Pubblicità

Quando un leader può fuorviare il gruppo.

Le caratteristiche che rendono un capo inattaccabile, anche quando non lo è. 


leader gruppoSolo perché qualcuno assomiglia ed agisce come un capo, non vuol dire che egli sappia di cosa sta parlando.

In una recente serie di esperimenti, gli psicologi Connson Locke (London School of Economics and Political Science) e Cameron Anderson (University of California, Berkeley) hanno trovato, infatti, che le persone che mostravano un linguaggio del corpo autorevole e sicuro di sé tendevano a primeggiare nel prendere decisioni, anche quando le loro idee erano completamente sbagliate.

Le persone interpretano un comportamento non verbale sicuro di sé come un segno di competenza e capacità. L’effettiva competenza degli individui risiede dentro di loro ed è nascosta agli altri, così costoro sono costretti, spesso, a giudicare le capacità altrui sulla base di indizi superficiali, come il comportamento non verbale, l’apparenza o lo stile comunicativo”, spiegano Locke ed Anderson. “E’ stato dimostrato che i gruppi promuovono sistematicamente coloro che sono sicuri di sé, anche quando lo sono troppo, a posizioni di potere e validità”.

I partecipanti del loro studio, infatti, tendevano ad assumere che la sicurezza di sé voleva dire che qualcuno era anche più competente, un’assunzione che, alla fine, li portava a non parlare, esprimendo poche delle loro impressioni ed idee, ed a trattenersi da critiche costruttive nei suoi confronti.
“Le persone facevano riferimento alle opinioni dell’individuo sicuro di sé ed autorevole anche quando sbagliava, finendo col prendere decisioni comuni non ottimali”, hanno spiegato i ricercatori.


Gli esperimenti ed i risultati.

Nel primo dei loro tre esperimenti, Locke ed Anderson testarono se l’atteggiamento sicuro di sé di un individuo poteva sviare un intero gruppo. 86 studenti del college lavorarono insieme in coppie di “manager” e “supervisionati” in un negozio di video. La persona che agiva come commesso eseguiva una serie di compiti ripetitivi, come inserire i volantini nelle buste e metterle in ordine alfabetico, mentre il “manager” supervisionava il loro lavoro.
Essi furono, poi, ripresi, mentre discutevano le possibili soluzioni che potevano migliorare le attività del negozio.
Dei codificatori indipendenti valutarono gli studenti, in entrambi i ruoli, per quel che riguardava il contatto visivo, la postura del corpo, il volume della voce e la sicurezza di sé non verbale complessiva.
I dati rivelarono una chiara associazione: più era sicuro il linguaggio del corpo del supervisore, meno la sua controparte partecipava alla discussione.

In un secondo esperimento, gli studenti lavorarono con un altro “supervisore” (che era, in realtà, un complice degli sperimentatori) per selezionare i curriculum dei candidati. Costoro, per metà del tempo mostravano un comportamento sicuro di sé, attraverso contatto oculare forte, gesti ampi e voce alta, mentre, per il resto del tempo, avevano un atteggiamento più mite, parlando con calma ed evitando il contatto oculare.
Alla fine del compito, il supervisore commetteva un errore, assumendo il candidato meno qualificato. Egli, comunque, chiedeva sempre al suo subordinato un suggerimento per la decisione finale riguardo l’assunzione.
Come nel primo studio, i partecipanti davano meno input quando il complice mostrava un linguaggio del corpo sicuro, rispetto a quando mostrava un comportamento timido, anche se ciò portava all’assunzione della persona sbagliata. Costui, inoltre, era percepito come più competente, quando aveva un atteggiamento più deciso.

“Sottolineiamo una sfortunata ironia: un comportamento non verbale sicuro aiuta gli individui ad ottenere posizioni di potere perché li fa apparire più competenti. Inoltre, una sicurezza eccessiva può fornire dei benefici sociali all’individuo”, concludono Locke ed Anderson. “In più, quando questi individui ottengono una posizione autoritaria, il loro tipo di atteggiamento può inavvertitamente frenare la partecipazione da parte degli altri, proprio perché appaiono più preparati.
L’eccessiva sicurezza può comportare, così, degli svantaggi per il gruppo, per la stessa ragione per la quale fornisce benefici all’individuo”.
        
    
    

Fonte: PsychologicalScience.org

 

(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Alice Fusella)

 

 

  |   Letto: 1924 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

La psicoterapia di gruppo

La psicoterapia di gruppo è una forma di psicoterapia in cui l'intervento clinico viene effettuato in un setting gruppale, può fare riferimento a vari tipi di orientamenti teorici e consiste solitamente in una terapia verbale (gruppi di parola). Se in un primo momento la psicoterapia di gruppo è nata con ...

La gruppoanalisi

Siegfrier Heinrich Foulkes e la nascita della gruppoanalisi: diversamente da Freud che attribuiva primaria importanza al mondo pulsionale, Foulkes asserisce che i processi interni non sono altro che interiorizzazioni delle forze che operano nel gruppo al quale egli appartiene. La gruppoanalisi è un pa...

Terapia Comportamentale Dialettica nel Disturbo del comportamento alimentare

Sessioni individuali, sessioni di gruppo e coaching come strumenti di regolazione delle emozioni e controllo di comportamenti alimentare distruttivi La Terapia Comportamentale Dialettica (Dialectical Behavioral Therapy, DBT), rappresenta un’efficace combinazione di terapie cognitive e comportamentali, il c...

Wilfred Bion e la Rêverie

Aspetti teorici della teoria Bioniana: rêverie, gruppo di lavoro, assunti di base, sistema proto-mentale, elementi-beta, funzione alfa, schermo beta, trasformazioni. Per comprendere il concetto di Rêverie è bene effettuare un excursus rispetto alla teoria e al pensiero di Wilfred Bion. Ne...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.