Pubblicità

Quale identità? Le strategie identitarie negli adolescenti immigrati. Ricerca qualitativa nella provincia di Lecce.

Dottoressa Mariangela Bandello

adolescenti-immigratiL’identità è continuamente modellata dalle richieste e dai valori dell’ambiente e della cultura in cui siamo immersi.

Nel momento in cui un individuo, cresciuto in un determinato ambiente, emigra in un Paese molto diverso dal suo, per lingua, cultura, valori, religione, stile di vita, mette in atto delle strategie identitarie adattative, ossia delle procedure, più o meno consapevoli ed elaborate, che sono utilizzate per far fronte alle richieste del nuovo ambiente, nel tentativo di farsi accettare, riconoscere, valorizzare. J.-C. Ruano-Borbalan (1998), afferma che, se generalmente gli immigrati hanno un problema d’identità, i livelli di conflittualità sono diversi tra adulti e adolescenti.

Mentre gli adulti soffrono meno la contraddittorietà tra i sistemi di riferimento delle due culture, quella d’appartenenza e quella d’accoglienza, grazie al fatto che la loro personalità è già formata, e quindi il trauma dei nuovi ruoli e del conflitto è più superficiale, o comunque facilmente superabile, ciò non accade per i giovani immigrati. Per gli individui della seconda generazione, cioè i figli degli immigrati, i processi d’identità e di riferimento culturale sono particolarmente diversi e complessi.

Le strategie messe in atto per difendere il sentimento d’identità, per mantenere un’immagine di sé coerente e positiva, sono influenzate da vari fattori: l’eventuale scolarizzazione nel paese d’origine, il grado più o meno elevato d’accettazione dello “straniero” nel paese d’accoglienza, l’eventuale stigmatizzazione del gruppo minoritario, con la conseguente svalutazione del soggetto che di quel gruppo fa parte.

Mi sono chiesta quali fossero le strategie utilizzate dagli adolescenti immigrati, soggetti che sono, per definizione, più “deboli”, per i quali il gruppo dei pari costituisce il punto di riferimento più importante nella continua affermazione di sé, in quel periodo della vita dove l’emergenza di differenziarsi dalla famiglia, dal passato, risulta essere l’istanza privilegiata.

Ho voluto verificare, attraverso la consultazione della bibliografia esistente, la produzione da parte di autorevoli ricercatori sullo stesso argomento. In particolare mi sono soffermata su due ricerche entrambe tratte dalla rivista “Antropologia del movimento”, di V. Bitti, Numero 01, 1999: quella della ricercatrice britannica, Marie Gillespie (sulla formazione dell’identità negli adolescenti d’origine Punjabi), e lo studio di Paul Gilroy sulla natura della cultura dei Blacks in Gran Bretagna.

Ho desiderato conoscere per ogni adolescente quanto e in che modo la percezione del deprezzamento di cui soffre influenzi la scelta della cultura, dei valori e degli ideali di sé.

Come sistema teorico di riferimento per l’analisi delle strategie identitarie ho utilizzato quello individuato da C. Camilleri, J. Kastersztein, E. M. Lipiansky, H. Malewska-Peyre, I. Taboada-Leonetti, A. Vasquez, raccolto in: Stratégies identitaires, 1999.
Per gli immigrati, la costruzione dell’identità è alquanto complessa, e passa attraverso l’utilizzo di strategie che riducano o annullino lo scarto tra l’immagine di sé e l’immagine di sé nell’ambiente.

Come mostra C. Camilleri, Stratègies identitaires, (1999), quando noi ci costruiamo, lo facciamo in un ambiente sociale che ha una configurazione di realtà parallela alla nostra. E’ l’eventuale scarto fra le due serie di operazioni, quella della società e quella che aspiriamo ad elaborare, ad essere vissuto come la messa in questione della nostra costruzione personale.

La strategia identitaria è quindi quella procedura, consapevole o no, che cerca di ridurre o annullare questo scarto, in una determinata situazione. Le strategie non sono solo il prodotto delle interazioni umane, ma sono anche elaborate in funzione delle nostre precedenti identificazioni, dei valori e della nostra storia personale.

