Pubblicità

Minority stress e minoranze gruppali

Lo stigma, il pregiudizio e la discriminazione crea un ambiente sociale stressante che può sfociare in problemi di salute mentale in soggetti che appartengono a minoranze gruppali stigmatizzate.

minority stress minoranzeUn’elaborazione della teoria dello stress sociale può essere definita come Minority Stress con l’intento di distinguere l’eccessivo stress a cui sono esposti individui appartenenti a categorie sociali stigmatizzate, come risultato della loro posizione sociale, ossia una minoranza.

Il modello del minority stress non può essere riscontrato all’interno di una teoria specifica, in quanto dedotto da teorie sociologiche e psico-sociologiche.

Le teorie più rilevanti hanno indagato gli effetti avversi delle condizioni sociali, come lo stigma e il pregiudizio, sulla vita di individui e gruppi.

I teorici sociali hanno indirizzato così il proprio interesse sui processi alienanti messi in atto da parte delle strutture sociali e istituzionali.

Per esempio, l’importanza dello sviluppo sociale era di centrale importanza nello studio dell’anomia di Durkheim, ossia uno stato di dissonanza cognitiva tra le aspettative normative e la realtà vissuta, come causa diretta di suicidio.

Secondo Durkheim, le persone hanno bisogno di una regolamentazione morale da parte della società al fine di riuscire a gestire i propri bisogni e aspirazioni.

L’anomia, ossia un senso di perdita di tali norme, perdita del controllo sociale e alienazione, può sfociare nel suicidio, in quanto i bisogni sociali di base non vengono soddisfatti.

Pearlin ha invece enfatizzato la rilevanza del lavoro di Merton sulla teoria dello stress, sottolineando come “ secondo Merton, la società si pone come un fattore di stress.. stimolando una conflittualità dei valori con le strutture sociali in cui sono inserite.”

Soggetti appartenenti ad una minoranza rischiano pertanto di divenire oggetto di tali conflitti in quanto le norme, le strutture sociali e la cultura dominante non riflettono quelli della minoranza gruppale.

Un esempio di tale conflitto tra gruppi dominanti e minoritari è la mancanza di un’istituzione sociale affine tra il matrimonio eterosessuale e la vita intima e familiare delle popolazioni LGB-T (Lesbiche-Gay-Bisessuale-Transgender).

Più generalmente, Moss ha sottolineato che le interazioni sociali forniscono agli individui informazioni sulla costruzione del mondo; la salute è compromessa quando queste informazioni sono incongruenti rispetto alle esperienze di tali minoranze.

Le teorie psico-sociologiche forniscono inoltre un ricco quadro per la comprensione delle relazioni gruppali nonché l’impatto dell’appartenenza ad una minoranza gruppale sulla salute.

Le teorie inerenti l’identità sociale e la costruzione/categorizzazione di Sé in riferimento all’entourage in cui siamo inseriti consentono una maggiore comprensione di tali relazioni e l’impatto che queste hanno sul Sè.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Annalisa Di Sabatino
Via Reno, 30 - ROMA
Tel.: 06 8419950
Dottoressa Valeria Colasanti
Viale Regina Margherita, 157 (Studio Psicologico Alfa) - ROMA
Cell: 348 8197748

Queste teorie postulano che il processo di categorizzazione (ad esempio le varie distinzioni tra gruppi sociali), innesca importanti processi intergruppali quali la competizione e la discriminazione che portano allo sviluppo di un ancoraggio al gruppo e ad un auto-definizione.

Seguendo una prospettiva differente, i teorici che hanno indagato il confronto sociale e l’interazione simbolica, vedono l’ambiente sociale come veicolo attraverso cui le persone conferiscono un senso al loro mondo e un’organizzazione delle loro esperienze.

Le interazioni con gli altri sono spesso cruciali per lo sviluppo di un senso di Sé positivo. Cooley a tal proposito riferisce che l’altro si pone come “specchio” di Sé.

Le teorie sull’interazione simbolica suggeriscono invece che una considerazione negativa da parte degli altri determina una considerazione negativa di Sé. Similarmente, il principio di base delle teorie di valutazione sociale è che gli esseri umani apprendono di Sè stessi attraverso il confronto con gli altri.

