Pubblicità

Perché è così difficile ricordarsi i nomi delle persone?

Ecco come apprendiamo e (non) ricordiamo i nomi degli altri.


ricordare nomeE’ importante ricordare le persone”, ha affermato l’attrice Joan Crawford. “Mi ricordo centinaia di nomi, forse di più, non perché mi viene naturale, tutto il contrario! Non penso di essere brava in questo, ma è uno sforzo che mi sembra giusto fare!”.


Se avete difficoltà a ricordare i nomi delle persone incontrate ad una festa, o ad una conferenza, non preoccupatevi: come vedete, non siete soli!!

Come affermava l’attrice in questa conversazione, ricordare il nome di qualcuno, che sia un collega, o un amico, è sicuramente un buon modo per costruire delle relazioni.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Marialuisa Fabbro
Via G. Garibaldi, 18 - VERONA
Cell: 347 4193619
Dottoressa Valeria Colasanti
Viale Regina Margherita, 157 (Studio Psicologico Alfa) - ROMA
Cell: 348 8197748

Ma, ahinoi, ricordare correttamente i nomi è, nella realtà, un’abilità tanto unica, quanto difficile da padroneggiare.

La capacità di apprendere e ricordare i nomi propri, in particolare quelli delle persone, è notoriamente più difficile, rispetto a quanto accade con altri tipi di parole”, scrivono le Dott. esse Lise Abrams e Danielle K. Davis, dell’Università della Florida, su “Current Directions in Psychological Science”.

Ed il fatto che i nomi propri siano così difficili da ricordare ci può insegnare molto circa il funzionamento della memoria umana.

Le studiose aggiungono che, a differenza di altri tipi di parole, i nomi sono etichette senza senso, vale a dire che essi non contengono alcuna informazione sulla persona a cui si riferiscono.
Ad esempio, il nome Charlie Brown contiene un descrittore, il colore marrone, che non è informativo di come appare realmente il personaggio.

La ricerca ha dimostrato, inoltre, che è più difficile accedere al nome di una persona, che ai fatti biografici che la riguardano.
Come a dire che, se si dovesse incontrare il Signor Pagnotta, è più facile ricordare che lavora in una panetteria, che il suo nome!


Perché accade tutto ciò?

Ci sono diversi fattori che determinano quali parole ricordiamo più facilmente e quali ci fanno affermare “Ce l’ho sulla punta della lingua!!”.


Componenti sonore.


In alcuni casi, sono le componenti sonore dei nomi a renderli più difficili da ricordare.

Escludendo i nomi di alcuni personaggi, come, ad esempio, Beyoncè, i nomi sono costituiti da almeno due componenti, un nome ed un cognome, mentre molti oggetti sono descritti utilizzando una sola parola”, scrivono le Dott. esse Adams e Davis. “Per ricordare con successo i nomi, tutti i loro suoni devono essere accessibili. Se essi possiedono più suoni, in virtù del fatto che hanno più componenti, c’è più materiale da rammentare”.


Condivisione.

In più, i nomi propri si riferiscono anche a persone, che potrebbero condividere funzioni, caratteristiche o attributi simili, compromettendo ulteriormente la nostra capacità di abbinare il nome giusto alla persona giusta.

Una classica dimostrazione di questo è quella che viene definita la “illusione di Mosè”.
Alla domanda “Quanti animali Mosè portò con sé sull’arca?” la maggior parte delle persone risponde erroneamente “Due”.
La risposta corretta è, invece, “Nessuno”, perché fu Noè, e non Mosè, a costruire l’arca.
È facile cadere in questo tranello perchè entrambi i nomi si riferiscono a figure maschili bibliche, associate ad eventi miracolosi.

Quindi, sono proprio queste caratteristiche condivise a creare una sorta di competizione nel processo mnemonico.

Questo, a sua volta, rende più difficile scoprire l’errore, anche se, per ritornare all’esempio, la maggior parte di noi conosce la differenza tra Noè e Mosè!

