Pubblicità

Non c’è due senza tre: madre, padre e feto

La gestazione è una crisi evolutiva importante che coinvolge entrambi i genitori e li rende diversi da come erano prima, coinvolge il nascituro stesso che compie un percorso evolutivo e forma il suo Io e la sua personalità grazie al forte legame affettivo che lo lega alla madre e, attraverso di lei, all’ambiente che lo circonda.

madre padre fetoIl feto filtra l’emozione materna, non solo per la scarica ormonale che riceve ma anche a livello psicologico, nel coinvolgimento che prova; ad esempio sogna ciò che sogna la madre; ma è anche in grado di elaborare creativamente e rispondere alle stimolazioni emotive che riceve come di indurre uno stato emotivo nella madre: l’influenza è reciproca.

La madre inizialmente ha un compito, quello di concepire come parte di se’ il corpo che si sviluppa nel suo ventre; solo riuscendo a compiere questo viaggio a ritroso nelle diverse fasi della propria infanzia portando alla luce conflitti e situazioni emotive intime e familiari, è in grado di accoglierlo completamente, senza rinunciare alla propria identita adulta. Le voglie, le nausee e il vomito non sarebbero altro che un rifiuto somatizzato della maternita’ o potrebbero derivare, a seconda dei casi, da un’ansia dell’ignoto (da una difficolta’ ad interpretare eventi esterni utilizzando categorie presistenti), da timori genetici (di dare alla luce un bambino non sano o un essere eccezionale) o stress di natura sociale cui la donna è sottoposta.

I movimenti fetali vengono perlopiù percepiti dalla gestante intorno alla 22 settimana (5° mese): il primo segno del bambino viene associato a un tocco lieve, un pesciolino che guizza, bollicine fonte di gratificazione e tenerezza che se accettati generano euforia e una tendenza all’attivita’. La percezione dei movimemti fetali sono fondamentali per l’inizio di un dialogo madre-bambino, oltre che un occasione di maggiore coinvolgimento del padre.

La madre inizia a percepire il feto come distinto da se. A livello psichico si fondono il bambino fantasmatico delle fantasie infantili, il bambino immaginario/perfetto della donna adulta, necessarie per lo sviluppo della preoccupazione materna primaria ma che con il passare del tempo e la crescita del feto si azzereranno per far posto al bambino reale (all’incirca all’ottavo mese).

Nel corso del 3 trimestre i contorni del bambino diventano piu evidenti, la sensazione di fusionalita’ armoniosa si affievolisce perche la stessa pancia sembra uscire dal corpo e compaiono ansia e preoccupazione, piu intense durante la notte, con la comparsa di insonnia. La preoccupazione per il travaglio e il parto è in genere molto intensa ma alternata a momenti di ottimismo e serenita’, desiderosa di incontrare il bambino reale e di preparare uno spazio fisico per lui.

La donna porta con se e rivisita delle rappresentazioni psichiche, che iniziando nella gravidanza l’accompagneranno fino al post partum: schemi relativi a se come donna legati a ruoli personali, sociali e familiari in quanto persona che ha la responsabilita di una vita, che sta mutando il suo corpo e protagonista di un’avventura creatrice; schemi relativi al bambino sia presenti che futuri (previsioni e aspettative), schemi del marito in quanto uomo e padre, e schemi relativi ai propri genitori.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Tiziana Casazza
Via Giambellino, 26 - MILANO
Cell: 347 7917019
Dottoressa Cristina Bergia
Viale dei Mille, 1 - FIRENZE
Cell.: 339 7067867

Secondo Stern le rappresentazioni materne durante i mesi di gestazione confluiscono nel costrutto di costellazione materna, un organizzazione psichica temporanea che si pone come una trilogia di rielaborazione in tre ambiti della vita psichica: il discorso della madre con la propria madre relativamente all’infanzia, il discorso relativo a se stessa come madre, il discorso con il proprio bambino e richiede una grande quantita di rielaborazione psichica.

Oggi lo studio delle capacita’ percettive e sensoriali del feto è in fase molto avanzata: si riconosce l’influenza dell’ambiente e l’importanza della stimolazione sensoriale nei processi di crescita e sviluppo, soprattutto di stimoli sonori. I suoni, soprattutto la voce materna,agiscono non solo sull’udito ma su tutto il corpo mentre le vibrazioni favoriscono nel bambino lo sviluppo equilibrato del sistema nervoso. L’ascolto di musica durante la vita intrauterina comporterebbe lo sviluppo di un maggior numero di collegamenti neuronali.

I genitori dovrebbero passare insieme piu tempo possibile,la madre in attesa ha bisogno di amore e attenzione da parte del partner; il coinvolgimento precoce del padre durante la gravidanza gli consente di passare piu facilmente da marito a padre e di definire il suo ruolo in famiglia.