Entrambe queste prospettive teoriche suggeriscono che una valutazione negativa da parte degli altri – come gli stereotipi o i pregiudizi diretti a minoranze sociali – può compromettere la salute psicologica.

Similarmente, Allport ha descritto il pregiudizio come un ambiente nocivo per le minoranze gruppali che determina una compromissione della salute mentale di esse.

Nel discutere tali effetti, da lui definiti come “tratti vittimizzanti”, Allport suggerisce che la relazione tra considerazioni negative degli altri e il danno alla persona appartenente ad una minoranza, è molto evidente: “la propria reputazione, vera o falsa che sia, non può essere martellata costantemente, senza provocare qualcosa nella propria testa.”

Al di là delle variazioni teoriche, un concetto unificato potrebbe emergere dalla teoria dello stress. Lazarus e Folkman hanno descritto un conflitto tra l’individuo e il suo/sua esperienza nella società come essenza dello stress sociale, e Pearlin ha descritto gli stressor ambientali come associati direttamente con la propria posizione all’interno della società.

Più generalmente Selye ha descritto un senso di armonia con l’ambiente come la base per una vita salutare; la deprivazione di questo senso di armonia potrebbe essere considerato come la fonte del Minority stress.

Certamente, quando un individuo è un membro appartenente ad una minoranza gruppale stigmatizzata, la disarmonia tra questo e la cultura dominante può risultare onerosa e significativamente stressante.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Ilaria Artusi
Via Lorenzetti, 15 - AREZZO
Cell.: 333 3945439
Dottor Luigi Pignatelli
via Romagna, 20 - TARANTO
Cell.: 331 1087853

La storia americana è piena di racconti in cui balzano fuori gli effetti negativi del pregiudizio verso i membri di gruppi minoritari e delle loro lotte per ottenere la libertà e l’accettazione.

Tali condizioni si prefigurano pertanto come stressanti e riguardano diverse categorie sociali, in particolare per gruppi definiti in base al genere, la razza o l’etnia.

Tale modello è stato anche applicato a gruppi definiti sulla base di caratteristiche stigmatizzanti, come persone in sovrappeso, persone con malattie fisiche come il cancro o l’AIDS, e persone che presentano “modificazioni fisiche” quali piercing e tatuaggi.

Nello sviluppare il concetto del minority stress, i ricercatori hanno promosso alcuni assunti di base per poterlo spiegare; innanzitutto esso è unico, nel senso che il minority stress va a sommarsi a fattori di stress generali che sono esperiti da tutte le persone, e di conseguenza, le persone stigmatizzate vanno incontro ad uno sforzo maggiore di adattamento rispetto a coloro che non lo sono; è cronico, nel senso che il minority stress è correlato alla relativa stabilità delle strutture sociali e culturali; e infine è promosso dalla società, ossia prende vita da processi sociali, istituzioni e strutture che vanno al di là di eventi o condizioni individuali che caratterizzano gli stressor generali, come ad esempio le caratteristiche biologiche, genetiche, individuali e/o gruppali.

Thoits ha effettuato a tal proposito una revisione della letteratura sullo stress e sull’identità. Applicando un modello di minority stress alle popolazioni LGB-T ha ipotizzato che il pregiudizio sessuale è stressante e può determinare una compromissione della salute mentale.

Il processo del Minority Stress nelle popolazioni LGB-T

Non vi è un consenso unanime rispetto agli specifici processi stressanti che influenzano le popolazioni LGB-T, ma la teoria psicologia, la letteratura inerente lo stress, e la ricerca sulla salute mentale di tali popolazioni fornisce diverse idee per l’articolazione e progettazione di un modello del Minority stress.

È necessario, a tal proposito, una distinzione distale-prossimale basata sulla concettualizzazione dello stress correlata all’appartenenza ad una minoranza, nonché all’impatto che esso ha sugli individui.

Lazarus e Folkman descrivono le strutture sociali come “concetti distali i cui effetti sull’individuo dipendono da come essi manifestano nel contesto i propri pensieri, sentimenti e azioni – ossia l’esperienza sociale prossimale della propria vita”.

