Pubblicità

Nostalgia: un desiderio agrodolce

La nostalgia rappresenta un desiderio agrodolce per il passato. È dolce perchè ci permette di rivivere momentaneamente i bei tempi; è amaro perchè riconosciamo che quei tempi non possono mai tornare

nostalgia un desiderio agrodolceNella sua canzone “Time Was”, il cantante della controcultura Phil Ochs ricorda un passato “quando un uomo poteva costruire una casa, avere una famiglia tutta sua. Gli anni pacifici fluiranno; poteva vedere crescere i suoi figli. Ma è stato tanto tempo fa”.

Per Ochs, i tempi più semplici erano migliori: “i problemi erano pochi .. un uomo poteva avere il suo orgoglio; c'era la giustizia dalla sua parte .. c'era la verità in tutti i giorni”.

Ochs registrò “Time Was” nel 1962, quando aveva solo 22 anni. Non aveva ancora assistito alle parti più tumultuose degli anni '60: gli assassinii del presidente John F. Kennedy e del senatore Robert F. Kennedy, la polarizzazione operata dalla guerra del Vietnam, i diritti civili ed i movimenti femministi.

Mezzo secolo dopo, con le rapide e drammatiche conseguenze degli sconvolgimenti sociali e politici, con i progressi tecnologici che hanno trasformato radicalmente la nostra vita quotidiana, alcuni potrebbero ritrovarsi alla ricerca di un momento in cui “i problemi erano pochi” e “c'erano verità in ogni giorno”.

L'essere costantemente collegati a Internet e ai social media si pensa sia associato a livelli molto più elevati di ansia e depressione.

La messaggistica e la comunicazione online hanno creato incomprensioni e divisioni, e molti si sentono come se avessero perso il controllo sulla loro privacy. Un recente sondaggio ha anche rivelato che la maggioranza degli americani pensa che la cultura e lo stile di vita dell'America siano per lo più cambiati in peggio dagli anni '50.

Ma quale effetto ha questa nostalgia? È un utile strumento psicologico o una pericolosa trappola?

Psicologi in evidenza
Dottoressa Maria Narduzzo
Corso Galileo Ferraris, 107 - TORINO
Cell: 333 7130974
Dottoressa Arianna Grazzini
Corso Trieste, 59 - ROMA
Cell: 334 7666763

Un desiderio agrodolce

Nella vita, il cambiamento è l'impostazione predefinita, non l'eccezione; la trasformazione è cotta in ogni aspetto del nostro mondo, dalla crescita fisica al progresso scientifico.

La novità, nel frattempo, è un antidoto alla noia, alla stagnazione e alla sazietà.

Ciò nonostante, la gente desidera stabilità. Il cambiamento può minacciare il benessere, soprattutto quando richiede una nuova serie di competenze per soddisfare nuove esigenze.

Lo stress può accompagnare cambiamenti imprevisti o estremi, poiché la nostra capacità di controllare le situazioni dipende da un ragionevole grado di prevedibilità.

La nostalgia rappresenta un desiderio agrodolce per il passato. È dolce perchè ci permette di rivivere momentaneamente i bei tempi; è amaro perchè riconosciamo che quei tempi non possono mai tornare.

La nostalgia del nostro passato viene definita nostalgia personale, mentre la preferenza per un'epoca lontana viene definita nostalgia storica.

Sebbene la nostalgia sia universale, la ricerca ha dimostrato che un desiderio nostalgico per il passato è particolarmente probabile che si verifichi durante i periodi di transizione, come la maturazione in età adulta o l'invecchiamento.

La dislocazione o l'alienazione derivante dal conflitto militare, il trasferimento in un nuovo paese o il progresso tecnologico possono anche suscitare nostalgia.

Una forza stabilizzante

Di fronte all'instabilità, la nostra mente va alla ricerca dei ricordi positivi del passato; conseguentemente, saranno maggiormente cristallizzati di quelli negativi o neutri.

In passato, i teorici tendevano a pensare alla nostalgia come ad una cosa negativa – una sorta di ritiro di fronte all'incertezza, allo stress o all'infelicità.

Nel 1985, il teorico psicoanalitico Roderick Peters descrisse la nostalgia estrema come debilitante, “qualcosa che persiste e interferisce profondamente con i tentativi individuali di far fronte alle circostanze attuali”.

Pubblicità

La ricerca contemporanea ha però contraddetto questa visione disadattiva. Uno studio del 2015 ha dimostrato che la reminiscenza nostalgica può essere una forza stabilizzante.

Può rafforzare il nostro senso di continuità personale, ricordandoci che possediamo una riserva di potenti ricordi che sono profondamente intrecciati con la nostra identità.

La persona che ascoltava le storie di suo nonno da piccolo, giocava a pallone per strada e faceva festa con gli amici del liceo è ancora quella stessa persona oggi.

Ricerche del passato hanno dimostrato che i ricordi nostalgici tendono a concentrarsi sulle nostre relazioni, che possono confortarci in momenti stressanti o difficili.

Anche se siamo diventati indipendenti e maturi, siamo ancora figli dei nostri genitori, fratelli dei nostri fratello e confidenti per il nostro ipotetico partner.

Nello sviluppare un'indagine retrospettiva sulle esperienze infantili, si è scoperto che i ricordi inerenti l'amore incondizionato durante l'infanzia possono alimentare il coraggio di affrontare le nostre paure, prendere rischi ragionevoli e affrontare le sfide.

Piuttosto che intrappolarci nel passato, la nostalgia può liberarci dalle avversità promuovendo la crescita personale.

Diversi studi hanno anche dimostrato che le persone con una maggiore propensione alla nostalgia sono maggiormente in grado di affrontare le avversità e sono più propensi a cercare supporto emotivo, consigli e aiuto pratico da parte degli altri.

Sono anche più propensi ad evitare le distrazioni che impediscono loro di affrontare i problemi e risolverli.

La linea sottile della nostalgia

Con tutti i suoi benefici, la nostalgia può anche sedurci a ritirarci in un passato romantico.

Il desiderio di fuggire nel mondo immaginato e idealizzato di un'epoca precedente rappresenta un tipo diverso e indipendente di nostalgia chiamato nostalgia storica.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Ilaria Artusi
Via Lorenzetti, 15 - AREZZO
Cell.: 333 3945439
Dottoressa Paola Liscia
Via Gaspare Gozzi, 89 - ROMA
Cell: 347 2948154

La nostalgia storica è spesso concomitante con una profonda insoddisfazione per il presente e una preferenza per il modo in cui le cose erano molto tempo fa.

A differenza della nostalgia personale, qualcuno che vive la nostalgia storica potrebbe avere una prospettiva più cinica del mondo.

Tuttavia, dal punto di vista del trattamento, i rapporti suggeriscono che la nostalgia personale può essere utilizzata terapeuticamente per aiutare le persone ad andare oltre il trauma in seguito a violenza, esilio o perdita.

Allo stesso tempo, qualcuno che ha subito un trauma, senza un trattamento adeguato, potrebbe essere 'investito' da una forma maligna di nostalgia che porta ad un desiderio perpetuo di tornare al passato.

In definitiva, quando ci concentriamo sulle nostre esperienze di vita - ricadendo nel nostro archivio di ricordi felici – la nostalgia è uno strumento utile.

È un modo per sfruttare il passato internamente al fine di sopportare il cambiamento e creare speranza per il futuro.

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

  |   Letto: 305 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.