Pubblicità

Mettersi nei panni dell'altro: l'empatia

Quali sono le differenze tra l'empatia emotiva e cognitiva? Si può coltivare l'empatia?

mettersi nei panni dell altro empatiaL'empatia è un concetto ampio con cui si fa riferimento alle reazioni cognitive ed emotive di un individuo in risposta alle esperienze osservate in un altro.

Avere empatia incrementa la probabilità di aiutare gli altri e di mostrare compassione.

Secondo il Greater Good Science Center, un istituto di ricerca che studia la psicologia, la sociologia e le neuroscienze del benessere,“l'empatia è un blocco di costruzione morale che aiuta le persone a mettersi nei panni degli altri”.

E' anche un ingrediente chiave delle relazioni di successo perchè ci aiuta a comprendere le prospettive, i bisogni e le intenzioni degli altri”.

Sebbene possano sembrare simili, vi è una chiara distinzione tra empatia e simpatia. Secondo Hodges e Myers, nell'Enciplopedia della Psicologia Sociale, “l'empatia è spesso definita dalla comprensione dell'esperienza altrui in una determinata situazione: una comprensione dell'esperienza dell'altro come se la si stesse vivendo in prima persona, pur senza esperirla direttamente. Viene sempre mantenuta una distinzione tra sé e gli altri. La simpatia, al contrario, implica l'esperienza di essere mossi da qualcosa o di rispondere in sintonia con un'altra persona”.

Empatia emotiva e cognitiva

I ricercatori distinguono tra due tipologie di empatia. Soprattutto nella psicologia sociale, l'empatia può essere classificata come una risposta emotiva o cognitiva. L'empatia emotiva consiste di tre componenti separate, come affermano Hodges e Myers.

La prima è legata al sentire la stessa emozione dell'altro... la seconda componente, l'angoscia personale, si riferisce ai propri sentimenti di angoscia in risposta alla difficile situazione di un altro. La terza componente, quella della compassione per un'altra persona, è quella maggiormente associata con lo studio dell'empatia in psicologia”, hanno spiegato gli autori.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Beatrice Bonechi
Via Aretina, 251/A - FIRENZE
Cell.: 338 2496662
Dottoressa Sara Ruiba
Via Cortevecchia, 59 - FERRARA
Cell.: 338 2315061

È importante notare che i sentimenti di angoscia associati all'empatia emotiva non riflettono necessariamente le emozioni dell'altra persona.

Hodges e Myers notano che, mentre le persone empatiche si sentono angosciate quando qualcuno cade o si fa male, non sperimentano certamente lo stesso dolore fisico.

Questo tipo di empatia è particolarmente rilevante quando si tratta di discussioni sul comportamento umano compassionevole. Esiste una correlazione positiva tra sentimento empatico ed essere disposti ad aiutare gli altri.

Molti dei più nobili esempi di comportamento umano, incluso l'aiuto verso estranei o persone stigmatizzate, si pensa abbiano radici empatiche”, secondo Hodges e Myers.

Rimane il dibattito sul fatto che l'impulso ad aiutare si basi sull'altruismo o sull'interesse personale.

Il secondo tipo di empatia è l'empatia cognitiva. Questa si riferisce al modo in cui un individuo può percepire e comprendere le emozioni di un altro.

L'empatia cognitiva, nota anche come accuratezza empatica, implica “avere una conoscenza più completa e accurata dei contenuti della mente di un'altra persona”, proseguono gli autori.

L'empatia cognitiva è più come un'abilità: gli umani imparano a riconoscere e comprendere lo stato emotivo degli altri come un modo per elaborare le emozioni ed il comportamento. Mentre non è chiaro esattamente come gli umani sperimentino l'empatia, vi è un crescente corpo di ricerca sull'argomento.

Come empatizziamo?

Gli esperti nel campo delle neuroscienze sociali hanno sviluppato due teorie nel tentativo di ottenere una migliore comprensione dell'empatia.

