Pubblicità

Più piccoli… Ma anche più attenti!

Una ricerca dimostra che i bambini registrano più informazioni rispetto agli adulti.


bambini attentiSi sa: gli adulti possono battere i bambini nella maggior parte dei compiti cognitivi.

 

Eppure, secondo una nuova ricerca, pubblicata su “Psychological Science”, le limitazioni dei più piccoli possono essere, a volte, la loro forza.

In due studi, i ricercatori hanno scoperto, infatti, che gli adulti sono molto bravi a ricordare le informazioni, sulle quali era stato detto loro di concentrarsi, e ad ignorare il resto.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Tiziana Casazza
Via Giambellino, 26 - MILANO
Cell: 347 7917019
Dottoressa Beatrice Bonechi
Via Aretina, 251/A - FIRENZE
Cell.: 338 2496662

Al contrario, i bambini tra 4 e 5 anni d’età erano capaci di prestare attenzione a tutto ciò che veniva presentato loro, anche quando dovevano focalizzarsi su un elemento particolare.
Ciò li ha aiutati a notare quelle cose, che i più grandi non sono riusciti a catturare, a causa della loro attenzione selettiva.

Spesso, pensiamo che i bambini siano carenti di molte competenze, rispetto agli adulti. Ma, a volte, quello che sembra un deficit può rivelarsi, in realtà, un vantaggio”, ha spiegato il Dott. Vladimir Sloutsky, co-autore dello studio e professore di Psicologia presso la Ohio State University. “Questo è quello che abbiamo trovato nel nostro studio. I bambini sono estremamente curiosi e tendono ad esplorare tutto, il che significa che la loro attenzione resta diffusa, anche quando sono chiamati a metterla a fuoco. Ciò, a volte, può essere utile”.


Il primo esperimento.


Il primo studio ha coinvolto 35 adulti e 34 bambini tra 4 e 5 anni, ai quali sono state mostrate, sullo schermo di un computer, due forme, una rossa, l’altra verde.

Ai partecipanti è stato detto di prestare attenzione ad una forma di un particolare colore (ad esempio, quella rossa).

Queste, poi, scomparivano per un breve periodo.

Successivamente appariva un’altra schermata con le forme ed i soggetti dovevano riferire se esse erano le stesse di quella precedente.
In alcuni casi, le forme erano uguali, in altri era diversa la forma target (quella a cui i partecipanti dovevano prestare attenzione), in altri ancora cambiava la forma non bersaglio.

In questo esperimento gli adulti hanno risposto in modo leggermente migliore, rispetto ai bambini, constatando correttamente quando la forma target era cambiata (94% contro 86%).

Ma i bambini si sono accorti quando la forma non bersaglio cambiava”, ha aggiunto il Dott. Sloutsky.

Quello che abbiamo scoperto è che i piccoli hanno prestato attenzione a tutte le forme, anche quelle non richieste”, ha continuato lo studioso. “Gli adulti, invece, tendono a concentrarsi solo su ciò che viene detto loro”.


Il secondo esperimento.


Un secondo esperimento ha coinvolto gli stessi partecipanti, a cui furono mostrati, però, i disegni di creature inventate, che avevano caratteristiche diverse: esse potevano avere una “X” o una “O” sul loro corpo, oppure un fulmine, o una palla soffice, sulla fine della loro coda.

Ai soggetti fu chiesto di trovare una di queste caratteristiche, come, ad esempio, i corpi con la “X” o con la “O”, ma non è stato detto nulla circa gli altri aspetti.

Sia i bambini, che gli adulti, hanno trovato le “X” o le “O”, come da consegna, anche se gli ultimi furono un po’ più precisi rispetto ai primi.

Ma, quando queste creature sono apparse nelle schermate successive, c’era una grande differenza in quello che i partecipanti hanno ricordato.

Per quel che riguarda le caratteristiche che sono stati invitati esplicitamente ad osservare (cioè, “X” e “O”), adulti e bambini hanno avuto risultati identici.

Questi ultimi, però, sono stati sostanzialmente più precisi, rispetto agli adulti (72% contro 59%), nel ricordare gli altri elementi, come, ad esempio, le code delle creature.

Il punto è che i bambini non concentrano la loro attenzione come gli adulti, anche se si chiede loro di farlo”, ha commentato il Dott. Sloutsky. “Essi finiscono per notare e ricordare di più”.

Lo studioso ha aggiunto che sicuramente anche gli adulti sarebbero riusciti a notare e ricordare le informazioni ignorate negli studi, se fosse stato detto loro di prestare attenzione a tutto, ma la loro capacità di focalizzare l’attenzione ha un costo: ignorare ciò su cui non si concentrano.


Conclusioni.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Tiziana Casazza
Via Giambellino, 26 - MILANO
Cell: 347 7917019
Dottoressa Arianna Grazzini
Corso Trieste, 59 - ROMA
Cell: 334 7666763

La capacità di focalizzare l’attenzione è ciò che permette agli adulti di sedersi in incontri di due ore e mantenere lunghe conversazioni, ignorando le distrazioni”, ha spiegato il Dott. Sloutsky. “Ma l’uso dell’attenzione distribuita nei bambini permette loro di imparare di più in contesti nuovi e sconosciuti, assorbendo un sacco di informazioni”.

Il fatto che i bambini non sempre riescono a focalizzare così bene l’attenzione mostra anche l’importanza di progettare l’ambiente di apprendimento in aula, ha aggiunto lo studioso.

I bambini sono in grado di gestire un sacco di distrazioni. Assorbono sempre informazioni, anche se non è quello che si sta cercando di insegnare loro. Dobbiamo diventare consapevoli di questo e progettare aule, libri di testo e materiali didattici per aiutare gli studenti ad avere successo.
Forse, una classe noiosa, o un semplice foglio in bianco e nero, potrebbero significare minori distrazioni ed un apprendimento maggiore”, ha concluso il Dott. Sloutsky.
    

 

 

Fonte: Psychological Science

(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Alice Fusella)

 

 

  |   Letto: 505 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

La terapia sistemico-relazionale

La terapia Sistemico-Relazionale si diffuse negli Stati Uniti durante gli anni '50, in particolare grazie alle teorie della prima e seconda cibernetica e la teoria dei sistemi elaborata da L Von Bertanlaffy. La "Scuola di Palo Alto" e il Mental Research Institute. La psicoterapia ad indirizzo sistemico-relaz...

La personalità istrionica

Gli individui che presentano un disturbo istrionico di personalità sono continuamente alla ricerca di attenzione, sono caratterizzati da emozioni eccessive e una tendenza a considerare e vivere le persone o situazioni in modo emotivo. La parola personalità descrive modelli di comportamento ra...

Il suicidio infantile: cosa i genitori dovrebbero conoscere

I bambini e gli adolescenti cosa sanno rispetto alla morte e il suicidio? Hanno familiarità con questi argomenti? La risposta è si, e lo scoprono anche ad un'età sorprendentemente giovane. La morte di un bambino genera sempre una sensazione orribile, il cuore sembra sgretolarsi e non si ...

Psicoterapia e cambiamenti cerebrali

Secondo recenti ricerche la psicoterapia può determinare cambiamenti nell'espressione genica attraverso processi di apprendimento, rinforzare le connessioni sinaptiche tra cellule nervose e indurre cambiamenti morfologici nei neuroni. I risultati prodotti nel contesto della psicoterapia ed i meccanism...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.