Pubblicità

Prevenire i sintomi del PTSD.. con la Ketamina!

Secondo un nuovo studio una sola dose di questo farmaco può prevenire l’insorgere della patologia.


cura ptsd ketaminaI ricercatori della Columbia University Medical Center (CUMC) hanno scoperto che una singola dose di Ketamina, data una settimana prima di un evento stressante, può diminuire la portata della paura che ne consegue.

In particolare, lo studio, pubblicato sulla rivista “Neuropsychopharmacology”, suggerisce che la somministrazione profilattica di questo farmaco, comunemente usato come anestetico generale, o antidepressivo ad azione rapida, potrebbe prevenire il manifestarsi dei sintomi del Disturbo Post Traumatico da Stress (PTSD) nei soldati ed in tutti coloro che lo esperiscono in seguito ad un trauma psicologico.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Arianna Grazzini
Corso Trieste, 59 - ROMA
Cell: 334 7666763
Dottoressa Ilaria Artusi
Via Lorenzetti, 15 - AREZZO
Cell.: 333 3945439


Introduzione.


Ci sono poche terapie efficaci per prevenire, o curare, il Disturbo Post Traumatico da Stress (PTSD), un Disturbo d’ansia che si verifica in circa un quarto degli individui che subiscono dei traumi psicologici.

I sintomi del PTSD comprendono il rivivere il trauma, attraverso flashback ripetuti, ipervigilanza ed iperattività, così come cambiamenti dell’umore, paralisi psicologica e sintomatologia fisica cronica (ad esempio mal di testa).

In ogni caso, la probabilità che i sintomi si svilupperanno dipende dalla natura e dall’intensità del trauma, da un parte, e dal tipo di risposta dell’individuo, dall’altra.

Già studi precedenti hanno dimostrato, sia negli esseri umani che negli animali, che somministrare la Ketamina prima di un trauma può aiutare a ridurre i sintomi legati allo stress.

Tuttavia, non era chiaro se il farmaco debba essere assunto in prossimità di un episodio traumatico per massimizzare i suoi effetti protettivi.


Lo studio.


In questo studio, i topi coinvolti hanno ricevuto una piccola dose di Ketamina, per via endovenosa, o un placebo, un mese, una settimana o un’ora prima di essere sottoposti a piccoli shock.

Essi, una volta condizionati ad associare l’ambiente in cui avveniva il test con questi traumi, furono osservati nello stesso scenario e valutati per la risposta di congelamento, misura dell’entità della paura condizionata.

Dai risultati è emerso che solo i topi, a cui veniva somministrata la Ketamina una settimana prima del fattore di stress, esibivano una risposta di congelamento meno forte.

I nostri risultati dimostrano che il tempo di somministrazione della Ketamina è fondamentale per ridurre l’espressione della paura”, ha detto la Dott. essa Josephine C. McGowan, dottoranda in Neurobiology and Behavior al CUMC.

Non è noto, però, se ci sia una finestra intermedia, tra una settimana ed un’ora, in cui la Ketamina potrebbe avere lo stesso un effetto protettivo.

I ricercatori hanno anche scoperto che somministrare il farmaco subito dopo un evento stressante non influenzava la risposta di paura degli animali.
Tuttavia, farlo un’ora dopo la seconda scossa diminuiva l’espressione del timore, suggerendo che ci può essere un’altra finestra potenziale dopo il trauma iniziale, in cui il farmaco può essere efficace.


Considerazioni.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Caterina Gestri
Piazza Risorgimento, 18 Quarrata - PISTOIA
Cell: 338 1110142
Dottoressa Giuseppina Grazioso
V.le Papa Giovanni XXIII, 33 - BARI
Cell: 338 7780330

La Ketamina è un farmaco forte, che può avere diversi effetti collaterali, quindi noi non ne sosteniamo un ampio uso per prevenire, o ridurre, i sintomi del PTSD. Però è evidente che, qualora i nostri risultati nei topi siano replicati negli esseri umani, dare una singola dose di Ketamina, come fosse un vaccino, potrebbe costituire un grande beneficio per le persone che hanno un’alta probabilità di esperire stress significativi, come i membri delle forze armate o gli operatori umanitari che vanno nelle zone di guerra”, ha spiegato la Dott. essa Christine A. Denny, assistente professore di Neurobiologia clinica al CUMC.
    
Questo gruppo di ricercatori sta attualmente studiando, infatti, come faccia la Ketamina ad influenzare la risposta allo stress nel cervello.

I ricercatori del CUMC sperano, in particolare, di poter definire il modo in cui usare questo farmaco nella profilassi negli esseri umani, soprattutto per quel che riguarda il personale militare.

 

 

Fonte: Psy Post

(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Alice Fusella)

 

 

  |   Letto: 1415 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il disturbo da stress post-infedeltà

Secondo lo psicologo Dennis Ortman il disturbo da stress post-infedeltà può avere conseguenze fisiche così come emotive; lo stress legato all'aver scoperto l'infedeltà del partner può portare a ciò che è stato soprannominato “sindrome del cuore spezzato&r...

Nuovi trattamenti per il Disturbo Post-Traumatico da Stress

Dai farmaci al mondo digitale: approcci innovativi per la gestione del Disturbo Post-Traumatico da Stress In un’era in cui si assiste sempre più a disastri, incidenti, abusi e guerra, i sopravvissuti al trauma non sono sempre in grado di affrontare una serie di problemi emotivi come i ricordi intrusivi, i...

La Psicoterapia può “riparare” il DNA?

La psicoterapia è in grado di invertire l’aumento dei livelli endogeni di rottura di DNA nei soggetti con Disturbo post-traumatico da stress, riportandoli ad un livello normale. Precedenti ricerche hanno rivelato un’associazione tra stress traumatico e incremento del rischio per lo sviluppo di numerosi ...

Disturbo da Stress Post-Traumatico e Disturbo del Comportamento Alimentare

Il disturbo alimentare può essere inquadrato come modalità “intelligente”, anche se distruttiva, che determina sia la distanza che la paralizzazione, nonché un mezzo per rivivere gli eventi dolorosi del passato attraverso una ricreazione di essi attraverso la sintomatologia de...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.