Pubblicità

Quando il corpo è una prigione: la disforia di genere

Ieri notte ho fatto un sogno bellissimo. Ho sognato di essere una bambina nelle braccia di mia madre, lei mi guardava negli occhi e mi chiamava Lili." , tratto dal film The Danish Girl

la disforia di genereCon il termine Disforia di genere si fa riferimento all’insoddisfazione o sensazione di disagio nei confronti del proprio sesso biologico.

Negli ultimi tempi la disforia di genere è stata oggetto di attenzione sia nel campo della salute mentale che nella società in generale.

Agli inizi degli anni ’90 , si è manifestato un nuovo atteggiamento nei confronti dei fenomeni transgender; il clinico pertanto si trova di fronte ad una serie spesso sbalorditiva di individui con esperienze transgender, tra cui transessuali, travestiti, “she-males”, terzo sesso, “doppio spirito”, drag queen, drag king, e cross-dressers.

Da un punto di vista diagnostico, il Manuale Statistico e Diagnostico dei Disturbi mentali (DSM-5) ha evidenziato come la non conformità al genere biologico di appartenenza non sia un disturbo mentale; il disturbo nasce solo se vi è un disagio significativo associato alla condizione.

Nella nuova classificazione la disforia di genere è stata separata sia dalle disfunzioni sessuali che dalle parafilie. I criteri diagnostici per la diagnosi cono i seguenti:

Criterio A

Una marcata incongruenza tra il genere esperito/espresso da un individuo e il genere assegnato, della durata di almeno 6 mesi, che si manifesta attraverso almeno due dei seguenti criteri:

  • una marcata incongruenza tra il genere esperito/espresso da un individuo e le caratteristiche sessuali primarie e secondarie;

  • un forte desiderio di liberarsi delle proprie caratteristiche sessuali primarie e/o secondarie;

  • un forte desiderio di appartenere al genere opposto (o a un genere alternativo);

  • un forte desiderio di essere trattato come appartenente al genere opposto (o di un genere alternativo);

  • una forte convinzione di avere i sentimenti e le reazioni tipici del genere opposto (o di un genere alternativo).


Criterio B

  • La condizione è associata a sofferenza clinicamente significativa o a compromissione del funzionamento in ambito sociale, lavorativo o in altre importanti aree.

Il fenomeno della disforia di genere è sempre esistito fin da quando si hanno memorie storiche.

Le mitologie abbondano di descrizioni di individui che, per varie ragioni, assumono il corpo od il ruolo dell’altro genere.

Un esempio, preso dalla mitologia greca, è quello di Tiresia, che trascorse parte della propria vita da uomo e parte da donna.

Psicologi in evidenza
Dottor Edoardo Guerrieri
Via Roma, 34 Empoli - FIRENZE
Cell: 338 3753458
Dottoressa Ilaria Artusi
Via Lorenzetti, 15 - AREZZO
Cell.: 333 3945439

Tiresia, per via della sua peculiare esperienza, era considerato un saggio veggente e questo è un tema che viene spesso associato all’esperienza transgender.

Bullough e Bullough citano un’ampia varietà di resoconti storici di cross-dressing, di sostituzioni di maschi e femmine, e di cambiamenti di sesso di cui sono protagonisti i cattolici, nobili francesi, personaggi pubblici ed artisti famosi.

La storia della cultura occidentale è sempre stata costellata da atteggiamenti negativi nei confronti delle persone transgender, fino agli ultimi tempi.

Il Malleus Maleficarum, una sorta di DSM ante-litteram dell’Inquisizione del XV e del XVI secolo, affermava che vestire o assumere l’esteriorità dell’altro sesso era prova di stregoneria, ed il trattamento da esso prescritto era decisamente invasivo, come ad esempio essere bruciati al rogo.

Tale visione è stata poi sostituita dalla medicalizzazione del comportamento transgender a partire dal XIX secolo.

Richard von Kraft-Ebing, uno dei primi sessuologi moderni, nella sua opera Psycopatia Sexualis definì il comportamento transgender come una perversione, di solito dovuta ad un eccessivo abbandonarsi al sesso o alla masturbazione.