Le attitudini sociali distali divengono psicologicamente importanti attraverso la valutazione cognitiva e divengono successivamente concetti prossimali in relazione all’importanza psicologica che esse assumono per l’individuo.

Crocker et al., effettuarono una distinzione simile tra una realtà oggettiva, che include pregiudizi e discriminazione, e “lo stato mentale che l’esperienza dello stigma crea nel soggetto stigmatizzato”.

Essi notarono che “questi stati mentali gettano le loro basi in una realtà fatta di stereotipi, pregiudizi e discriminazione”,  trovandosi in accordo con la concettualizzazione della valutazione soggettiva e prossimale come manifestazione della condizione ambientale obiettiva e distale.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Annalisa Di Sabatino
Via Reno, 30 - ROMA
Tel.: 06 8419950
Dottoressa Valeria Colasanti
Viale Regina Margherita, 157 (Studio Psicologico Alfa) - ROMA
Cell: 348 8197748

Sulla base di queste premesse, verranno descritti i processi del minority stress lungo un continuum che va da stressor distali, tipicamente definiti come eventi e condizioni obiettivi, a processi personali prossimali, derivanti da definizioni soggettive che si basano su valutazioni e percezioni individuali.

Dal distale al prossimale troviamo:

  1. Condizioni ed eventi stressanti esterni oggettivi (cronici e acuti);
  2. Aspettative inerenti tali eventi e vigilanza richiesta;
  3. Interiorizzazione di attitudini sociali negative.

Dall’altra parte, la ricerca psicologica nell’area della scoperta/svelamento, ossia del coming-out, ha suggerito che uno dei processi stressanti più importanti è il nascondere il proprio orientamento sessuale.

Il nascondere il proprio orientamento sessuale può essere inquadrato come uno stressor prossimale in quanto l’influenza dello stress si pensa avvenga attraverso processi psicologici interni, compresi quelli psico-neuro-immunologici.

Gli stressor distali possono invece essere definiti come stressor oggettivi che non dipendono dalla percezione o valutazione individuale e possono apparire come indipendenti dall’identificazione personale con lo stato di minoranza assegnato.

Per esempio, una donna può volere una relazione romantica con un’altra donna, ma non si identifica come lesbica.

Tuttavia, se percepisce l’assegnazione ad una categoria specifica quale “lesbica” da parte degli altri, potrebbe soffrirne a causa dello stress associato al pregiudizio verso le popolazioni LGB.

All’opposto i processi stressanti prossimali sono più soggettivi e connessi alla propria identità o immagine di Sé come lesbica, gay o bisessuale.

Tali identità variano nei significati sociali e personali che sono ad essi connessi e nello stress soggettivo che essi comportano.

L’identità annessa ad una minoranza è altresì legata ad una varietà di processi di stress; alcune persone LGB, per esempio, possono essere vigili nelle interazioni con gli altri (aspettative di rifiuto), nascondono la loro identità per paura di subire un danno (dissimulazione) o interiorizzano lo stigma (omofobia interiorizzata).

Ovviamente, esistono anche dei fattori che possono risultare protettivi per l’individuo, soprattutto se inserito in situazioni particolarmente stressanti.

Volendo concludere, Kitzinger ha suggerito che una visione del fenomeno puramente soggettiva e individualistica può portare ad ignorare il bisogno di importanti cambiamenti politici e strutturali; a tal proposito l’autore si chiede:

“ se gli psicologi si pongono l’obiettivo di diminuire lo stress e incrementare la forza dell’io della vittima, su cosa si concentrano maggiormente? Su una visione del soggetto come vittima o come soggetto potenzialmente resiliente? Su cosa indirizzeranno il loro lavoro terapeutico?”.

Alla luce di tale quesito, non vi è una soluzione più giusta o migliore. Sicuramente l’autore ha voluto semplicemente innescare una riflessione attiva rispetto ad una visione dello stress che può essere tanto oggettiva che soggettiva.

Il non tralasciare entrambi gli aspetti può comunque determinare la messa in atto di interventi non solo ad un livello individuale ma anche sociale e strutturale.

Articolo tratto dalla rivista “Psychol Bull”

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Giorgia Lauro)

  |   Letto: 1592 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.