Infatti. “Ognuno tende a modellare la propria identità sulle richieste e sui valori dell’ambiente e della cultura in cui è immerso. Ma che cosa succede a chi, cresciuto in un dato ambiente, emigra in un paese molto diverso per lingua, cultura, religione, stile di vita? Quali strategie identitarie adattive può mettere in atto per far fronte alle richieste del nuovo ambiente, per evitare di sentirsi emarginato e svalorizzato? 2”.

Il vissuto soggettivo, la percezione della discriminazione e la prospettiva futura sono i tre aspetti che attraverso la presente ricerca mi sono proposta di indagare e il cui approfondimento può essere effettuato attraverso l'utilizzo della metodologia qualitativa.

L’indagine è stata condotta sul territorio della provincia di Lecce, in particolare in tre casi gli adolescenti risiedevano nella città di Lecce, in un caso nel Comune di Galatina, e in un altro in quello di Martano. Nella prima fase della ricerca si avvia un’indagine di sfondo che vede coinvolti i servizi formali con riferimento agli immigrati: il Servizio Sociale della città di Lecce, e quello del Comune di Galatina, dove risiedo.

Nei casi esaminati sono coinvolti tre adolescenti immigrati, un minore, figlio di un matrimonio misto, e un ragazzo di altra etnia, adottato in giovanissima età. Ho incluso anche questi ultimi due casi benché non rientrassero nella “categoria” degli adolescenti immigrati, in quanto mi hanno offerto degli interessanti spunti di riflessione.

Il numero dei casi osservati esiguo è dovuto alla difficoltà nel reperire questi soggetti in un territorio, quello della provincia di Lecce, in cui il fenomeno migratorio appartiene alla storia recente.

RISULTATI

Il motivo alla base dell’immigrazione è sempre la ricerca, da parte dei familiari, di migliori condizioni di vita. Il primo insediamento è quello paterno, infatti, una prima fase dell’immigrazione, coinvolge immigrati prevalentemente di sesso maschile. Successivamente avviene il ricongiungimento familiare, in genere non prima di un anno, a causa dell’iter burocratico. Un’altra caratteristica osservata è quella che Lecce non è mai la città del primo insediamento.

adolescenti-immigrati-2La famiglia degli immigrati è, sovente, un nucleo spezzato: il padre vive altrove, per motivi di lavoro, anche quando è in Italia; oppure i figli rimangono in patria con i nonni o altri parenti, ma, molto più spesso, è solo il capofamiglia ad emigrare per motivi di lavoro e la madre e i figli rimangono nel Paese d’origine, sempre con la speranza che possa avvenire al più presto il ricongiungimento, appena le possibilità economiche lo permettano.

Il mantenimento della cultura d’origine sembra legato al tempo trascorso dall’immigrazione. In due casi, infatti, l’immigrazione appartiene alla storia recente, i ragazzi sono arrivati a Lecce da 2-3 anni al massimo. Essendo cresciuti nel paese d’origine questi soggetti avevano dei referenti culturali “coerenti” almeno fino a poco tempo fa, ed hanno potuto mantenere una salda immagine di sé, grazie ai contatti che, in misura maggiore o minore, hanno comunque mantenuto con la comunità d’appartenenza (frequentazione di connazionali, telefonate in patria).

Al contrario, sembra che crescere in un paese diverso da quello dei propri familiari voglia dire fronteggiare due culture contrapposte, senza la possibilità di una mediazione fra le due.

E’ per questo motivo che la scelta del gruppo maggioritario, dei coetanei, più di ogni altra soddisfa le esigenze di socializzazione dei ragazzi che sempre, soprattutto in fase adolescenziale, tendono a trovare nel gruppo dei pari la conferma del proprio valore e delle proprie potenzialità nel processo di assunzione di una identità adulta. Ed è la frequentazione dei coetanei e l’assunzione dei loro modelli di vita che garantisce l’integrazione nel paese d’immigrazione.