Furono Havelock Ellis e Magnus Hirschfeld a introdurre un approccio più scientifico ed umano alla comprensione di tale fenomeno.

I problemi legati all’identità di genere insorgono già in tenera età; secondo Richard Carroll la disforia di genere origina di solito nell’infanzia e, per la maggior parte dei soggetti, tende a persistere fino all’età adulta.

A partire da tale considerazione potrebbe essere utile chiedersi cosa accade in quei bambini che esprimono il desiderio di appartenere al sesso opposto, ma che, crescendo, non diventano adulti transessuali.

A tal proposito, Green ha effettuato uno studio in cui ha seguito la vita di 44 ragazzi che erano stati ricoverati in una clinica pediatrica di salute mentale perché avevano espresso il desiderio di diventare una ragazza.

Dai risultati emerse che solo un soggetto (2%) del gruppo originale di ragazzi che si identificavano come femmine ha manifestato una significativa disforia di genere da adolescente o da giovane adulto.

Tuttavia, il restante 75% ha manifestato un orientamento omosessuale; si rese quindi evidente che la maggior parte dei bambini con disforia di genere non sviluppa, una volta adulti, una disforia di genere, benchè ancora sia oscuro il motivo per cui vi sia questa mancanza di continuità.

Gli studiosi si sono pertanto chiesti se i bambini, col tempo, abbandonano semplicemente questa loro disforia di genere o se, invece, è un intervento precoce a impedire loro di sviluppare il disturbo.

I problemi dell’identità di genere nell’adolescenza, invece, non vengono risolti in maniera altrettanto rapida o abbandonati nel tempo.

Durante l’adolescenza, anche i medici cominciano ad osservare un fenomeno diverso, come ad esempio il travestitismo (per esempio, l’eccitazione sessuale quando vengono indossati gli indumenti dell’altro sesso).

Zucker e Bradley hanno scoperto che gli adolescenti che praticano il travestitismo presentano livelli elevati di turbe comportamentali, che si traducono soprattutto nel disturbo della condotta, nel disturbo da deficit da attenzione, e nel disturbo iperansioso.

Da un punto di vista clinico, la valutazione della disforia di genere prevede un’anamnesi sia sessuale che di genere.

La raccolta delle informazioni inerente il genere comporta l’esplorazione delle varie manifestazioni dell’identità di genere nel corso del tempo.

Fare questo comporta indagare alcune aree specifiche quali: il tipo di giochi privilegiati da bambini, indumenti indossati o desiderati da bambini, reazioni da parte dei familiari, degli amici e dei pari, sensazioni inerenti il proprio corpo, insorgenza della disforia di genere, esperienze di cross-dressing e cross-gender e via dicendo.

Pubblicità

A questa raccolta di dati segue anche un’anamnesi sessuale che riguardi principalmente: la prima esperienza sessuale, storie di abuso o traumi sessuali, fantasie sessuali precoci e schemi di masturbazione, esperienze di eccitazione sessuale associate al cross-dressing, script sessuali desiderati, presenza di parafilie e così via.

Da un punto di vista clinico esistono tre forme primarie di disforia di genere che verranno di seguito presentate.

Disforia di genere femmina-maschio

    I pazienti appartenente a tale “categoria” presentano di solito storie molto congruenti. Fin dalla prima infanzia, già intorno ai 3 anni, questi individui sono stati quasi sempre identificati come mascolini tanto nell’aspetto che nel comportamento.

    Le loro preferenze sono dirette verso sport e giochi violenti, prediligono una compagnia maschile così come indossare indumenti maschili.

    Durante il periodo adolescenziale reagiscono con disgusto alle modificazioni fisiche associate alla pubertà e sono sessualmente attratti dalle donne.

    Nella prima età adulta cercano spesso una soluzione lesbica al loro dilemma; tuttavia, questa decisione si rivela un fallimento perché il loro desiderio maggiore è quello di sentirsi desiderati non in qualità di donna ma, piuttosto, in qualità di maschio.

