Pubblicità

Musicoterapia, salute e benessere

Autismo, demenza, depressione, insonnia e sviluppo infantile: la musicoterapia come terapia integrativa per molte condizioni!

musicoterapia salute benessereLa visione comune del farmacista potrebbe essere quella di un soggetto che mira a promuovere e suggerire, indistintamente, l'utilizzo di un farmaco per ciò che ci affligge.

Tuttavia la Dottoressa Catherine Ulbricht, co-fondatrice della Natural Standard Research Collaboration, ritiene che questo sia vero nei casi di assistenza sanitaria; in qualità di farmacista aspira primariamente a ricercare una via meno invasiva per promovuore il benessere dell'altro, attraverso delle misure di prevenzione dello stress, o un programma di esercizio fisico prima di prescrivere la “pillola magica”.

Una modifica dello stile di vita può infatti aiutare a prevenire gli effetti e le interazioni avverse associate con alcuni farmaci, erbe e integratori.

Si è però osservato come, per la maggior parte delle persone, la musica rappresenti una parte importante della vita quotidiana.

Alcuni utilizzano la musica per “rasserenare” le mattinate intense che li aspettano, mentre altri possono prediligere alcuni tipi di musica rispetto ad altri ad esempio durante un allenamento.

Molte persone ricorrono alla musica anche mentre cucinano, fanno la doccia o raccolgono il bucato.

La musica è spesso legata all'umore: una certa canzone può farci sentire felici, tristi, energici o rilassati.

Considerando quindi che la musica può avere un determinato impatto sulla mentalità e benessere della persona, non dovrebbe essere una sorpresa constatare che la musicoterapia è stata studiata per comprendere come poterla usare nella gestione di numerose patologie.

Le diverse forme musicali possono infatti avere degli effetti terapeutici, ma in tal senso non possono essere tralasciate le provenienze culturali di ognugno.

Nella teoria medica cinese si ritiene che i cinque organi interni e i sistemi meridiani siano corrispondenti a determinati toni musicali che vengono utilizzati per favorire la guarigione.

Le tipologie musicali si differenziano per i tipi di stimolazione neurologica che evocano.

Ad esempio, si è visto che la musica classica può determinare una sensazione di confort e di relax, mentre quella rock può determinare disagio.

La musica può raggiungere i suoi effetti terapeutici elevando, in parte, la soglia del dolore; questa può essere utilizzata con l'immaginazione guidata per produrre stati alterati di coscienza che aiutano a scoprire le risposte emotive nascoste, nonché stimolare intuizioni creative.

Può essere utilizzata in classi per aiutare i bambini nello sviluppo delle compentenze linguistiche.

Le evidenze scientifiche sostengono che l'uso della musicoterapia si rivela utile per il miglioramento del tono dell'umore, nonché per alleviare sintomi legati all'ansia e allo stress.

Psicologi in evidenza
Dottor Edoardo Guerrieri
Via Roma, 34 Empoli - FIRENZE
Cell: 338 3753458
Dottoressa Arianna Grazzini
Corso Trieste, 59 - ROMA
Cell: 334 7666763

Verranno quindi ora presentate alcune condizioni per le quali la musicoterapia è stata studiata e supportata da buone prove scientifiche.

Autismo

L'autistmo è un disturbo cerebrale associato con una vasta gamma di problemi dello svilluppo, in particolare per la comunicazione e le interazioni sociali.

Secondo l'American Psychiatric Association, l'autismo è classificato come un disturbo dello spettro autistico (ASD).

Questi disturbi sono caratterizzati da problemi di comunicazione, interazione sociale, nonché comportamenti ripetitivi e insoliti.

Alcuni professionisti utilizzano un termine più ampio per descrivere l'autismo chiamato disturbo pervasivo dello sviluppo (Pervasive deveolpment disorder, PDD).

Oltre all'autismo, vi sono altri quattro disturbi che si qualificano come PDD: la sindrome di Aspeger, il disturbo disintegrativo dell'infanzia, Sindrome di Rett, e disturbo dello sviluppo non altrimenti specificato (PDD-NOS).

Le persone che hanno disturbi dello spettro autistico mostrano un maggiore interesse e risposte alla musica; questo può quindi essere di aiuto nell'insegnamento delle capacità di comunicazione verbale e non verbale e nello stabilire i normali processi di sviluppo.

Demenza

Il termine demenza si riferisce ad una degenerazione delle funzioni cognitive che coinvolge le capacità di comprensione, percezione e consapevolezza di pensieri e idee.

Questa può essere causata da cambiamenti nel cervello associate alla malattia o un trauma; i cambiamenti possono avvenire gradualmente o rapidamente.

