Pubblicità

Occhio malocchio psicologia e ... pastrocchio

Una riflessione semi-seria sulle superstizioni e sulle false credenze che coinvolgono il nostro quotidiano.

malocchio

Qualche giorno fa ho preparato una cena a casa, piacevole, allegra; si festeggiava un compleanno. Dopo qualche bicchiere di vino e buon cibo la lingua si scioglie e, non so come, siamo finiti a parlare di malocchio, di magia e affini. 

Il primo a mettere i sui ricordi in tavola è stato, sorpresa, sorpresa, il nostro amico anestesista, sessanta anni suonati.

Eccolo lì, il rappresentante della scienza, delle provette e calcoli che inizia col raccontarci che quando aveva circa 12 anni, una sua zia, preoccupata del fatto che non si sentisse bene (si lamentava di una eccessiva stanchezza, di avere spesso il mal di testa e di altri sintomi probabilmente adolescenziali) gli “praticò” l’anti malocchio.

Ha giurato che dal preciso momento in cui il rito contro il malocchio è terminato, lui è stato subito meglio.
Noi “esperti del mestiere” (psicologi, psicoterapeuti, ricercatori e affini) comprendiamo benissimo che dietro ci sono due fenomeni che gli esperti chiamano rispettivamente “profezie che si autodeterminano” o il famoso “effetto Placebo”.

In realtà anche il nostro illustre dottore dovrebbe conoscere bene l’effetto placebo!
Per chi non avesse ben chiaro i due ragionamenti:
“Diconsi” profezie che si auto determinano, quei fenomeni per cui, se te la cerchi, poi t’arriva, in altre parole, se pensi che il vassoio ti cadrà, il vassoio ti cadrà davvero, fenomeno che camerieri, baristi, casalinghe, conoscono alla perfezione.
“Dicesi” Effetto Placebo, quel fenomeno per cui “se te do na caramella e te dico che è na medicina che te cura il singhiozzo, te ci credi e il singhiozzo te passa” (pressappoco è come mi ha spiegato il fenomeno un mio amico romano che studiava con me psicologia a Padova, quando discutevamo del suddetto effetto).
Ma, nonostante spiegazioni più o meno scientifiche, eccoci li intenti a voler dar credito ad un mondo fatto di illusioni e magia.

Mi domando, prima come essere umano e poi come psicologa: perché?
Giusto per essere chiari sull’argomento, il malocchio in Italia è una tradizione popolare antica e molto sentita e altro non rappresenta che l’effetto di uno sguardo invidioso e malevolo rivolto verso una persona, la quale da quel momento in poi incomincia a sentirsi stanca, svogliata, con dei mal di testa e con la “sfiga” come seconda pelle.

Dal racconto del nostro dottore, la mia testa ha iniziato a vagare nel mio passato ed ecco riaffiorare alla mente storie legate alla magia, alla superstizione.
Ricordo che durante la mia infanzia, siccome mia madre lavorava a tempo pieno, si faceva aiutare, nelle faccende domestiche, da una signora che si chiamava Maria ed era una donnona mora, sempre con i capelli raccolti in una treccia grossa come la fune di una nave.
Maria, concreta donna di campagna, con due bicipiti da coltivatore di tabacco, che gli permettevano, ogni mattina, per svegliare mio fratello, dormiglione e un po’ fannullone, come se niente fosse, scaraventandolo giù dal letto con il materasso e tutto.
Maria, con i due occhi azzurri chiari più belli che abbia ancor mai visto.

Lei, proprio lei, ogni tanto, soprattutto quando io e mio fratello ci lamentavamo di essere stanchi e con il mal di testa, o di passare un periodo sfortunato, ci metteva subito seduti di fronte ad un piatto pieno di acqua, prendeva l’olio, lo versava in una tazzina, ci segnava con il dito destro una croce più volte sulla fronte, poi imbeveva il dito nella tazzina e faceva cadere una goccia d’olio sull’acqua contenuta nel piatto; se la goccia si allargava fino a sparire, partiva con non so quali strofe per levarci il malocchio, se invece la goccia rimaneva intatta nell’acqua soleva dire: “Prenditi qualche medicina che vedrai che starai meglio”.
Oppure: “Stai più attento quando fai le cose e vedrai che tutto andrà meglio!”, nel caso di ipotetica sfiga.