Generalmente gli immigrati, (I. Schiaffino, L’associazionismo degli immigrati a Roma, 1997; R. D’Arca, L’immigrazione dai paesi in via di sviluppo in Puglia, 1993), una volta giunti nel paese d’accoglienza, si aggregano in gruppi, spesso fondati su vincoli di parentela, in cui si ricreano le condizioni per produrre, nel paese d’immigrazione, un ambiente sociale noto per i migranti, ed è naturale che al loro interno alcuni fondamenti della cultura del paese d’origine siano mantenuti: l’espressione quotidiana nella propria lingua madre, l’appartenenza religiosa, o le celebrazioni di feste tradizionali, che costituiscono un’occasione di intensificazione dei contatti con le proprie comunità di provenienza.

In questo senso si può dire che siano mancati contatti con i propri connazionali che garantissero questi scopi. Anche questa carenza può aver direzionato la scelta della strategia identitaria, rendendo difficoltosa una rivalorizzazione delle proprie origini senza per questo facilitare il meccanismo d’integrazione.

L’identità non è “chi sono io?”, ma “chi sono io in rapporto agli altri?”, “chi sono gli altri in rapporto a me?” (J.-F. Gossiaux).
L’identità è l’immagine nello specchio, ma questo specchio non ci dice come siamo, ma come ci vediamo con gli occhi degli altri.
Non siamo individui isolati ma sempre immersi in una ricca rete di rapporti sociali, in infinite interazioni e reciproche influenze.

Il gruppo dei pari si è rivelato ancora una volta lo strumento privilegiato della costruzione identitaria, soprattutto in fase adolescenziale. Quando è mancato si è verificato l’isolamento, il ripiegamento su se stessi, ma sovente ha rappresentato l’unico accettabile termine di paragone, assicurando l’identificazione.

Il grado d’accettazione e il riconoscimento che avvengono al suo interno, infatti, sono responsabili della gamma di strategie che vanno dalla più completa assimilazione alla cultura d’accoglienza, fino all’isolamento estremo.

E’ tale l’esigenza di una valutazione in positivo che può accadere che il riconoscimento dell’individuo, da parte del gruppo come un suo membro, permetta la negazione delle contraddizioni vissute quotidianamente.

“Sono italiano, leccese”, ma la paura di essere identificato con il suo gruppo d’origine spinge poi il ragazzo a farsi accompagnare dall’assistente sociale, per non parlare delle estremizzazioni, come per esempio la contrapposizione in famiglia del vernacolo all’idioma senegalese, o il partecipare alla costituzione di un gruppo musicale che canta nel dialetto leccese.

Un’assimilazione che passa attraverso la negazione della discriminazione: “Non mi hanno fatto mai problemi per il colore della pelle. Qualche volta con gli amici, quando litighi, ti fanno: ehi, negro! Ma così, niente di serio.”

E’ vero che l’insediamento in Italia non è stata una scelta degli adolescenti immigrati: nessuno di loro ha deciso di intraprendere un viaggio di piacere verso una nuova cultura, o un viaggio della speranza, alla ricerca di migliori condizioni di vita. Ma hanno preso tutti la stessa decisione: rompere con il passato, anche se questo significava la rottura dei legami familiari.

La famiglia non permette mai all’adolescente di “costruirsi” un’identità adulta, essa è il luogo delle contraddizioni. Se spinge il ragazzo ad impegnarsi nella riuscita sociale che gli stessi familiari desiderano, contemporaneamente impone al ragazzo di costituire un ponte tra il vecchio e il nuovo, tra le loro tradizioni e cultura, e quelle del paese d’accoglienza.

Questi adolescenti si fanno carico delle comunicazioni tra due mondi diversi, ma ciò va a discapito della loro stessa identità.

Soprattutto per chi è cresciuto nel “nuovo mondo”, dilaniato tra due culture contrapposte, senza possibilità di mediazione tra esse. La scelta della strategia identitaria, in questo caso, è automaticamente indirizzata. La frequentazione dei coetanei e l’assunzione dei loro modelli di vita garantiscono l’integrazione nel paese d’immigrazione. Il gruppo maggioritario soddisfa così le esigenze di socializzazione del ragazzo facendogli trovare la conferma nel proprio valore e potenzialità.


