostre categorie. Diventa arduo con un “altro” che parla un’altra lingua e adotta schemi mentali diversi dai nostri. Ed è questo il caso dell’ascolto di un bambino da parte dell’adulto.

Comunicare con un bambino è molto più difficile di quanto possa sembrare. Non bastano le buone intenzioni. Anzi, un po’ provocatoriamente potremmo affermare che le buone intenzioni non solo non bastano ma, a volte, non servono.

La comunicazione vera con il bambino è una comunicazione tra due parti istintive, quindi non è mediata neanche dalle intenzioni.
Posso trovarmi davanti a un bambino e non avere alcuna intenzione di interessarmi ai suoi problemi, posso essere distratto da altri pensieri, ma se quel bambino ha su di sé i segni nascosti di una esperienza che in qualche modo richiama la mia infanzia, io riconoscerò quei segni, anche senza prenderne coscienza e ne resterò turbato, senza magari riuscire a capire cosa mi ha turbato.
L’ascolto autentico richiede soprattutto che chi desidera ascoltare sappia prima ascoltare se stesso, riconoscendo il proprio universo emozionale e i conflitti che la relazione d’aiuto con i bambini può attivare in lui.

Possiamo davvero ascoltare un bambino, comprendere i suoi bisogni, riuscire a tenere nella nostra mente la sua sofferenza, solo se abbiamo effettuato un impegnativo percorso di maturazione personale e abbiamo accettato di guardare in faccia il bambino che siamo stati.

Solo riconoscendo le nostre emozioni e la nostra sofferenza riusciremo davvero a mettere in gioco noi stessi e ad avere una relazione autentica con i bambini che incontreremo lungo la nostra strada professionale e personale.

 

Carmen Pernicola
Psicologa clinica - Roma

 

 

  |   Letto: 6337 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

La terapia sistemico-relazionale

La terapia Sistemico-Relazionale si diffuse negli Stati Uniti durante gli anni '50, in particolare grazie alle teorie della prima e seconda cibernetica e la teoria dei sistemi elaborata da L Von Bertanlaffy. La "Scuola di Palo Alto" e il Mental Research Institute. La psicoterapia ad indirizzo sistemico-relaz...

Psicologo del marketing e della comunicazione

Lo psicologo della comunicazione e marketing è un laureato in psicologia, abilitato dall'Esame di stato all'esercizio della professione, iscritto all’Albo degli psicologi nella sezione A. Deve essere capace di operare in completa autonomia professionale e di instaurare una collaborazione paritaria con a...

Come scegliere uno psicoterapeuta

Trovarsi bene con il proprio psicoterapeuta è importante, ma fidarsi di lui lo è ancora di più. Per questo, i modi per reperire lo psicoterapeuta che fa al caso nostro sono solo due: come riferimento da una persona che conosciamo oppure cercandolo in prima persona. In entrambi i casi non è detto che ci si...

I confini sfocati in famiglia: l'invischiamento

L'invischiamento, una dinamica familiare che può essere descritta come la presenza di confini sfocati tra i membri, può rendere difficile o impossibile per un bambino sviluppare un senso individuale di sé perchè eccessivamente preoccupati per gli altri. Lo psicoterapeuta familiare...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.