Pubblicità

Non uccidiamo il piacere

Articolo a cura del Dottor Claudio Nudi

il-piacere-gabriele-dannunzioNon bastavano l'anoressìa e la bulimìa, che già ci davano abbastanza problemi: ora esce fuori anche l'ortoressìa nervosa, cioè, detto in parole semplici, l'ossessione per l'alimentazione sana. Talmente sana che alcuni non riescono più a mangiare.

La carne no, perché potrebbe essere pazza, e poi c'è l'afta epizootica, evoca fantasie di morte e violenza o chissà cos'altro. Il pesce nemmeno, perché è pieno di mercurio, e poi ci sono i giapponesi nel Mediterraneo che ci fregano quello migliore. Frutta e verdura sono imbottite di pesticidi, i prodotti integrali ne contengono ancora di più proprio in quanto integrali, formaggio e uova non andrebbero malissimo ma fanno venire il colesterolo e via dicendo.

In America, dove tutto è subitaneo e faraonico, il fenomeno è già estremo; qui da noi, eredi di una saggezza più antica e sorniona, abituata a stare a vedere come va a finire, cresce lentamente. Ma si sa, la paura fa novanta, tra tutte le emozioni è la più contagiosa, e, dài oggi, dài domani, alla fine la vernice di civiltà va a farsi benedire ed esce fuori l'animale spaventato. Niente di peggio. 

Su eventi come questi si possono fare alcune considerazioni. Anzitutto, i media in cerca di scoop e i cronisti costretti a fare loro malgrado gli informatori scientifici non rendono il più delle volte un buon servizio all'utente, giacché gli consegnano tutta l’angoscia della patologia senza l'attenuante della conoscenza del rimedio.

A questo si aggiunga, perché non dirlo, un certo tipo (ma fortunatamente solo un certo tipo) di informazione medica, certamente vera sebbene somministrata in modo talebano e vivisettorio, che non ammette repliche e non concede alternative, così lontana da quella figura benefica e di per sé taumaturgica che era il medico di famiglia, il quale, comprensivo degli umani vizi, anzitutto rassicurava e poi curava (e tra l'altro, quasi sempre coglieva nel segno).

Una visione retrò? ...è possibile. Ma fatto sta che, retrò o meno, le manifestazioni del disagio psicologico proliferano in maniera esponenziale - l'"ortoressìa nervosa", che citavo nell'incipit, ne è un esempio lampante - costringendo la medicina ufficiale a tentare di riassorbirle attraverso ulteriori farmaci, e così via all'infinito.

In questo contesto sarà dunque concesso allo psicologo, facendosi largo a fatica tra le angosce corporee dei più, dettate dall' impossibile assimilazione a modelli di perfezione assoluta, dire due parole in termini di igiene mentale, perché si sappia che nel corteggiare queste ossessioni corriamo il più grave dei rischi, e cioè quello di uccidere il piacere.

Non si tratta solo di una considerazione letteraria: il nostro corpo è organizzato in modo da provare piacere quando svolge un'attività fondamentale per la sopravvivenza, come nutrirsi o riprodursi, o anche, in grazia del livello estremamente sofisticato del suo apparato mentale, altre attività più elevate, tipicamente umane, perché in qualche modo questo rende più piena ed interessante la vita.

Sono - come Freud aveva intuito e teorizzato - il desiderio, ed il piacere che prelude al suo soddisfacimento, le forze che muovono il mondo. Perciò, quando il cibo diventa un potenziale nemico, quando un corpo un po' troppo corto o un po' troppo largo diventa un fardello insopportabile, quando fare l'amore diventa una noia o un generatore di ansia; e quando, dall'altro versante, si pretende porre rimedio al male imponendo dei comportamenti prescritti, magari ricorrendo ai vecchi metodi della paura e della colpa, allora c'è qualcosa che non va. 