BIBLIOGRAFIA

  • AA.VV., Stratégies identitaires. Presses Universitaires de France, Paris, 1999
  • Boz P., L’Islam, Un pianeta tutto da scoprire. Paoline Editoriale Libri, Milano, 1996
  • Caggiati B., Tra luoghi e generazioni. L’Harmattan Italia, Torino, 1995
  • Camilleri C., Cultures et stratégies, ou les mille manières de s’adapter. In RuanoBorbalan J.-C., L’identité, Editions Sciences Humaines, Auxerre, 1998
  • Cesareo V., Famiglie e immigrazione: aspetti sociologici. In: Scabini E., Donati P. (a cura di), La famiglia in una società multietnica, Vita e Pensiero, Milano, 1993
  • D’Arca R., L’immigrazione dai paesi in via di sviluppo in Puglia: aspetti metodologici e principali risultati. In “Studi Emigrazione”, Vol. XXX, Numero 109, 1993
  • Dell’Antonio A., Bambini di colore in affido e in adozione. Raffaello Cortina, Milano, 1994
  • Dortier J.-F., L’individu dispersé et ses identités multiples. In Ruano-Borbalan J.-C., L’identité, Editions Sciences Humaines, Auxerre, 1998
  • Erikson E. H.(1968), Identity: Younth and crisis. Norton, New York (trad. it. Gioventù e crisi d’identità. Armando, Roma, 1987).
  • Homuth K., Za L., Nuove minoranze in Europa: quale formazione. Dagli Atti del seminario internazionale su “Le nuove minoranze etnico-culturali in Europa”(S. Cesarea Terme/Otranto/Lecce 1989-1990), organizzato dall’Associazione “il frantoio” in collaborazione con l’Insegnamento di Sociologia-Istituto di Sociologia e Psicologia-Università di Lecce
  • Lecomte J., Le soi, de l’enfance à l’age adulte. In Ruano-Borbalan J.-C., L’identité, Editions Sciences Humaines, Auxerre, 1998
  • Lima de Oliveira J., Donini E., Vivere, Convivere, Costruire. Dagli Atti del Convegno “Immigrati stranieri o nuovi cittadini?”, organizzato dall’Ufficio del Ministro per la Solidarietà Sociale e dalla città di Torino, Torino, 8-9 novembre 1996
  • Lipiansky E. M., L’identité personelle. In Ruano-Borbalan J.-C., L’identité, Editions Sciences Humaines, Auxerre, 1998
  • Macioti M. I., La ricerca qualitativa nelle scienze sociali. Monduzzi, Bologna, 1997
  • Macioti M. I., Potenzialità e fascino dell’Islamismo. In “La critica sociologica”, Numero 90-91, 1989
  • Mantovani G., Speranze di felicità. In “Psicologia contemporanea”, Numero 139, gennaio-febbraio 1997
  • Markova I., Le problematiche intergenerazionali nelle famiglie migranti. In: Scabini E., Donati P. (a cura di), La famiglia in una società multietnica, cit.
  • McBurney D.H., Metodologia della ricerca in psicologia. Il Mulino, Bologna, 1986
  • Mead G. H., Mind, Self and Society from the standpoint of a social behaviorist, 1934 (trad. it. Mente, Sé e società dal punto di vista di uno psicologo comportamentista, Giunti Barbera, Firenze, 1966).
  • Mellina S., Mellina C., Documentazioni e ricerche. Emigrare. Quando vince la sconfitta. Storie di migranti raccontate da uno psichiatra e da un’antropologa. In “La critica sociologica”, Numero 104, 1992-93
  • Nascimbene B., Lo straniero in Italia: profili giuridici alla luce della l. n. 39/90. In “Studi Emigrazione”, Numero 101, Vol. XXVIII, marzo 1991
  • Olagnero M., Saraceno C., Che vita è. La Nuova Italia Scientifica, Roma, 1993
  • Oliverio Ferraris A., Viaggio nell’identità: la costruzione, la differenza, la rappresentazione. In “Psicologia contemporanea”, Numeri 157, 158, 159, gennaio-maggio 2000
  • Palmonari A., Psicologia dell’adolescenza. Il Mulino, Bologna, 1993
  • Pepa L. (a cura di), Immigrati e comunità locali. Azioni, interventi e saperi dall’emergenza al progetto. Franco Angeli, Milano, 1996
  • Perrone L. (a cura di), Né qui né altrove. I figli degli immigrati nella scuola salentina. Sensibili alle Foglie, Tivoli (RM), 1998
