Pubblicità

Nuovi studi genetici rivelano che c’è un po’ di Autismo in tutti noi

Un gruppo di ricercatori, provenienti dalla Università di Bristol, dal Broad Institute of Harvard, dal MIT e dal Massachusetts General Hospital (MGH), ha fatto luce sulla relazione genetica tra i Disturbi dello Spettro Autistico (ASD) ed i tratti correlati agli ASD nella popolazione generale.

autismo ASDI loro risultati, pubblicati su “Nature Genetics”, suggeriscono che il rischio genetico sottostante questa classe di disturbi, incluse sia le variabili ereditate, che quelle de novo (non riscontrate nei genitori dell’individuo), influenza una percentuale importante dei tratti comportamentali e dello sviluppo della popolazione che non ha una tale diagnosi.

I Disturbi dello Spettro Autistico sono una classe di disturbi dello sviluppo neurologico, che colpisce circa 1 bambino su 100, e che sono caratterizzati da difficoltà dell’interazione sociale, danneggiamento della comunicazione e del linguaggio e comportamento stereotipato e ripetitivo. Questi sintomi centrali sono importanti per poter fare una diagnosi di ASD, ma essi possono verificarsi, a diversi gradi, anche in individui non affetti da un disturbo conclamato, formando un continuum comportamentale sottostante.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Claudia Rampi
Viale Alessandro Volta, 89 - NOVARA
Cell: 349 3624879
Dottoressa Paola Liscia
Via Gaspare Gozzi, 89 - ROMA
Cell: 347 2948154

Negli ultimi anni, inoltre, grazie alle recenti scoperte nel sequenziamento e nell’analisi del genoma, ha cominciato a delinearsi il panorama genetico degli ASD. La ricerca ha mostrato, infatti, che il rischio di sviluppare una delle patologie appartenenti a questa classe è, per la maggior parte, poligenico (derivante dai piccoli effetti di migliaia di differenze genetiche, distribuite attraverso il genoma). Alcuni casi sono associati, in più, con rare varianti genetiche di largo effetto, le quali sono, di solito, de novo.

Il Dr Mark Daly, co-direttore del Broad Institute’s Medical and Population Genetics (MPG) Program ed autore dello studio, ha spiegato: “Una volta che abbiamo avuto in mano dei segnali genetici misurabili – sia il rischio poligenico, che le specifiche mutazioni de novo – siamo stati capaci di certificare il fatto che il rischio genetico, che contribuisce all’insorgenza dell’Autismo, esiste in tutti noi ed influenza il nostro comportamento e la comunicazione sociale”.

La Dr. essa Elise Robinson, dal MGH, ha aggiunto: “Possiamo usare i dati comportamentali e cognitivi nella popolazione generale per sbrogliare quei meccanismi, attraverso i quali i diversi tipi di rischio genetico stanno operando. Ora abbiamo maggiori certezze riguardo quali tipologie di disturbi e di tratti aspettarci associati con determinati tipi di rischio genetico”.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Sara Ruiba
Via Cortevecchia, 59 - FERRARA
Cell.: 338 2315061
Dottoressa Maria Clara Cortellazzi
Viale S. Kasman, 15 Chiavari - GENOVA
Cell: 391 4947113

“Il nostro studio mostra che raccogliere ed usare i dati fenotipici e genetici nei bambini che hanno uno sviluppo tipico può essere utile per potersi migliorare nella progettazione ed interpretazione degli studi sui disturbi dello sviluppo neurologico e psichiatrico”, ha detto il Dr Beate St Pourcain, dalla Medical Research Council Integrative Epidemiology Unit alla University of Bristol ed il Max Planck Institute for Psycholinguistics. “Questo potrebbe aiutarci ad identificare ed analizzare quei processi biologici che sono disturbati nei bambini con ASD”.

I ricercatori si auspicano, infine, che questo nuovo approccio verrà usato, in futuro, per esplorare le associazioni tra il rischio genetico ed i tratti comportamentali in altri disturbi neuropsichiatrici, come, ad esempio, la Schizofrenia.

 

Fonte: PsyPost


(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Alice Fusella)

 

 

  |   Letto: 4646 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

La psicoterapia individuale

La psicoterapia è una modalità di trattamento in cui lo psicoterapeuta e il/i paziente/i lavorano insieme per cambiare una situazione di sofferenza psicologica. All’interno di questa definizione generale di psicoterapia è possibile trovare diversi tipi di intervento psicoterapeutico. Essi si distinguono...

La psicoterapia cognitivo-comportamentale

La psicoterapia cognitivo-comportamentale anche chiamata terapia cognitivo-comportamentale (TCC) è un termine con cui si indicano le psicoterapie oggi più diffuse e che vengono utilizzate per trattare un'ampia gamma di disturbi psicopatologici. La TCC è stata sviluppata originariamente negli anni settanta....

La trasmissione intergenerazionale del trauma

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-traumatico da stress, così come disturbi d’ansia e dell’umore. Tuttavia, un recente studio pubblicato nella rivista Biological Psychiatry, sugg...

La Psicoterapia cognitivo Post-razionalista: le emozioni

Il post-razionalismo assume come centrale per l'uomo i processi di autoorganizzazione e di costruzione del significato personale. Un aspetto centrale da evidenziare, è che la prassi post-razionalista pone il suo fulcro d’interesse terapeutico sulla soggettività e in particolare sulle atti...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.