Il padre vive il processo di gravidanza attraverso il relais psicosensoriale materno, come un fenomeno totalmente altro che si costituisce sulla base di un bambino raccontato o talvolta percepito attraverso il ventre nel periodo dell’attesa, e mostrato dalla madre una volta che è nato ma il bambino nel ventre percepirebbe la voce del padre con toni meno acuti distintamente.

A partire dal II° trimestre con la percezione dei movimenti fetali il padre inizia a costruire un immagine di quello che sara’ il suo ruolo e potra reagire in modo diverso: buttandosi a capofitto nel lavoro, rifiutando la compagna, non piu moglie ma solo madre o proteggendola esageratamente eccc: un modo loro di reagire all’ansia potrebbe essere quello di sentirsi estranei ad esempio ai discorsi da donne e a tutto quello che le succede o essere piu solleciti e presenti ma provando piu gelosia per il rapporto madre/bambino.

L’uomo avra’ bisogno di molto tempo e di un’interazione fisica e concreta; sara’ necessario attendere che il nascituro prenda spazio, sia fisico che mentale,all’interno della coppia e solo a partire dalla seconda meta’ del primo anno di vita, grazie all’incremento delle interazioni, il piccolo riconoscera’ il padre e lo obblighera a una serie di riaggiustamenti a livello intrapsichico e relazionale.Il padre, nel costruire la rappresentazione di se’ in quanto tale, si servira della propria relazione di coppia e del tipo di legame che lo lega alla sua partner, come di quella introiettata del proprio padre.

La sessualita’ in gravidanza viene inibita per la riuattivazione di fantasie inconscie nei 2 partner, secondo alcuni autori durante il secondo trimestre i rapporti potrebbero aumentare per maggiore irrorazione sanguigna nei genitali femminili,maggiore reattivita’ uterina e aumentato volume dell’utero che favorirebbero l’orgasmo femminile, con aumentata emotivita’, sonno rem e raddoppiamento delle fantasie sessuali, cosi la vita sessuale ne risentirebbe positivamente.ma la sessualita’ puo essere agita se autorizzata dal compagno. Ciò che si deve conservare è un linguaggio di tenerezza e un atteggiamento protettivo e accudente dei due partner, uno spazio contenitivo di coppia che i due sono riusciti a creare nel tempo nella consapevolezza dei cambiamenti che la gravidanza comporta mantenendo un atteggiamento flessibile.

Partendo dagli studi ecografici della motilita’ intrauteriuna si puo parlare di personalita’ fetale in grado di avere un simbolismo rtmico e uditivo, attivita’ di sogno e funzione alfa.In effetti fin dall’inizio il feto è sollecitato dal battito cardiaco materno e dal respiro e a partire dalla 24 settimana l’apparato uditivo fetale è paragonabile a quello adulto e il feto è in continuo ascolto del mondo esterno.

Psicologi in evidenza
Dottor Francesco Innocenti
Via T. Tozzetti, 23 - FIRENZE
Cell.: 340 7525217
Dottoressa Beatrice Bonechi
Via Aretina, 251/A - FIRENZE
Cell.: 338 2496662

Di tutti gli organi il cervello è il primo che si organizza, tra le due e le tre settimane dopo il concepimento e svolge una funzione di guida nella formazione dei vari sistemi e apparati del corpo.Man mano che procede lo sviluppo del tubo neurale, le cellule nervose iniziano a raggiungere la loro stazione definitiva nel cervello o nel sistema nervoso autonomo; poi insieme costituiscono, grazie alle sinapsi il sistema nervoso periferico.Con il passare delle settimane e dei mesi è possibile che il feto sia in grado di elaborare gli input esterni in emozioni elementari e cominci ad abbozzare una prima forma di pensiero.Dopo la 32 settimana di gestazione compare il sonno rem.

Tra la 6 e la 7 settimana Si evidenziano all’ecografia i primi movimenti, detti vermicolari che interessano tutto il corpo, sporadici e irregolari. In seguito si sviluppano le prime attivita’ riflesse, ciò indica una comunicazione intercellulare attorno ai nuclei motori. A 10 settimane il feto è in grado di puntare i piedi contro la parete uterina e di spingere la testa verso la parete opposta. I movimenti attivi del feto sono una buona spia delle condizioni fetali e indicano una maturazione organizzativa dei centri di coordinazione motoria. Tra la 15 e la 26 settimana si manifestano singhiozzo,sbadiglio,sorriso, movimenti oculari e respiratori.