  • Pittau F., La nuova presenza musulmana in Europa. In “Studi Emigrazione”, Vol. XXVI, 1989
  • Pontecorvo C., Ajello A.M., Zucchermaglio C., I Contesti Sociali Dell’Apprendimento. LED, Milano, 1994
  • Reyneri E., Tendenze e percorsi d’immigrazione. Dagli Atti del Convegno su “Immigrati stranieri o nuovi cittadini?”, organizzato dall’Ufficio del Ministro per la Solidarietà Sociale e dalla città di Torino, Torino, 8-9 novembre 1996
  • Ricoeur P., Soi-meme comme un autre. Editions du Seuil, Paris, 1990
  • Ruano-Borbalan J.C. (a cura di), L’identité. Sciences Humaines, Auxerre, 1998
  • Saint-Blancat C., L’Islam della diaspora. Lavoro, Roma, 1995
  • Scabini E., Donati P, (a cura di), La famiglia in una società multietnica. Vita e Pensiero, Milano, 1993
  • Scabini E., Regalia C., La famiglia degli extracomunitari nella percezione della prima generazione di immigrati. In: Scabini E., Donati P. (a cura di), La famiglia in una società multietnica, cit.
  • Schiaffino I., L’associazionismo degli immigrati a Roma. In “La critica sociologica”, Numero 122-123, estate-autunno, 1997
  • Sciolla L. (a cura di), Identità. Rosenberg & Sellier, Torino, 1983 Spitz R. A. (1957), No and yes on the genesis of human communication. International Universites Press, New York (trad. it. Il no e il si. Armando, Roma, 1970.).
  • Tap P., Marquer sa différence. In Ruano-Borbalan J.-C., L’identité, Editions Sciences Humaines, Auxerre, 1998
  • Id. (dir.) Identité individuelle et personnalisation. Privat, 1980
  • Tedeschi E., Per una società multiculturale. L’immigrazione straniera in Italia. In ”Studi Emigrazione”, Numero 97, marzo 1990
  • Tomasi L., I giovani non europei e il processo d’integrazione. Reverito, Trento, 1992
  • Tranfo L., Africa. La Transizione. Missionaria Italiana, Bologna, 1995
  • Triulzi A., Alle radici dell’etnicità: appunti sull’etnia in Africa. In “La critica sociologica”, Numero 89, primavera 1989
  • Watzlawick P., Beavin J. H., Jackson D. D., Pragmatica della Comunicazione Umana. Astrolabio, Roma, 1971
  • Winnicott D. W. (1945), Primitive Emotional Development, in: Collected Papers: trough pediatric to psycho-analysis, Tavistock Publications, London, 1958 (trad. it. Lo sviluppo emozionale primario, in: Dalla pediatria alla psicoanalisi, Martinelli, Firenze, 1975.).
  • Id. (1951), Transitional object and transitional phenomena, In: Collected Papers cit. (trad. it. Dalla pediatria alla psicoanalisi, cit.).
  • Id. (1956), Primary Maternal Preoccupation, In: Collected Papers, cit. (trad. it. La preoccupazione materna primaria, in: Dalla pediatria alla psicoanalisi, cit.).
  • Id. (1965), The family and Individual Development, Tavistock Publications, London (trad. it. La famiglia e lo sviluppo dell’individuo. Armando, Roma, 1968.).


articolo a cura della Dottoressa Mariangela Bandello
(originariamente pubblicato su Psiconline.it il 29.3.2002)

 

 

  |   Letto: 3286 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Depressione adolescenziale: come riconoscerla?

Secondo alcuni ricercatori esistono due tipologie di depressione adolescenziale: una depressione evolutiva, legata alla fase specifica dello sviluppo, ed una definita “atipica”; analizziamole entrambe. Alcuni bambini vivono il passaggio dalla pre-adolescenza all'adolescenza molto rapidamente e co...

Cultura e depressione

La cultura può influenzare il nostro modo di sentire ed esprimere le emozioni? Può uno stesso sintomo o disturbo mentale essere esperito in modo completamente diverso tra le diverse culture? Subito dopo l'ora di pranzo, in una giornata estiva in Washington DC, la psicologa culturale Yulia Chent...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.