Altri esperimenti di questo tipo hanno dimostrato che attirare l’attenzione su un distrattore, sia utilizzando un carattere corsivo difficile da leggere, che scrivendo con tutte le lettere maiuscole, finisce per trarre in inganno le persone.


Sovrapposizione fonologica e sovrapposizione semantica.


Non solo: anche quando ci sono una sovrapposizione fonologica (nomi che suonano allo stesso modo), e/o una sovrapposizione semantica (significato simile), si verifica l’illusione di Mosè (come è successo agli americani, ad esempio, con Lyndon Johnson and Andrew Johnson – entrambi ex presidenti degli Stati Uniti).


Sovrapposizione visiva.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Cristina Bergia
Viale dei Mille, 1 - FIRENZE
Cell.: 339 7067867
Dottoressa Irene Giangreco Marotta
Via Paolessi, 1 - RIETI
Cell: 347 1332633

Infine, la ricerca ha mostrato che anche la sovrapposizione visiva può ostacolare la nostra capacità di ricordare queste parole.

In un recente esperimento, i ricercatori hanno chiesto ai partecipanti “In quale film (nome attrice) interpreta una ballerina, che perde lentamente la ragione?”.
Il film in questione si intitola “Il Cigno nero” e l’attrice è Natalie Portman, ma gli studiosi hanno inserito sia il nome di un’attrice simile (Keira Knightley), sia di una collega che non le somiglia affatto (Amy Adams), che di una celebrità completamente estranea a questo mondo (Maria Sharapova, una giocatrice di tennis).

I risultati hanno mostrato che, nella situazione di sovrapposizione visiva, accadeva che quelle persone, che vedevano appunto il nome di Keira Knightley, aveva meno probabilità di rilevare l’errore, rispetto a coloro ai quali venivano proposti gli altri due nominativi.
    
Inoltre, è stato riscontrato che, presentando un’immagine, per un periodo breve, prima della domanda, sia della persona corretta, che del distrattore visivamente simile, veniva ridotta la suscettibilità all’illusione.

Le informazioni visive condivise sembrano essere particolarmente competitive nella comprensione del nome e la maggiore suscettibilità all’illusione di Mosè, per i distrattori che sembrano simili al nome corretto, sostengono la teoria, secondo la quale i concetti visivi, nonché altre informazioni specifiche sulla persona, possono funzionare in modo interattivo, suggerendo che, più in generale, l’informazione visiva può essere importante per l’elaborazione dei nomi propri”, hanno concluso le Dott. esse Abrams e Davis.
    

 

Fonte: Psychological Science

(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Alice Fusella)

 

 

  |   Letto: 1365 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Epigenetica e Trasmissione Transgenerazionale del Trauma

Come può una memoria repressa essere trasmessa da una persona all'altra? Può un figlio ereditare realmente la mente inconscia del genitore? È possibile per un bambino ricordare ciò che il proprio genitore ha “dimenticato”? Con il termine Trasmissione Transgenerazionale...

La terapia EMDR

L'EMDR è una terapia strutturata che incoraggia l'utente a concentrarsi brevemente sulla memoria del trauma mentre contemporaneamente sperimenta la stimolazione bilaterale dei movimenti oculari la quale favorisce una riduzione delle vividezza e delle emozioni associate ai ricordi traumatici. La terapi...

Gli effetti della psicoterapia sul cervello

All'interno del presente articolo, il Dottor Robert Berenzin, psichiatra e docente presso l'Harvard Medical School, presenta gli effetti della psicoterapia sul cervello, e come questa possa agire sui sistemi biologici. La neuroscienza ci insegna sempre di più, e sorprendentemente, che non solo la psic...

Incubi e disturbi nel sonno nella psicosi

Le persone affette da psicosi esperiscono frequenti disturbi del sonno e incubi che, conseguentemente, determinano un'efficienza del sonno più povera, nonché una maggiore presenza di deliri, depressione, ansia, stress e scarsa memoria di lavoro. Negli ultimi cinque anni la ricerca ha focalizza...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.