    Ad un certo punto dell’età adulta, tali pazienti prendono in considerazione la possibilità di sottoporsi ad una riassegnazione di genere cercando così una cura.

    Disforia di genere maschio-femmina: il tipo androfilo

    A differenza del transgender femmina-maschio, esistono due tipi distinti di uomini che desiderano diventare donne: gli androfili e gli autoginefili.

    Il tipo androfilo (attratto dai maschi), noto anche come tipo omosessuale, rappresenta il classico quadro del transessuale. Questa forma di disforia di genere è l’opposto dello schema femmina-maschio.

    Sono ragazzi che vengono quasi sempre visti come effeminati, graziosi e delicati fin dalla nascita; evitano sport violenti e maschili e amano vestirsi come le ragazze sin da giovani.

    Si travestono per adottare maggiormente l’identità delle ragazze o delle donne e, spesso, hanno un forte legame con la madre.

    Fin dalla giovane età mostrano attrazione verso persone di sesso maschile, senza aver mai provato, di solito, attrazione verso le donne.

    A causa della loro effeminatezza, hanno di solito subito molestie da parte dei familiari e del gruppo dei pari.

    È possibile che siano coinvolti in esperienze di prostituzione o che abbiano avuto uno stile di vita come drag queen.

    Dopo aver intrapreso diverse relazioni omosessuali, può subentrare frustrazione in quanto il loro desiderio è quello di avere un partner eterosessuale che sia attratto da loro in quanto donne.

    Disforia di genere maschio femmina: il tipo autoginefilo

    Per comprendere questa forma di disforia di genere è bene inquadrare il fenomeno dell’autoginefilia. Con questo termine, si intende l’esperienza dell’eccitazione sessuale (filia) alla fantasia di sé (auto) come donna (gine).

    Blanchard et al., hanno dimostrato in maniera convincente che è questo schema di eccitazione sessuale che è alla base della maggior parte del cross-dressing negli uomini, molti dei quali diventano dei disforici di genere.

    Psicologi in evidenza
    Dottoressa Beatrice Bonechi
    Via Aretina, 251/A - FIRENZE
    Cell.: 338 2496662
    Dottoressa Daniela Benedetto
    Via del Vascello, 34 - 00152 ROMA
    Cell: 339 6306112

    La loro storia è spesso caratterizzata da atteggiamento mascolini, tali da non presentarsi come effeminati; riferiscono di aver iniziato ad indossare indumenti femminili, quelli della madre o della sorella, prima dell’insorgere della pubertà.

    Tale esperienza è descritta come piacevole e confortante ma priva di connotazioni sessuali. Il cross-dressing inizia a divenire eccitante con l’ingresso nella pubertà ed in questo periodo iniziano a sviluppare attrazioni sessuali nei confronti di ragazze e donne.

    Tuttavia, oltre ad essere sessualmente attratti dal sesso femminile, iniziano ad immaginare di avere dei corpi femminili o di avere un aspetto da donna.

    Durante questo periodo lottano contro la loro tendenza al travestitismo e cercano di smettere liberandosi del loro guardaroba femminile.

    Iniziano così a intraprendere anche comportamenti stereotipati maschili quali il sollevamento pesi, comportamento aggressivo o la carriera militare, ma le loro fantasie sessuali e impulsi al cross-dressing iniziano a diventare sempre più forti.

    Il risultato coincide spesso con l’insorgenza di ansia, depressione e abuso di sostanze come espressione del loro conflitto interno relativo all’identità di genere. Alla fine sentono il bisogno di una consulenza professionale, e durante il trattamento, a causa della disperazione, possono risultare eccessivamente impulsivi nei loro sforzi di voler cambiare genere.

    L’eziologia delle esperienze transgender non è ancora ben nota e parte di questa difficoltà è legata al fatto che le teorie eziologiche dovrebbero giustificare fenomeni tanto diversi tra loro come il cross-dressing, la disforia di genere maschile-femminile autoginefila, i drag queen, e la disforia di genere femminile-maschile ginefila.

