Pubblicità

Padri e figli

I padri svolgono un ruolo vitale nella vita dei loro figli, per cui porsi degli obiettivi, ascoltarli attivamente e creare delle tradizioni uniche con loro possono contribuire a creare e mantenere forti legami.

padri figli psicologiUn recente studio effettuato presso il Pew Research Center ha rilevato che il 95% dei padri intervistati credeva che la genitorialità fosse essenziale per lo stabilirsi della propria identità.

Sono molto coinvolti nelle attività di scolarizzazione e attività post-scolastica dei propri figli, ma avvertono un maggiore stress nel tentativo di gestire i diversi aspetti che permeano la quotidianità.

Alcuni padri riferiscono di sentirsi confusi o insicuri rispetto alle modalità con cui 'entrare' nella vita dei loro figli.

Ad esempio, nella rivista “Parents” sono state elencate le 12 ragioni che porterebbero i padri a non voler trascorrere tempo con i loro figli; tra queste vi erano delle barriere come aspettare troppo tempo prima di essere coinvolti in attività di gioco, sentirsi più a loro agio con i figli maschi rispetto alle femmine, non riuscire a stabilire una reale connessione con i bambini e via dicendo.

Quindi, come possono i padri trovare dei modi per sostenere e approfondire i loro rapporti con i loro figli? Ecco alcuni suggerimenti.

Sviluppare una visione chiara della figura paterna

Quando una persona si accinge a trovare lavoro, generalmente rinnova il proprio curriculum, scrive una lettera di presentazione, sottolineando tutti quegli aspetti che possono essere attinenti allo svolgimento di un determinato tipo di lavoro.

Sviluppare una visione della figura paterna potrebbe essere un compito simile. John Badalament, nel suo libro “Il dilemma del padre moderno”, suggerisce che i padri dovrebbero cercare, in primis, di comprendere quale tipo di relazione vogliono instaurare con i propri figli.

Sulla base di questo, possono poi stilare una serie di attività e impostare le loro intenzioni per le future interazioni.

Sostanzialmente è come se i padri stilassero una lista di obiettivi, a breve e lungo termine, la cui finalità è quella di stabilire una determinata interazione con i figli.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Cristina Bergia
Viale dei Mille, 1 - FIRENZE
Cell.: 339 7067867
Dottor Sergio Chieregato
Via Cernaia, 30 - TORINO
Cell: 335 6343021

Alcune domande guida potrebbero essere: cosa spero che mio figlio pensi di me tra 20 anni? Cosa spero che non diranno?

L'ascolto

L'ascolto attivo è un'abilità fondamentale per tutti quei padri che vogliono essere maggiormente presenti nella vita dei figli.

Attraverso l'ascolto, si viene a creare la cosiddetta “resilienza relazionale”, il che significa che la relazione padre-figlio è in grado di sopportare stress e tensione.

Ci sono molte risorse su cui si può far leva per migliorare le abilità di ascolto attivo. A tal proposito ci si potrebbero porre alcune domande: quali attività svolgono i miei figli? Chi sono i loro amici? Quali sono i loro interessi? Se si riesce a rispondere a queste domande, allora si sta proseguendo nel verso giusto.

Creare tradizioni

Questo è un compito particolarmente importante per tutti quei papà divorziati che probabilmente sperimentano diversi cambiamenti nella routine. Ad esempio, se i bambini vanno a casa del papà durante i fine settimana, è importante il “momento dell'accoglienza”.

Dalle interviste effettuate, un padre divorziato ha dichiarato di aver sempre portato i suoi figli al negozio di alimentari quando andava a prenderli il venerdì sera.

Affermava che gli piaceva perchè era in grado di recuperare con loro la settimana trascorsa, in quanto dava loro la possibilità di scegliere ciò che volevano mangiare per i giorni che avrebbero trascorso insieme.

Le nuove routine e le tradizioni possono essere semplici, ma sono fondamentali per i bambini che vivono le transizioni che il divorzio comporta.

Alcune domande utili potrebbero essere: Cosa possiamo fare il venerdì sera? Come festeggiare le vacanze ed i compleanni?

Pubblicità

La creazione di tradizioni può aiutare i bambini a sentirsi sicuri e protetti durante i processi di adattamento al divorzio.

Questo esempio non deve essere limitato ai soli padri divorziati, in quanto lo sviluppo di routine speciali e di abitudini aiutano a solidificare le relazioni padre-figlio.

Umberto Eco sosteneva “Credo che ciò che diveniamo dipende da ciò che i nostri padri ci insegnano in momenti occasionali, quando non stanno cercando di insegnarci”.

Gli studenti spesso parlano dei loro rapporti con le loro famiglie in classe. Quando viene chiesto loro di pensare a quello che vorrebbero chiedere ai loro padri, alcuni non riescono a formulare delle ipotetiche domande, mentre altri evitano il compito.

Di coloro che invece riescono, molti volevano sapere come i loro padri si innamorano delle loro madri e altri volevano sapere come i padri si sentivano quando diventavano papà, mentre altri sono andati un po' più in profondità.

Per esempio, alcuni si chiedevano se mancavano ai loro padri dopo il divorzio, mentre altri se il proprio padre voleva loro bene.

È chiaro pertanto che i padri svolgono un ruolo vitale nella vita dei loro figli, per cui porsi degli obiettivi, ascoltare attivamente i propri figli e creare delle tradizioni uniche con loro possono contribuire a creare e mantenere forti legami.

In tutti questi momenti, i padri possono fare un mondo di differenza per i loro figli.

 

Tratto da PsychologyToday

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Giorgia Lauro)

  |   Letto: 336 volte


Potrebbero interessarti anche....

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Depressione adolescenziale: come riconoscerla?

Secondo alcuni ricercatori esistono due tipologie di depressione adolescenziale: una depressione evolutiva, legata alla fase specifica dello sviluppo, ed una definita “atipica”; analizziamole entrambe. Alcuni bambini vivono il passaggio dalla pre-adolescenza all'adolescenza molto rapidamente e co...