Pubblicità

Non potete proteggere i vostri figli dallo stress… Ma potete insegnar loro come affrontarlo!

Alcune dritte per aiutare i bambini a difendersi dallo stress.


stress bambini“Una giovane ragazza siede nel mio ufficio, descrivendo la sensazione “sibilante” che ha nel suo stomaco quando sta a scuola, soprattutto appena dopo il pranzo e quando sta per finire la giornata. Succede così spesso, che sa di non essere realmente malata, ma ciò la preoccupa lo stesso perché non riesce a trovare un modo per farla andare via e ciò le rende difficile concentrarsi".

Lo stress e l’ansia innescano questo sentimento “sibilante” nel suo stomaco e senza strategie adeguate per affrontarlo, di certo non se ne andrà.

Ciò è quanto emerge, oggigiorno, nella pratica professionale con i più giovani.
Il fatto più preoccupante è che la maggior parte di loro non sa cosa voglia dire, in termini pratici, sentire lo stress. Ciò che sanno è che hanno mal di testa, mal di stomaco, gli incubi ed un intenso desiderio di voler rimanere a casa.

Secondo i risultati della Stress in America Survey, rilasciata dall’American Psychological Association, i ragazzi riportano livelli più alti di stress durante gli anni scolastici. I risultati dell’indagine mostrano, in particolare, che il 31% riferisce di sentirsi sopraffatto dallo stress, il 30% dice che esso li rende tristi o depressi ed il 36% ha esperito la fatica a causa sua.
Ma quasi la metà di loro (42%) rispondeva che non stavano facendo abbastanza, o che non erano sicuri se stavano facendo abbastanza, per gestire il loro stress.

Se i ragazzi, che sono abbastanza consapevoli del fatto che lo stress possa influenzare le loro vite, stavano cercando dei modi per gestirlo, come ci aspettiamo che i bambini più giovani sappiano come affrontarlo?
I genitori cosa si aspettano di ottenere dal trattamento?
Molto spesso, questi ultimi vogliono che il professionista a cui si rivolgono cancelli magicamente lo stress dalle vite dei loro figli, ma questo non è un obiettivo realistico.
I genitori, sostanzialmente, hanno la missione di proteggere i loro figli da tutto ciò che per loro è difficile. Come li proteggono dai bulli, così vorrebbero difenderli anche dallo stress.
Ma questo è praticamente impossibile.

Una cosa che potete fare, però, è insegnare ai vostri figli ad essere degli “esperti” dello stress.
Se li educhiamo ad esso ed insegniamo loro alcune strategie da usare quando si sentono troppo ansiosi e sopraffatti da questi sentimenti, non solo normalizziamo le emozioni complesse, che, a volte, li confondono, ma diamo loro i mezzi per gestire ed affrontare le situazioni stressanti.


Ecco, qui di seguito, come fare.


1.    Aiutateli a unire i punti.

Lo stress durante l’infanzia può essere difficile da individuare. I sintomi, spesso, mimano le comuni manifestazioni fisiche e può essere difficile sapere quando intervenire.
Per aiutare i vostri figli ad unire i punti, disegnate il contorno di un corpo ed indicate i diversi posti dove lo stress può causare problemi. È importante ricordarsi che tutti i bambini sono diversi: alcuni hanno ma di testa, altri mal di stomaco, e così via.
Spiegate loro, allora, che la tensione muscolare nelle braccia può causare dolori ad esse, alle spalle ed al collo. Oppure che digrignare i denti e tendere la mascella può portare mal di testa.
Più i bambini capiscono la connessione tra sintomi e stress, più saranno capaci di chiedere aiuto.


2.    Create una zona libera dallo stress.

Tutti i bambini sono diversi e non c’è un modo “giusto” per affrontare lo stress.
La maggior parte di loro può beneficiare, comunque, di un posto specifico, in cui possono rifugiarsi. Questo particolare luogo può variare da bambino a bambino ed adattarsi alle loro personalità. Per un bambino che ama la musica e l’arte, ad esempio, create un angolo che includa un lettore musicale con le cuffie, materiali artistici ed un posto accogliente per sedersi, ascoltare e creare. Per un bambino più attivo che ha bisogno di muoversi, invece, potreste fornirlo di una corda per saltare e palline antistress.

Anche i libri da colorare sono un mezzo importante per aiutarli a rilasciare la tensione repressa, mentre le bolle possono aiutarli a respirare profondamente.


3.    Trovate un esercizio per allenare il respiro profondo.

Il respiro per il rilassamento profondo è il miglior modo per calmarsi quando lo stress e/o l’ansia diventano opprimenti. Dato che tutti abbiamo bisogni e preferenze individuali, non c’è un unico esercizio di respirazione che funzioni per tutti.
Provate tra questi:
“Rainbow Breathing”: chiedete al vostro bambino di sedersi comodamente con gli occhi chiusi ed inspirare, mantenere l’aria e poi espirare. Immaginate, poi, di camminare insieme su un arcobaleno e chiedetegli di indicarvi delle cose del colore della striscia su cui siete. Ripetete questo per ciascun colore dell’arcobaleno.
“Balloon Breathing”: chiedete loro di chiudere gli occhi e respirare, immaginando di gonfiare un pallone del loro colore preferito. Quando è finito, suggeritegli di vederlo volare via tra le nuvole. 
Immaginazione guidata: fateli sedere con gli occhi chiusi e chiedete loro di descrivervi un posto, in cui vorrebbero andare. Allora guidate i vostri bambini in questo viaggio della fantasia, ricordandogli, ogni tanto, di respirare in modo lento e profondo. 

 

Lo stress nell’infanzia può avere una varietà di fattori scatenanti. Una comunicazione aperta ed onesta sui sentimenti e sulle emozioni correlati, ricorda ai bambini che possono chiedere aiuto quando la vita sembra loro troppo complicata.
Essi incontreranno, inevitabilmente, stress e giorni difficili, fa parte della vita. Sapere che li ascolterete e li aiuterete, rafforzerà la loro capacità di affrontare i momenti più duri.
   
           
   
   

 

Fonte: WashingtonPost.com

 

(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Alice Fusella)

 

 

  |   Letto: 6981 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Depressione adolescenziale: come riconoscerla?

Secondo alcuni ricercatori esistono due tipologie di depressione adolescenziale: una depressione evolutiva, legata alla fase specifica dello sviluppo, ed una definita “atipica”; analizziamole entrambe. Alcuni bambini vivono il passaggio dalla pre-adolescenza all'adolescenza molto rapidamente e co...

Cultura e depressione

La cultura può influenzare il nostro modo di sentire ed esprimere le emozioni? Può uno stesso sintomo o disturbo mentale essere esperito in modo completamente diverso tra le diverse culture? Subito dopo l'ora di pranzo, in una giornata estiva in Washington DC, la psicologa culturale Yulia Chent...

La terapia sistemico-relazionale

La terapia Sistemico-Relazionale si diffuse negli Stati Uniti durante gli anni '50, in particolare grazie alle teorie della prima e seconda cibernetica e la teoria dei sistemi elaborata da L Von Bertanlaffy. La "Scuola di Palo Alto" e il Mental Research Institute. La psicoterapia ad indirizzo sistemico-relaz...

Il disturbo da stress post-infedeltà

Secondo lo psicologo Dennis Ortman il disturbo da stress post-infedeltà può avere conseguenze fisiche così come emotive; lo stress legato all'aver scoperto l'infedeltà del partner può portare a ciò che è stato soprannominato “sindrome del cuore spezzato&r...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.