La maggioranza dei movimenti fetali si ha tra la 28 e la 32 settimana, anche se la madre non sempre li percepisce. Dalla 9 settimana il feto inizia ad esplorare con le mani le pareti della cavita’ amniotica. Le papille gustative sono sviluppate fin dall 11° settimana: è noto che il feto ingurgiti liquido amniotico, eliminato sotto forma di urina, e che il suo sapore e odore sia simile al latte materno. Gia dall’8 settimana si svilupperebbe l’olfatto. Tra la 26 e la 28 sett. Il feto inizia a percepire i suoni e regire ad essi e l’orecchio interno è formato a venti settimane.

Come abbiamo gia detto il feto percepisce bene la voce materna, non solo attraverso l’orecchio, ma anche sotto forma di vibrazioni di intensita’ amplificata e la memorizza meglio di altre voci ricordandola e riconoscendola anche dopo la nascita, con un effetto rilassante e rallentamento della frequenza cardiaca. Il battito cardiaco invece ha un effetto rassicurante, lo ha accompagnato durante i nove mesi di gestazione ed è per questo che il neonato preferisce giacere tra le braccia della madre sul lato sinistro. Sia con l’ascolto della voce materna che del suo battito cardiaco si ha un miglioramento della respirazione, dell’appetito, della crescita del bambino.

Il cortisolo, l'ACTH e le endorfine materne hanno un azione modulatrice sul sistema nervoso fetale: in condizioni di stress la scarica materna di catecolamine comportera’ una vasocostrizione placentare e una diminuzione degli scambi materno fetali cosi come al mattino, quando si riscontrano valori materni di cortisolo al massimo c’è poco movimento fetale, di sera aumenta e il cortisolo è al minimo.

Il feto è in grado di apprendere: se dopo un suono forte e sconosciuto reagisce con un sussulto poi replicandosi il movimento diventa piu contenuto fino a non muoversi piu. Il feto comunque è in grado di riconoscere e rispondere a brani musicali presentati nel tempo e tale condizionamento perdura anche dopo la nascita: se il feto riconosceva il brano aumentando l’attivita’ motoria, il neonato lo faceva tranquillizzandosi e smettendo di piangere.

Dal punto di vista biologico esiste un interazione madre-placenta-feto in cui la placenta svolge la funzione di mediatrice, adattandosi alle condizioni dell’ambiente materno uterino, fornendogli ossigeno e facendolo sviluppare attraverso gli ormoni.

Per concludere la gravidanza biologicamnte è l’unico innesco semi allogeno che viene rigettato solo dopo nove mesi: la madre puo accogliere in se il feto grazie a un sistema di tolleranza dato da ormoni immunosoppressori (steroidi, progesterone), se vi fosse un conflitto tra i due sistemi immunitari si protrebbero avere conseguenze per il feto.

Da tutte queste considerazioni si può dire che il feto ha una propria organizzazione anche psichica e che la vita non si ha solo a partire dal primo respiro, che nella gravidanza si mescolano componenti fisiologiche, ereditarie, ambientali, relazionali e psichiche di ognuno per dare origine a qualcosa di unico.

 

BIBLIOGRAFIA:
  • Non c’e due senza tre, Righetti e Sette, (2000), Bollati Boringhieri

 

 

a cura della dott.ssa Maria Pia Cavalieri - psicologa-psicoterapeuta

 

 

 

  |   Letto: 2346 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Epigenetica e Trasmissione Transgenerazionale del Trauma

Come può una memoria repressa essere trasmessa da una persona all'altra? Può un figlio ereditare realmente la mente inconscia del genitore? È possibile per un bambino ricordare ciò che il proprio genitore ha “dimenticato”? Con il termine Trasmissione Transgenerazionale...

La personalità istrionica

Gli individui che presentano un disturbo istrionico di personalità sono continuamente alla ricerca di attenzione, sono caratterizzati da emozioni eccessive e una tendenza a considerare e vivere le persone o situazioni in modo emotivo. La parola personalità descrive modelli di comportamento ra...

Asma e alessitimia: una prospettiva psicosomatica

Il presente studio conferma la presenza di tratti alessitimici in pazienti con asma, nonchè l'impatto dello stress ed emozioni forti sull'occorrenza delle manifestazioni del disturbo. L’obiettivo del presente studio è stato quello di valutare la frequenza e la coesistenza tra l&rsq...

Il suicidio infantile: cosa i genitori dovrebbero conoscere

I bambini e gli adolescenti cosa sanno rispetto alla morte e il suicidio? Hanno familiarità con questi argomenti? La risposta è si, e lo scoprono anche ad un'età sorprendentemente giovane. La morte di un bambino genera sempre una sensazione orribile, il cuore sembra sgretolarsi e non si ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.