Le funzioni cognitive che possono essere influenzate dalla demenza comprendono il processo decisionale, il giudizio, la memoria, l'orientamento spaziale, il pensiero, il ragionamento, e la comunicazione vervale.

La demenza può anche provocare cambiamenti comportamentali e della personalità, a seconda della zona/e del cervello che sono deteriorate dalla malattia.

In adulti più anziani con il Morbo di Alzheimer, la demenza e altri disturbi mentali, la musicoterapia sembrerebbe ridurre il comportamento aggressivo o agitato, ridurre i sintomi della demenza, miglioramenteo del tono dell'umore e una maggiore cooperazione rispetto alle attività quotidiane.

La musicoterapia può anche diminuire il rischio di malattie cardiache in pazienti anziani affetti da demenza.

Depressione

La depressione è un disturbo mentale che coinvolge il corpo, l'umore e i pensieri; questa è classificata come disturbo dell'umore e presenta una sintomatologia che colpisce il modo in cui una persona mangia e dorme, il modo in cui si sente, e il modo in cui si pensano le diverse situazioni della vita.

A differenze delle normali esperienze emotive di tristezza, perdita, lutto e via dicendo, i disturbi depressivi sono persistenti e possono interferire in modo significativo con i pensieri in un individuo, il comportamento, l'umore, l'attività e la salute fisica.

Secondo l'Istituto Nazionale della Salute Mentale, i disturbi depressivi colpiscono circa 18,8 milioni di adulti americani e, in un anno il 9,5 % della popolazione americana sopra i 18 anni.

Rispetto alla musicoterapia, si è osservato che in tale condizione questa può aumentare la reattività ai farmaci antidepressivi.

Negli adulti anziani con depressione, un programma basato sulla musicoterapia può produrre effetti benefici di lunga durata. Nelle donne adulte depresse, la musicoterapia può portare ad una riduzione della frequenza cardiaca, frequenza respiratoria, pressione arteriosa, e umore depresso. La musicoterapia può anche essere utile in pazienti che hanno sviluppato la depressione dopo interventi legati all'impianto di una protesi o in pazienti sottoposti ad emodialisi.

Sviluppo infantile

La letteratura ha evidenziato che la musica ascoltata durante la gravidanza può aiutare i bambini a essere più sensibili alla musica dopo la nascita.

La musica rilassante può infatti aiutare i neonati ad essere più rilassati e meno agitati. I neonati pre-termine esposti alla musica possono presentare un aumento dei tassi di alimentazione, aumento di peso e maggiore tolleranza alla stimolazione. Essi possono anche riuscire a dormire meglio dopo la terapia.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Giuseppina Grazioso
V.le Papa Giovanni XXIII, 33 - BARI
Cell: 338 7780330
Dottoressa Paola Grasso
Via Monte Senario, 43 - ROMA
Cell.: 338 7897667

Qualità del sonno

L'insonnia rappresenta una difficoltà ad addormentarsi, avere un sonno ristoratore e svegliarsi troppo presto la mattina. Si tratta di un problema di salute comune che può causare eccessiva sonnolenza diurna e mancanza di energia.

L'insonnia a lungo termine può causare nel soggetto un perenne senso di stanchezza, depressione, irritabilità, difficoltà nel prestare attenzione e nel ricordare, ledendo così al funzionamento sociale, scolastico e/o lavorativo.

Un'insonnia grave può determinare anche alterazioni neurochimiche nel cervello che possono causare problemi come ansia e depressione, rinforzando ulteriormente l'insonnia.

Negli adulti più anziani si è osservato che la musica può favorire un miglioramento significativo della qualità del sonno, così come una durata più lunga del sonno, una sua maggiore efficienza, un tempo minore per addormentarsi, meno disturbi del sonno e meno disfunzioni durante il giorno.

Così come la musica può favorire uno stato di rilassamento e di pace, altre forme di musica possono invece indurre agitazione.

Vi sono diverse prove che la musica che riflette le preferenze personali di chi le ascolta è più probabile che produca gli effetti desiderati.

È possibile che la musica attraverso le cuffie durante le procedure mediche potrebbe interferire con la collaborazione del paziente con le procedure stesse.

Inoltre, l'ascolto di musica ad alto volume può danneggiare le orecchie e portare alla perdita dell'udito.

La musica non deve essere utilizzata come unico trattamento per le condizioni mediche o psichiatriche potenzialmente pericolose; l'uso non è raccomandato in coloro che non amano la musicoterapia in quanto potrebbe produrre agitazione o stress.

Pertanto, potrebbe risultare utile consultare un medico o un farmacista prima di provare tutte le nuove terapie complementari e alternative. Solo così si può scegliere il trattamento più efficace per soddisfare le proprie esigenze.

 

Tratto da PsychologyToday

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Giorgia Lauro)

  |   Letto: 2719 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.