Pubblicità

Nella mente di un disoccupato

Gestione del tempo, stati d’animo e ripercussioni a livello familiare e sociale.

nella-mente-disoccupatoLa disoccupazione continua ad essere uno dei temi più attuali della cronaca quotidiana. Il lavoro è considerato un elemento centrale nella vita delle persone, costituisce un valore primario e un diritto. Il lavoro è la  principale fonte di reddito, esso svolge un ruolo essenziale nel determinare lo stato socioeconomico dell'individuo, che a sua volta è stato identificato come uno dei più importanti determinanti della salute e delle disuguaglianze di salute, sia perché  su di esso si fondano la costruzione dell’identità, dell’autostima e sia la progettazione del futuro.

Molti studi evidenziano come la perdita e la precarietà del lavoro generino un forte disagio nell’individuo, il quale sempre più spesso cade in un circolo vizioso fatto di tentativi falliti che portano a riconfermare i pensieri disfunzionali e disadattivi.

Si vengono a costruire, sempre di più, sensazioni di inadeguatezza, perdita di fiducia in se stessi proprio perché si vive la perdita delle proprie certezze (che in questi casi un  lavoro può dare) tutto questo porta ad un progressivo isolamento sociale con conseguenti tensioni nei rapporti familiari.

Uno studio sulla disoccupazione ha mostrato che la perdita del lavoro è un evento molto stressante, che può essere considerato come una forma di lutto. L'effetto negativo della disoccupazione sulla salute, in particolare sul benessere psicologico, è stato interpretato alla luce di diverse teorie, di cui la più importante è quella del "modello di deprivazione latente" di Jahoda (1982). In esso si evidenzia come il lavoro fornisca agli individui benefici sia manifesti, come il reddito, sia latenti, tra cui la strutturazione del tempo quotidiano, contatti sociali, autostima, rispetto degli altri, attività fisica e mentale, condivisione di obiettivi.

Secondo questa teoria, i disoccupati avrebbero una salute mentale peggiore perché deprivati di questi benefici connessi con l'attività lavorativa, mentre il peggioramento della salute fisica insorgerebbe in tempi più lunghi e sarebbe dovuto principalmente all'azione dell'ansia cronica sull'organismo.

Molti studi  hanno preso in esame l’analisi delle relazione tra quantità di tempo libero e soddisfazione, elemento centrale del benessere soggettivo. Tra i risultati della ricerca svolta in Germania un dato rilevante è che i disoccupati spendano relativamente più tempo in attività ricreative ed esprimono meno soddisfazione per la vita rispetto ai lavoratori. Anche in Italia, tra occupati e disoccupati, si registrano tali differenze e in particolare i dati ISTAT 2013 vedono i disoccupati meno soddisfatti degli occupati.

Questo accade perché il lavoro incide sulla strutturazione del tempo e fornisce significato alla quotidianità del soggetto: la sua assenza rende destrutturate e sterili le giornate. Infatti molti autori sostengono che si può passare dal condurre una vita regolata, scandita di impegni  regolari a uno stile di vita sregolato (far tardi la sera, aumento del consumo di alcolici, fumo ecc).

La consapevolezza che il tempo libero è limitato spinge un uomo a farne un uso bene ponderato. Se invece sente che dispone di un tempo illimitato, ogni sforzo per usarlo in modo ragionevole appare superfluo.” (Jahoda, Lazarsfeld e Zeisel, 1971; tr,1998,p.111)

Cosa incide realmente nel nucleo familiare?

Lo stato di disoccupazione, come abbiamo analizzato finora, causa pensieri disfunzionali i quali fanno leva sulle preoccupazioni relative ai problemi economici, alla ridotta o mancanza di indipendenza e di controllo personale. Tutto questo se protratto nel tempo, lede l’integrità dell'immagine di sé, fino ad arrivare alla perdita della propria identità.

All’interno del nucleo familiare il soggetto può aver timore che la propria autorità venga messa in discussione, di non essere più in grado di prendersi cura dei propri cari, nascono timori anche nel  rapporto con i figli in quanto si viene a instaurare  la paura di perdere autorità ai loro occhi, di non essere un valido punto di riferimento.

Quindi l’individuo privato dell’identità professionale e del reddito, si sente svalutato, si sente di appartenere al gradino più basso della gerarchia sociale. Spesso è accompagnato da sentimenti di vergogna in quanto direttamente o indirettamente è costretto a subire sospetti di “oziosità” che rendono ancora più intollerabile e umiliante questa condizione.

In casi più gravi questi sentimenti possono sfociare in psicopatologie come ansia e depressione e in alcuni casi anche a comportamenti suicidari.

La personalità del disoccupato è molto complessa e per questo è utile istituire percorsi di sostegno psicologico al fine di circuire i pensieri disfunzionali che portano anche al classico circolo vizioso del “sabotaggio” cioè dopo aver inoltrato numerose richieste di lavoro si instaura l’atteggiamento tipico  “ Non ha alcun senso continuare tanto mi rifiuteranno sempre, nessuno mi chiamerà mai.” Questi sono comportamenti che possono in qualche modo provocare il “fallimento” dei vari tentativi.

Spesso queste profezie si confermano, così da andare a proteggersi  dalla delusione, dalla frustrazione di continui rifiuti. In questo modo si instaurano dei veri e propri circoli viziosi dai quali può diventare difficile uscire, sia a causa delle emozioni negative sperimentate, sia del fatto che quando riteniamo che qualcosa sia vero non lo mettiamo più in discussione.

 

Per approfondimento

  • Disoccupazione e salute in Piemonte di Angelo d'Errico - ASL TO3 e Giuseppe Costa(2) Università degli Studi di Torino
  • Generazioni sospese. Percorsi di ricerca sui giovani Neet. Di AA. VV., Maria Stella Agnoli. FrancoAngeli, 2015
  • Un disoccupato non è solo un lavoratore alla ricerca di un impiego. A cura del Dott. Paolo Ricci

 

A cura della Dott.ssa Angela Chiara Leonino

 

 

 

  |   Letto: 6045 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Depressione adolescenziale: come riconoscerla?

Secondo alcuni ricercatori esistono due tipologie di depressione adolescenziale: una depressione evolutiva, legata alla fase specifica dello sviluppo, ed una definita “atipica”; analizziamole entrambe. Alcuni bambini vivono il passaggio dalla pre-adolescenza all'adolescenza molto rapidamente e co...

La terapia sistemico-relazionale

La terapia Sistemico-Relazionale si diffuse negli Stati Uniti durante gli anni '50, in particolare grazie alle teorie della prima e seconda cibernetica e la teoria dei sistemi elaborata da L Von Bertanlaffy. La "Scuola di Palo Alto" e il Mental Research Institute. La psicoterapia ad indirizzo sistemico-relaz...

Psicologo del marketing e della comunicazione

Lo psicologo della comunicazione e marketing è un laureato in psicologia, abilitato dall'Esame di stato all'esercizio della professione, iscritto all’Albo degli psicologi nella sezione A. Deve essere capace di operare in completa autonomia professionale e di instaurare una collaborazione paritaria con a...

Psicoterapia di coppia

I coniugi vivono una condizione di ambivalenza fatta di qualche momento positivo e altri/molti momenti negativi con conseguenze sul proprio umore, sulla propria identità ed autostima sulla voglia di fare/non fare, sulla capacità di gestire la casa, la famiglia, il lavoro. Le difficoltà a vivere insieme ha...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.