La prima, denominata Teoria della Simulazione (Simulation Theory), “propone che l'empatia sia possibile perchè vediamo un'altra persona vivere un'emozione, stiamo simulando o rappresentando la stessa emozione in noi stessi per come la conosciamo”.

Vi è anche una componente biologica in questa teoria. Gli scienziati hanno rintracciato l'attivazione di “neuroni specchio” che si accendono quando gli umani osservano e sperimentano le emozioni.

Vi sono anche parti del cervello nella corteccia prefrontale mediale - responsabile dei processi di livello più alto di pensiero – che mostrano una sovrapposizione dell'attivazione sia per i pensieri focalizzati su sé stessi che pensieri focalizzati sugli altri.

Pubblicità

Alcuni esperti ritengono che l'altra spiegazione scientifica dell'empatia sia in completa opposizione alla teoria della simulazione.

È infatti la Teoria della mente, la capacità di capire cosa un'altra persona sta pensando e sentendo basandosi su regole legate a come si dovrebbe pensare o sentire in una data circostanza.

Questa teoria suggerisce che gli umani possono usare i processi di pensiero cognitivo per spiegare lo stato mentale degli altri. Secondo questa teoria sul comportamento umano, gli individui possono prevedere o spiegare le azioni degli altri.

Sebbene non vi sia un chiaro consenso, è possibile che questo processo coinvolga sia risposte automatiche e dinamiche sia ragionamenti concettuali appresi.

A seconda della situazione, possono essere attivate una o entrambe le risposte empatiche.

Coltivare l'empatia

L'empatia sembra avere alcune radici nell'evoluzione. Infatti, “le forme elementari di empatia sono osservate nei nostri parenti primati, nei cani e persino nei ratti”, afferma il Greater Good Science Center.

Da una prospettiva evolutiva, gli umani iniziano a mostrare segni di empatia nelle interazioni sociali durante il secondo ed il terzo anno di vita.

Secondo l'articolo di Jean Decety ,“esistono prove convincenti che promuovono il comportamento sociale nella prima infanzia. Neonati di appena 12 mesi di età sono capaci di confortare qualcuno che è vittima di disagio, e dai 14 ai 18 mesi di età, i bambini mostrano tale comportamento in modo spontaneo, senza andare alla ricerca di una ricompensa”.

Mentre le influenze ambientali e genetiche consentono ad una persona di entrare in empatia, secondo i ricercatori, tendiamo ad avere lo stesso livello di empatia per tutta la vita, senza alcun declino legato all'età.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Irene Giangreco Marotta
Via Paolessi, 1 - RIETI
Cell: 347 1332633
Dottoressa Marialuisa Fabbro
Via G. Garibaldi, 18 - VERONA
Cell: 347 4193619

Indipendentemente dall'età, l'empatia è stata associata con un benessere positivo e maggiori capacità relazionali.

I fattori sociali e culturali influenzano fortemente dove, come e a chi manifestiamo empatia. È un qualcosa che si sviluppa nel tempo ed in relazione al nostro ambiente sociale, fino a diventare una risposta così complessa che è difficile riconoscere l'origine in risposte semplici, come la mimica del corpo o il contagio emotivo.

Psicologia ed empatia

Nel campo della psicologia, l'empatia è un concetto centrale. Dal punto di vista della salute mentale, quelli che hanno alti livelli di empatia hanno maggiori probabilità di funzionare bene nella società.

L'empatia è vitale per costruire relazioni interpersonali di successo nell'unità familiare, amicale, sentimentale, lavorativa e così via.

La mancanza di empatia, quindi, è una delle condizioni del disturbo di personalità antisociale e del disturbo narcisistico di personalità.

Inoltre per i professionisti della salute mentale come gli psicologi e psicoterapeuti, avere empatia per i propri clienti è una parte importante per un trattamento di successo.

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

  |   Letto: 1219 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.