Pubblicità

Posa naturale vs ‘Posa di potere’: quale ci fa apparire più competente?

La ricerca analizza la postura migliore per apparire sicuri di sé.


postura competenteState eretti con i piedi separati.

Tenete braccia e gambe lontane dal corpo.
Gonfiate il petto.
Portate in su il mento.

Si è parlato molto di questa cosiddetta “postura del potere”.

Una nuova ricerca, pubblicata sulla rivista “Journal of British Psychology”, suggerisce, però, che la vostra postura naturale è il modo migliore per apparire competenti.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Annalisa Di Sabatino
Via Reno, 30 - ROMA
Tel.: 06 8419950
Dottoressa Irene Giangreco Marotta
Via Paolessi, 1 - RIETI
Cell: 347 1332633

Non posso fare a meno di essere affascinato dalla comunicazione non verbale perché è qualcosa che influenza ciascuno di noi. Nessuno, infatti, può fare a meno di farsi sfuggire qualcosa su se stesso attraverso di essa e, allo stesso modo, giudicare gli altri dal loro”, ha spiegato il Dott. Daniel J. Gurney della University of Hertfordshire, autore principale dello studio.

Sappiamo, grazie alle ricerche precedenti, che le persone tendono a dare dei giudizi su di noi sulla base dei vestiti che indossiamo e sulle posture che abbiamo quando ci sediamo o stiamo in piedi”, ha continuato lo studioso. “Comunque, nessuno ha realmente considerato quale di queste sia la più importante ed a cosa le persone prestano maggiore attenzione quando si formano un’opinione su di noi. Per esempio, importa se siete in una posizione ripiegata se siete vestiti elegantemente? E quanto conta l’abbigliamento sulla ‘posa di potere’? Lo studio è stato progettato per aiutarci a capire se questi due comportamenti non verbali lavoravano insieme nell’influenzare il modo in cui le altre persone ci giudicano”.


Lo studio ed i suoi risultati.


Nello studio, 106 adulti (con età media di 29 anni) hanno visto delle immagini di modelli, di sesso maschile e femminile, in una serie di pose ed abbigliamenti.

I partecipanti valutarono la competenza di ciascuno di essi (nello specifico, sicurezza di sè, professionalità, accessibilità e probabilità di ricevere uno stipendio alto).

Dai risultati è emerso che quelli che assumevano delle pose di netta apertura sono stati giudicati come più competenti di coloro che assumevano posture più chiuse.

È stato riscontrato, però, che gli individui con posizioni neutrali furono percepiti come i più competenti in assoluto.

Uno dei risultati più interessanti è stato constatare che le persone sono valutate quasi sempre come più competenti quando hanno una posa naturale”, ha commentato il Dott. Gurney. “Quindi, il messaggio sembra essere che non bisogna cercare intenzionalmente la posa che ci faccia sembrare più competenti; semplicemente, basta agire in modo naturale”.


Considerazioni.


Molto è stato detto sul fatto che le cosiddette “pose di potere” siano un modo per migliorare l’umore, la carriera ed anche la vostra salute.

Tuttavia, i nuovi risultati indicano che potrebbe non essere così.

Bisogna considerare, certo, che il Dott. Gurney ed i suoi colleghi hanno esaminato solo come venivano percepiti i modelli, senza considerare come essi stessi si sono sentiti nelle diverse posizioni.

Questo studio si è focalizzato solamente su come venivano giudicate dagli altri le persone in diverse posture ed abbigliamenti e non abbiamo posto troppa attenzione su come si sono sentite loro stesse”, ha ammesso lo studioso. “Mi piacerebbe sapere se e quanto sono simili i giudizi forniti dagli osservatori e dai modelli. Cioè, se questi ultimi si sentono più sicuri in una determinata posizione e con un particolare abbigliamento, appaiono più sicuri anche agli altri? Mi piacerebbe pensare che sia così, ma abbiamo bisogno di effettuare ulteriori ricerche per scoprirlo!”.


Gli altri risultati.


Il nuovo studio suggerisce, inoltre, che sia gli uomini, che le donne traggono beneficio dal vestirsi in modo elegante. Infatti, quei modelli che avevano un abbigliamento elegante, ad esempio un tailleur, venivano percepiti come più competenti, rispetto ai colleghi che vestivano casual.

Ci sono state, però, alcune differenze di genere: le donne che hanno indossato un abbigliamento casual sono state giudicate in modo più favorevole rispetto agli uomini con lo stesso tipo di vestiti, ma, quando si trattava dell’abbigliamento elegante, i modelli maschi sono stati valutati come più competenti, rispetto alle donne che indossavano un tailleur con pantalone, ma non a coloro che avevano un vestito con la gonna.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Daniela Benedetto
Via del Vascello, 34 - ROMA
Cell: +39 339 6306112
Dottor Marco Zanghì
Via Scite, 3 - MESSINA
Cell: 334 2717738

Considerazioni conclusive.


Il messaggio da portare a casa, come ha suggerito il Dott. Gurney, è di essere semplicemente se stessi (o forse una versione di sè vestita meglio).

Mi piace pensare che ci sia un messaggio positivo da poter ricavare da questa ricerca, cioè che le persone sembrano essere ricompensate per essere ciò che sembra essere naturale per loro. Alcuni individui sembrano costruire il loro comportamento non verbale per far apparire se stessi più sicuri o potenti, ma il miglior consiglio sembra essere di agire semplicemente in modo naturale. Se cercate di nascondere o camuffare questo tipo di linguaggio, ciò può farvi sembrare e sentire goffi.
Insomma, niente paga di più che fare ciò che vi sembra più naturale!”.    

 

 

Fonte: Psy Post

(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Alice Fusella)

 

 

  |   Letto: 1254 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

La terapia sistemico-relazionale

La terapia Sistemico-Relazionale si diffuse negli Stati Uniti durante gli anni '50, in particolare grazie alle teorie della prima e seconda cibernetica e la teoria dei sistemi elaborata da L Von Bertanlaffy. La "Scuola di Palo Alto" e il Mental Research Institute. La psicoterapia ad indirizzo sistemico-relaz...

La psiche dell'esibizionista

Se si vuole comprendere perchè un esibizionista si eccita masturbandosi davanti ad un partner, la risposta non è da ricercare nel potere che sta esercitando, ma nell'ansia che sta tentando di placare. Tra i più bizzarri peccati che emergono nel recente diluvio di storie di molestie sessu...

Il modello del duplice controllo

Nel presente articolo si andrà ad esaminare il modello del duplice controllo che descrive in modo più accurato le componenti reattive del desiderio e le sottostanti forze motivazionali che lo innescano, in particolare nelle donne che si trovano in relazioni a lungo termine. La Dottoressa Rosema...

La teoria dei bisogni psicogeni di Henry Murray

Lo psicologo americano Henry Murray sviluppò una teoria della personalità organizzata in termini di motivazioni, pressioni e bisogni. Henry Murray descrisse i bisogni come una “potenzialità o prontezza a rispondere in un certo modo in determinate circostanze”. ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.