    Sono comunque state avanzate delle ipotesi; sono stati ad esempio suggeriti modelli biologici, in cui si evidenziano incidenze superiori di anomalie a carico del lobo temporale.

    Altri autori come Harry Benjamin e John Money sostengono che, in una qualche fase cruciale dello sviluppo, il bambino ha automaticamente seguito il genitore appartenente al sesso opposto e si è verificata l’identificazione cross-gender.

    Le teorie psicoanalitiche hanno fornito invece argomentazioni riguardanti una probabile origine psicologica.

    Secondo una di queste prospettive, ciò andrebbe attribuito ad una simbiosi che esiste tra il bambino e il genitore appartenente al sesso opposto.

    Un’altra teoria psicodinamica postula che la disforia di genere è un disturbo psicotico generato da un grave conflitto intrapsichico.

    Teorici più recenti hanno invece attinto alla teoria delle relazioni oggettuali e alla psicologia del Sé per sviluppare nuovi modelli in cui viene suggerito che il bambino affetto da disforia di genere sviluppa un’immagine del tutto positiva con la madre che si fonde con l’immagine che ha di se stesso e si scinde.

    I teorici comportamentisti hanno invece applicato la teoria dell’apprendimento alla disforia di genere sostenendo che l’identità di genere deriva dal comportamento del ruolo di genere che viene influenzato da contingenze esterne.

    La teoria comportamentista ipotizza che, perché in un individuo si possa manifestare una disforia di genere, devono essere rafforzati l’identità ed il comportamento cross-gender, mentre deve essere punito il comportamento secondo il sesso congruente.

    A sostegno di questa ipotesi vi è il lavoro di Green descritto precedentemente, che ha scoperto, in quasi tutti i casi da lui osservati, che mano a mano che si sviluppava il comportamento femminile del bambino, la persona principale che si occupava di lui non faceva alcune tentativo di scoraggiarlo.

    Tuttavia, non vi sono sostegni empirici a questa teoria per gli adulti che manifestano disforia di genere.

     

    A cura della Dottoressa Giorgia Lauroù

     

    Bibliografia

    • Benjamin H., (1966), The transsexual phenomenon, New York: Julian Press 
    • Blanchard R., (1985) The concept of autogynephilia and the typology of male gender dysphoria, Jorunal of Nervous and Mental Disorders, 177, 616-623 
    • Bullough V., Bullough b., (1993), Cross dressing sex, and gender, Philadelphia: University of Pennsylvania Press 
    • Green R., (1987), The “sissy boy syndrome” and the development of homosexuality, New Havenm CT: Yale University Press 
    • Leiblum S.R., Rosen R.C., (2000)., Principles and practice of sex therapy, Guilford Press 
    • Money J.M., (1994), The concept of gender identity disorder in childhood and adolescence after 39 years, Journal of Sex and Mariatl Therapy, 20, 163-177 
    • Zucker K.J., Bradley S.J., (1995), Gender identity dirsorder and psychosexual problems in children and adolescents, New Yotk: Guilford Press

      |   Letto: 1824 volte
    Pin it


    Potrebbero interessarti anche....

    Il Sè sessuale

    Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

    Il Sé nell'altro: la paranoia

    Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

    Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

    Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

    La teoria della separazione

    La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

    Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

    Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

    Cookie e relative funzionalità

    A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
    Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

    Cookie di sessione
    I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

    Cookie permanenti o traccianti
    I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
    Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

    Cookie di prime parti
    Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

    Cookie di terze parti
    Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
    I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
    I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

    Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

    Google Analytics (Google)
    Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

    Social Widgets/Buttons
    Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

    Facebook social buttons/widgets (Facebook)
    Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

    Twitter social buttons/widgets (Twitter)
    Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

    Gestione dei cookie

    Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

    Firefox
    https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

    Chrome
    https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

    Internet Explorer
    http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

    Safari
    http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

    Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

    I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

    Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

    Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

    In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

    Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

    Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

    Altri cookie/cookie imprevisti

    Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
    Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.