Pubblicità

Perché lavorare in una caffetteria aumenta la concentrazione?

Una nuova ricerca spiega perché alcune persone si concentrano meglio in una caffetteria, piuttosto che a casa

concentrazioneIn due esperimenti, gli scienziati belgi Kobe Desender, Sarah Beurms e Eva Van den Bussche hanno dimostrato che, nelle giuste circostanze, la concentrazione può essere contagiosa. Sembrerebbe, infatti, che sedersi vicino a qualcuno, che si sta dedicando attivamente al suo lavoro, possa aumentare il proprio livello d’impegno.

“Nello studio, abbiamo mostrato, per la prima volta, che l’entità dello sforzo mentale è contagiosa. In parole povere, eseguendo un compito vicino ad una persona, che si sta impegnando molto nel suo, ti farà fare lo stesso”, scrivono i ricercatori su “Psychonomic Bulletin & Review”.

Per il primo esperimento, due partecipanti (A e B) erano seduti vicini l’uno all’altro, mentre completavano un test, chiamato Compito di Simon, in cui un quadrato, colorato di blu, giallo, verde o arancione, appariva al lato destro o sinistro dello schermo del computer. Ad ogni partecipante venivano assegnati due colori target, così, ogni volta che appariva un quadrato blu o giallo, il partecipante A doveva premere il tasto “k”, e, ogni volta che ne compariva uno verde o arancione, il partecipante B doveva digitare “d”.
Ciò che i 38 partecipanti non sapevano era che i ricercatori avrebbero modificato la difficoltà del compito. In genere, è più facile, per le persone, elaborare uno stimolo che sta sullo stesso lato in cui devono dare la risposta: così il partecipante seduto a sinistra avrebbe avuto tempi di risposta più veloci ed accurati, quando il quadrato appariva al lato sinistro dello schermo (congruente), rispetto a quando ciò avveniva sul lato destro (incongruente).

In più, mentre il partecipante B aveva sempre il 50% delle prove incongruenti, per il suo compagno venivano alternati blocchi veramente difficili, con il 90% di incongruenza, e blocchi in cui era richiesto uno sforzo minimo, con il 10% di incongruenza. Questo significava che il partecipante A doveva concentrarsi di più per mantenere lo stesso livello di concentrazione del partecipante B.

Il Compito di Simon, di per sé, non è competitivo e non poggia sul lavoro di squadra, ma i dati mostrarono che, quando una persona stava lavorando con tanto impegno, quella seduta vicino cominciava a lavorare ancora più duramente. Infatti, quando il partecipante A stava affrontando i blocchi più difficili, i tempi di reazione e la precisione del partecipante B miglioravano.

Per escludere la possibilità che i partecipanti rispondessero agli schermi l’uno dell’altro, Desender e colleghe disegnarono un secondo esperimento. Quindi, i 38 partecipanti completarono il compito di Simon, solo che questa volta i partecipanti furono separati da una barriera di cartone, per cui essi potevano vedere l’altro, ma non lo schermo.

Ancora, i risultati rivelarono che lo sforzo mentale di una persona si diffondeva alla sua controparte: i partecipanti, che affrontavano i compiti con il 50% di incongruenza, miglioravano i loro tempi di reazione quando gli altri completavano i blocchi più difficili, con il 90% di incongruenza.

“Nel nostro studio, non c’erano incentivi per impegnarsi di più o di meno, ma, nonostante ciò, i partecipanti erano più dediti al compito, quando la persona vicina a loro faceva lo stesso”, spiegano i ricercatori.

Non era chiaro, però, come le persone fossero capaci di discernere il grado di impegno del loro compagno. Un’ipotesi proposta dai ricercatori è che le persone osservassero la postura del corpo dell’altro. Una seconda possibilità è che esse riuscissero a farlo in maniera automatica, nello stesso modo in cui, inconsciamente, copiamo gli sbadigli o il battere il piede di chi ci sta accanto.

 

 

Fonte: PsychologicalScience.org

 

(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Alice Fusella)

 

 

  |   Letto: 2136 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Psicologo del marketing e della comunicazione

Lo psicologo della comunicazione e marketing è un laureato in psicologia, abilitato dall'Esame di stato all'esercizio della professione, iscritto all’Albo degli psicologi nella sezione A. Deve essere capace di operare in completa autonomia professionale e di instaurare una collaborazione paritaria con a...

La psicoterapia nell’ambito delle neoplasie

L’importanza del supporto psicologico e del lavoro di èquipe nel paziente oncologico Il cancro, come patologia cronica, può determinare diversi cambiamenti nello stile di vita di una persona,  tale da andare ad ripercuotersi su tutto il contesto fisico, sociale e psicologico di chi si "scontra" con ...

Wilfred Bion e la Rêverie

Aspetti teorici della teoria Bioniana: rêverie, gruppo di lavoro, assunti di base, sistema proto-mentale, elementi-beta, funzione alfa, schermo beta, trasformazioni. Per comprendere il concetto di Rêverie è bene effettuare un excursus rispetto alla teoria e al pensiero di Wilfred Bion. Ne...

La “chiusura” della relazione terapeutica

Secondo i ricercatori, tra gli elementi cui prestare attenzione nella chiusura della relazione terapeutica con il cliente vi sono l'alleanza di lavoro, la forza del legame creatosi ed il transfert. Come per tutte le relazioni, una relazione terapeutica ha un inizio e una fine. ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.