Pubblicità

Perché i bambini mentono?

Mentire è spesso uno dei primi segni che il bambino ha sviluppato una “teoria della mente”, intesa come la consapevolezza che altri possono avere desideri, sentimenti e credenze diverse dalle proprie.

perchè i bambini mentonoQuando un bambino afferma ingannevolmente “papà ha detto che potevo mangiare il gelato”, sta usando questa consapevolezza della mente altrui per piantare false conoscenze.

Mentre mentire può essere socialmente poco desiderabile, la capacità di sapere cosa pensano e sentono gli altri è un'importante abilità sociale, in quanto collegata all'empatia, alla cooperazione e alla cura degli altri quando si sentono turbati.

Ovviamente, l'attività del mentire cambia con l'età. Le prime menzogne dei bambini piccoli sono spesso più divertenti che efficaci. Basti immaginare un bambino che afferma di non aver mangiato alcun pasticcino mentre sta ancora finendo di mangiarlo, o che incolpa il cane di famiglia per aver disegnato sul muro.

I bambini piccoli acquisiscono la consapevolezza di poter ingannare gli altri, ma non hanno ancora la raffinatezza per farlo così bene.

Prima dell'età di otto anni, i bambini tendono a mentire spesso. In uno studio, ai bambini di età compresa tra tre e sette anni è stato chiesto di non sbirciare un giocattolo misterioso di nome Barney che era stato posto dietro di loro.

Quasi tutti lo facevano, e quasi tutti hanno mentito in seguito. Questo aspetto del mentire tendeva ad aumentare con l'aumentare dell'età dei partecipanti.

I bambini di età compresa tra i tre e i cinque anni erano sorprendentemente bravi a mantenere una faccia seria, ma in genere si facevano scoprire descrivendo il giocattolo.

I bambini tra i sei e sette anni avevano avuto un successo misto, fingendo per metà di ignorare il tutto e per metà pronunciando accidentalmente il nome del giocattolo.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Beatrice Bonechi
Via Aretina, 251/A - FIRENZE
Cell.: 338 2496662
Dottoressa Daniela Ciccarelli
Via Luigi Dallapiccola, 20 San Sisto - PERUGIA
Cell: 339 2860568

Quando i bambini crescono e la loro capacità di prendere decisioni si sviluppa, sono sempre più in grado di comprendere il tipo di menzogne che potrebbe essere credibile per gli altri. Migliorano anche la capacità di mantenere la menzogna nel tempo. E, in questo momento specifico, anche lo sviluppo morale entra in gioco.

I bambini più piccoli hanno maggiori probabilità di mentire per un guadagno personale, mentre i bambini più grandi possono sviluppare la tendenza a sentirsi in colpa se mentono.

Anche i bambini più grandi e gli adolescenti sono più propensi a fare distinzioni tra diversi tipi di menzogne. Le bugie bianche, per loro, sono considerate più appropriate delle bugie nocive.

Mentre gli studi che stimano la frequenza del mentire tra i bambini e gli adolescenti sono rari, gli adolescenti sono particolarmente inclini a mentire a genitori e insegnanti su cose che riguardano la loro attività personale.

Un altro studio ha rilevato che l'82% degli adolescenti statunitensi ha riferito di aver mentito ai genitori su soldi, alcool, droghe, amici, incontri, feste o sesso nell'anno precedente.

Avevano più probabilità di mentire sui loro amici (67%) e sull'uso di alcool e droghe (65%). Forse, sorprendentemente, erano meno inclini a mentire sul sesso (32%).

Quando leggevano brevi scenari in cui il protagonista mentiva ai suoi genitori, anche i ragazzi potevano considerare la menzogna accettabile se era di aiuto a qualcuno o nel mantenere un segreto personale, ma non se fosse per danneggiare o ferire qualcuno.

Mentire è un motivo di preoccupazione?

Nonostante la sua prevalenza, la menzogna tra i bambini raramente è motivo di preoccupazione. È importante ricordare che anche molti adulti mentono – a volte per il bene, come nel caso delle bugie bianche, e a volte anche in malafede.

Pubblicità

Mentre le stime variano, uno studio ha rilevato che circa il 40% degli adulti statunitensi ha riferito di aver mentito nelle ultime 24 ore. In alcuni casi, la menzogna cronica può diventare una preoccupazione se si verificano insieme ad un gruppo di altri comportamenti che sono disadattivi. Ad esempio, nel contesto infantile, l'inganno attraverso la menzogna può essere presente nel disturbo della condotta e nel disturbo oppositivo provocatorio.