Un altro ricordo risalente alla mia adolescenza riguarda la seguente storia: la zia del mio ex ragazzo, convinta che il suo prezioso nipote avesse il malocchio, ci portò, con l’inganno, a casa di un signore, in una paese vicino a dove abitavamo, per farglielo togliere. Io ero e son ancora oggi basita da quella esperienza, tant’è che all’epoca non sono voluta nemmeno entrare nella stanza dove questo “stregone” mise in atto l’anti malocchio (oggi forse la curiosità avrebbe vinto sul timore di all’ora); ma avreste dovuto vedere la faccia del mio ex dopo aver parlato con questo signore, pensate gli dette dell’acqua benedetta da bere un po’ tutti i giorni, finché non l’avesse finita!!!!!

Ma, ritornando alla cena con i miei amici, il pezzo forte della serata è stato avere, nella bella tavolata, il figlio di una delle tante donne che tolgono il malocchio, il quale con la sua alta esperienza, ci ha ricordato che per diventare una ‘toglitrice di malocchio’, bisogna, nella notte di Natale, mettersi in contatto con una che ha già il potere, la quale, solo in quella magica notte, può dirti come funziona il rito e quali sono le parole da utilizzare trasformandoti cosi per sempre, in una ‘toglitrice di malocchi’ a tua volta.

Non è strano, in Italia, che in una cena tra amici si incominci a parlare di malocchio, magia e sedute spiritiche; del resto la realtà è che siamo un popolo cresciuto a pizza e superstizioni, malocchio, amuleti porta fortuna e più ne ha più ne metta.

Io provengo da una regione, le Marche, che oltre alle belle colline, al mare meraviglioso e ad un ottimo cibo (per non parlare dei vini), è molto legata alle superstizioni, alla magia (non a caso c’è la strega o fata Sibilla, da dove prende il nome i monti Sibillini) e ai riti contro il malocchio.

Dalle mie parti non è raro sentirsi dire almeno una volta nella vita, sempre in momenti di difficoltà e malattia, di controllare se il cuscino con il quale dormi presenti delle chiazza scure (sporco dovuto all’usura del cuscino???? Forse è il caso di cambiarlo????). Se ci sono bisogna aprire il cuscino e controllare se all’interno ci sono dei rovi o cose strane intrecciate nel qual caso il malocchio è potente e diventa necessario ricorre a qualche fattucchiere in gamba.
“Diconsi” fattucchiere le stregone anti malocchio.

Vi assicuro che dentro i vecchi cuscini, per intenderci quelli fatti a mano, qualcosa di intrecciato, per esempio fili di lana o cose simili, c’era quasi sempre e vi lascio immaginare come il panico salisse dopo aver fatto una simile scoperta, perché le persone, se cresciute in un ambiente dove si crede alla magia, sono spesso predisposte a trovare risposte fantasiose piuttosto che razionali.
Questo può sembrare assurdo ed anche un po’ pazzesco (forse è anche per questo che poi mi sono laureata in psicologia) ma vi assicuro che per me e per un italiano nato e cresciuto in questa bella Italia fra superstizioni e malocchi, sono discorsi abbastanza conosciuti e normali.

Ora ci rido, ma se devo essere sincera, se cade il sale per terra, ne prendo sempre un pizzichino e lo butto dietro alla schiena; non apro mai un ombrello dentro casa e non metto mai il pane al rovescio sul tavolo. E tendo sempre a regalare oggetti rossi da mettere fuori dalla porta di casa come portafortuna e “anti sfiga”, se qualcuno mi racconta che sta passando un periodo sfortunato.
Guai se vedo posare un cappello sul letto.

La superstizione del cappello è nata dal fatto che, quando ancora il medico di famiglia andava a trovare i malati nelle proprie case, soleva mettere il cappello sul letto ed è ovvio che il cappello ha assunto un potere negativo perché, del resto, il medico di solito andava a visitare malati e moribondi.