La paura, in particolare, é un'emozione che va gestita con estrema attenzione, perché può dare luogo a conseguenze sociali difficilmente controllabili, destinate, alla lunga, a trasformarsi in disagio psicologico che tende a cronicizzarsi. Sembra invece che un certo uso dei media non sia riuscito a far di meglio che incrementarla, e che molti di coloro che avevano il compito - socialmente irrinunciabile - di indirizzare la popolazione verso le "magnifiche sorti e progressive" non si siano per niente distaccati dal metodo più vieto ed antico, cioè, appunto, quello della soggezione.

disagioUn sistema pericoloso, che genera sudditanza passiva per i più, e per molti altri un senso di impotenza e di rivolta rabbiosa che spingono all’opposto e non fanno presagire nulla di buono. E intanto, tra le angosce degli uni e la rabbia degli altri, il piacere, questa molla straordinaria di cui madre natura ci ha dotato per dare impulso alla vita, langue, e con esso decade l'attaccamento e la partecipazione alle cose: e nel tessuto delle certezze, appannaggio della civiltà del terzo millennio, già di per sé così lacerato, si aggirano i fantasmi della nevrosi (se va bene) e della depressione (se va male), ambedue argomenti con cui c'è poco da scherzare.

Siamo tutti d'accordo sulla questione dei costi sociali invocata a tutto vantaggio dell'ordinary people per indurlo a rinunciare alle fissazioni ed alle tentazioni che si è scelto in proprio (spingendolo contemporaneamente a soggiacere ad altre che altri hanno scelto per lui). Ma, a parte l'evidenza strumentale, anche qui c'è qualcosa che non torna.

Qual'è il costo sociale attuale del disagio psicologico, tra psicofarmaci e psicoterapie, assenze dal lavoro, scarsa partecipazione e pessimi rapporti umani? Immenso; e nessuno vorrà accusare lo psicologo di divulgare notizie come queste a proprio vantaggio. Ma curiosamente questi aspetti non li sottolinea nessuno - ed è lecito chiedersi come mai. 

Diversi anni fa, un umorista di acuto ingegno disse che avrebbe preferito “allargare” la vita anziché allungarla. Ritengo che non avesse tutti i torti. E su questa storia del disagio psicologico penso che ci si debba intendere una volta per tutte, perché si tratta di una piccola grande tragedia in progress che non riguarda solo chi ci passa dentro, anche se può capirla veramente solo chi l’ha sperimentata. Un esempio tra i tanti? Moltissimi anni fa un mio paziente, caduto dalla moto e fratturatosi quattro costole, mi disse in seduta: "Mi creda, dottore, mi fa un male cane. Ma ci metterei la firma per avere questi dolori tutta la vita, piuttosto che non le mie angosce. La prego, mi aiuti." 

E lo psicologo, che queste cose le conosce benissimo, tace ed ammicca, aspettando pazientemente, in silenzio, l'occasione giusta per aiutare l' altro a capire qualcosa di sé.

 

Dottor Claudio Nudi - Psicoterapeuta, psicoanalista - Roma

 

 

  |   Letto: 6581 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

La psicoterapia breve

Quanto dura un trattamento di psicoterapia? Intorno a questa domanda naufragano talvolta le buone intenzioni di chi medita di rivolgersi allo psicologo, ma paventa un’impresa troppo lunga o costosa. Nel nostro immaginario collettivo c’è anche lo spettro dell’analisi interminabile, o inutile: come non...

Che cos'è la psicoterapia?

La psicoterapia (letteralmente: trattamento dell’anima), è una forma di aiuto che cura attraverso il rapporto interpersonale. In questo approccio la parola è più di una parola, è un contatto profondo. Lo psicoterapeuta ed il paziente mettono in gioco le loro personalità nel setting terapeutico, un luo...

Perché andare in terapia da uno psicoterapeuta?

Si riduce tutto a questo: una persona decide di andare in terapia perché è bloccata.Il paziente si potrebbe domandare: "Cos'ha questo a che vedere con ansia, depressione, panico, fobie, disturbi ossessivo-compulsivi, adolescenti ribelli, abuso di sostanze, bullismo e altro?" La risposta è: tutto quanto. Q...

Come scegliere uno psicoterapeuta

Trovarsi bene con il proprio psicoterapeuta è importante, ma fidarsi di lui lo è ancora di più. Per questo, i modi per reperire lo psicoterapeuta che fa al caso nostro sono solo due: come riferimento da una persona che conosciamo oppure cercandolo in prima persona. In entrambi i casi non è detto che ci si...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.