I ragazzi affetti da uno di questi disturbi presentano comportamenti aggressivi persistenti a danni di altri o proprietà. Tuttavia, per poterla accostare ad una diagnosi, la menzogna dovrebbe verificarsi con un gruppo di altri sintomi, come il rifiuto di rispettare le figure di autorità, le violazioni persistenti delle regole e l'incapacità di assumersi la responsabilità delle proprie azioni.

Un'altra eventuale situazione che può trasformarsi in motivo di preoccupazione per i genitori è quando l'atto del mentire serve a mascherare altri problemi di salute mentale dovuti alla paura o alla vergogna. Ad esempio, un bambino o un adolescente che soffre di un'ansia grave può mentire cronicamente per evitare di affrontare situazioni che teme, come ad esempio la scuola, le feste e così via.

Possono anche mentire per evitare lo stigma dei disturbi mentali. In questi casi, è bene consultare uno specialista della salute mentale per aiutare i genitori a chiarire se la menzogna è indicativa di un problema di salute mentale.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Monica De Lisi
Via Terrasanta, 31 - PALERMO
cell.: 335 817805
Centro Synesis® di Psicologia Dottoressa Flavia Passoni
Centro Synesis® di Psicologia Via Zavaritt, 222 - Gorle (BG)
Cell: 338 1863275

Se si parte dall'assunto che mentire è un'azione evolutiva normale, i genitori e gli insegnanti possono supportare la narrazione della verità da parte dei bambini in tre modi.

In primo luogo, evitare punizioni eccessive o esagerate. In uno studio che ha confrontato una scuola dell'Africa occidentale in cui si ricorreva a punizioni (come colpire con un bastone, schiaffeggiare o pizzicare) e una scuola che ha fatto ricorso a rimproveri non punitivi (come timeout o rimproveri), gli studenti della scuola con punizioni erano più inclini a ricorrere all'uso delle bugie.

I bambini provenienti da famiglie che danno molta importanza al seguire le regole e al dialogo aperto riportano anche menzogne più frequenti.

In secondo luogo, è importante discutere scenari emotivi e morali con i bambini. Questo “coaching emotivo” supporta la comprensione da parte dei bambini di quando le bugie sono più dannose, di come influenzano gli altri e di come potrebbero sentirsi essi stessi mentendo.

In terzo luogo, è bene assicurarsi che la bugia sia davvero una bugia. I bambini molto piccoli sono inclini a fondere vita reale e immaginazione, mentre i bambini più grandi e gli adulti spesso ricordano argomenti in modo diverso l'uno dall'altro.

Se un bambino denuncia abusi fisici o sessuali, queste accuse devono essere sempre investigate. Distinguendo se c'è un tentativo deliberato di inganno, genitori e insegnanti possono indirizzare la loro risposta in modo efficace.

Volendo concludere, mentire è evolutivamente normale che correla con lo sviluppo di altre abilità cognitive. Se la menzogna è persistente e sta compromettendo la capacità del bambino di funzionare efficacemente nella vita di tutti i giorni, vale la pena consultare un esperto di salute mentale.

Allo stesso modo, è importante ricordare che mentire è solo un modo in cui i bambini imparano a navigare nel mondo sociale.

Le discussioni aperte e tiepide sul dire la verità dovrebbero alla fine aiutare a ridurre le bugie dei bambini durante il loro sviluppo.

 

Tratto dalla rivista “JAMA Pediatrics”

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

 

 

Iscriviti alla NewsLetter

Se l'articolo che hai letto ti è piaciuto, iscriviti gratuitamente alla News Letter per essere costantemente informato sui nuovi articoli pubblicati e sulle iniziative di Psicologi-Italiani.it
Ricezione
Professione
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo

  |   Letto: 467 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

La psicoeducazione nella relazione con il paziente

Nella relazione con il paziente, la psicoeducazione fornisce al cliente la possibilità di lavorare su deficit di abilità specifiche, correggere eventuali disinformazioni e ampliare il proprio repertorio di conoscenze su tematiche specifiche. Molte persone cercano la figura di uno psicologo e/o ...

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

Copyright © 2019 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.