Altra usanza superstiziosa, alla quale non ho potuto in alcun modo sottrarmi, in quanto testimone della sposa, è stata veder fare il letto matrimoniale della suddetta la sua prima notte di nozze da due vergini! In sostanza mi sono ritrovata in casa della mia amica in presenza di due ragazzine giovani (figlie di una zia), le quali auto proclamatesi illibate, si sono messe a rifare il letto.
Il matrimonio è finito neanche dopo sei mesi e io mi chiedo: “Probabile che avessero mentito alle loro madri???” e per come è finito il matrimonio, penso proprio di si.

Uso spesso l’incenso per purificare l’aria; sostanzialmente, quando ho un periodo brutto, prendo un bastoncino di incenso e comincio a vagare per la casa come una streghetta buona, stando ben attenta a passare bene in tutti gli angoli e questo aiuta a purificare l’aria a scacciare le energie negative. Potete immaginare la faccia dei miei gatti e del mio compagno!!!! È chiaro leggere in loro il sospetto che sono impazzita.

Inoltre se sento una civetta cantare vicino casa penso sempre: “Oddio chi è che morirà” e se mi taglia la strada, fuori casa , un gatto nero la prima reazione è quella di cambiare strada mentre ho sempre saputo che avere un gatto nero in casa porta energie positive (quindi non a caso sto scrivendo questo articolo con accanto il mio fido gatto completamente nero con gli occhi gialli come il sole).
Potrei continuare chissà per quanto tempo a elencare le mie superstizioni, rischiando di annoiarvi ma il punto è, che in questa bella Italia, oltre alle cose conosciute (pizza, vino, sole) c’è anche un mondo fatto di amuleti, di superstizioni e di magia, che vi assicuro la caratterizza in modo pregnante.

E del resto a che servono gli Psicologi quando esperti di magia e affini riescono con il loro “intrugli” e “teatri” a risolvere i problemi! Peccato che la realtà sia completamente differente.

Eppure, anche io psicologa filo cognitivo comportamentale, no dico cognitivo comportamentale (in sostanza credente del concreto, delle cosa da fare, delle azioni per modificarsi) amo questo mondo fatto di chiari e scuri. Mi sono chiesta perché!
Ed una risposta è arrivata: perché ho l’esigenza di vivere in un universo anche fatto di piccole magie, di piccoli misteri, i quali mi permettono di sognare fantasticare ed evadere qualche volta da una realtà troppo schiacciante, troppo seria, senza quel pizzico di umorismo contagioso di certi misteri e arcani.

Ho pensato “Forse se questa cosa vale per me, vale anche per tutte le altre persone” ma … c’è una spiegazione anche per questo modo di ragionare, gli esperti lo chiamano generalizzazione.
Ed allora la verità dove sta? Probabilmente lì nel mezzo, fra magia e concretezza.

 

Articolo a cura della Dottoressa Federica Curzi

 

 

  |   Letto: 10426 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Perseguire il cambiamento

Cambiare se stessi, vuol dire, modificare qualcosa di noi che non ci fa star bene soprattutto con noi stessi. “Hai un tuo cavallo di battaglia?”“Si”“Come si chiama?”“Cambiamento!” Oramai sono anni che ho a che fare con il cambiamento. A dir la verità, tutta la mia vita ne è impregna...

Se c’è un poco di zucchero la pillola va giù

Qualche giorno fa, me ne stavo comoda, comoda, a fare la mia solita mezzoretta di step al giorno, di fronte alla televisione, giusto per smaltire la tensione e contemporaneamente disattivare i miei neuroni. Ecco che all’improvviso, i miei i sopra citati neuroni, beati, beati, nel loro stato di limbo sono s...

Assertività e positività: connubio perfetto

Undici piccoli passi per migliorare se stessi. Cosa sia la positività e come si possa vivere una vita felice è stato ed è un mio pensiero fisso degli ultimi 10 anni.Ho associato e continuo ad associare molto spesso, diciamoci la verità, sempre, felicità alla parola assertività.Sono giunta alla conclusi...

Assertività e funzioni cognitive

Ricordo che quando mi iscrissi alla facoltà di psicologia, la motivazione alla base, oltre al mio splendido modo di essere incasinatissima, era cercare di comprendere, svelare parole come inconscio, meccanismi di difesa. Allora Freud andava alla grande in tutte le librerie. Poi approdo fra i banchi e per la ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.