Pubblicità

Quanto è semplice riconoscere una bugia?

I ricercatori hanno osservato l’arte dell’inganno durante le interviste di gruppo.


bugiaChi ha rotto il vaso preferito della nonna?”.

Appena si solleverà un coro di “Non lo so” e “Non sono stato io”, come determinerete il colpevole?

La saggezza popolare dice “dividere e conquistare”… Ma cosa accadrebbe se lo chiedessimo ad un gruppo di persone?

Sfortunatamente, su questa eventualità la ricerca ci dice veramente poco.

A tal proposito, la Dr. essa Zarah Vernham, dalla University of Portsmouth, ed i suoi colleghi osservarono 20 studi che esaminavano le dinamiche della menzogna nei gruppi.

La loro rassegna dei risultati è stata pubblicata su “Frontiers in Psychology”. I ricercatori scoprirono che solo in un terzo degli studi i partecipanti furono intervistati in un contesto di collettività.
Prima di cominciare la nostra ricerca nel contesto del gruppo, fummo sorpresi dalla mancanza di studi in quest’area e dal fatto che il mentire in gruppo fosse stato un processo finora ignorato. Questo, invece, fu, per noi, oggetto di particolare interesse, a causa del numero significativo di crimini – e situazioni investigative – che coinvolgono più di un colpevole (o indagato)”, ha spiegato la Dr. essa Vernham.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Daniela Benedetto
Via del Vascello, 34 - ROMA
Cell: +39 339 6306112
Dottoressa Paola Grasso
Via Monte Senario, 43 - ROMA
Cell.: 338 7897667

Infatti, nella maggior parte degli studi analizzati, i partecipanti furono intervistati separatamente. Questo fa sorgere delle domande a riguardo, perché il modo in cui le persone rispondono in un gruppo può essere diverso da quello in cui lo fanno quando sono da sole.
E, come sottolinea la studiosa stessa, la ricerca è carente proprio in quest’area, in particolare nell’analizzare le modalità in cui si manifestano le menzogne in un contesto di gruppo e nel determinare quale sia il modo migliore per individuarle.

La Dr. essa Vernham fa partire la sua analisi dal concetto di memoria collettiva. Infatti, come ella stessa ha argomentato, anche se questa può sembrare un processo prettamente individuale, un gruppo può avere una memoria collettiva di un evento condiviso. Mentre viene raccontata la storia di questa esperienza, infatti, i membri si interromperanno l’un l’altro, chiederanno agli altri un chiarimento e si aiuteranno a vicenda a ricordare.
Questo processo, attivo e dinamico sarà, invece, assente in un gruppo che non ha realmente vissuto lo stesso fatto, ma che ha semplicemente memorizzato un copione che rendesse coerenti le singole storie raccontate dai suoi membri.

E la coerenza è fondamentale nelle indagini della polizia. Però, soprattutto negli studi di carattere scientifico, gli individui, che hanno memorizzato un unico racconto per essere preparati alle domande che saranno rivolte loro, possono avere un grado veramente alto di coerenza all’interno delle loro storie e con quelle degli altri sospettati. 

È chiaro, quindi, che usare la coerenza come il marcatore principale della verità non è sempre corretto, ma essa dovrebbe essere usata in combinazione con altri fattori. Ad esempio, quei criminali, che si sono preparati un copione per affrontare le domande a cui dovranno rispondere, rendono più difficile per gli investigatori determinare se stanno mentendo o no.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Marialuisa Fabbro
Via G. Garibaldi, 18 - VERONA
Cell: 347 4193619
Synesis Centro di Psicologia Dottoressa Flavia Passoni
Synesis Centro di Psicologia Via Pace, 11 Carnate - MONZA
Cell: 338 1863275
 

Le procedure standard ed i manuali di polizia presuppongono tutti che i sospettati vengano intervistati separatamente, per determinare se stanno dicendo la verità o meno. Visto che costoro, però, stanno imparando ad aggirare le tecniche investigative, abbiamo bisogno di imparare nuove procedure.
Un’intervista collettiva potrebbe essere un metodo prezioso per rilevare quando una persona sta mentendo e dovrebbero essere condotte ricerche più approfondite a riguardo.
   
           

 

 

Fonte: PsyPost.org

 

(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Alice Fusella)

 

 

  |   Letto: 2585 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

La psicoterapia di gruppo

La psicoterapia di gruppo è una forma di psicoterapia in cui l'intervento clinico viene effettuato in un setting gruppale, può fare riferimento a vari tipi di orientamenti teorici e consiste solitamente in una terapia verbale (gruppi di parola). Se in un primo momento la psicoterapia di gruppo è nata con ...

La gruppoanalisi

Siegfrier Heinrich Foulkes e la nascita della gruppoanalisi: diversamente da Freud che attribuiva primaria importanza al mondo pulsionale, Foulkes asserisce che i processi interni non sono altro che interiorizzazioni delle forze che operano nel gruppo al quale egli appartiene. La gruppoanalisi è un pa...

Terapia Comportamentale Dialettica nel Disturbo del comportamento alimentare

Sessioni individuali, sessioni di gruppo e coaching come strumenti di regolazione delle emozioni e controllo di comportamenti alimentare distruttivi La Terapia Comportamentale Dialettica (Dialectical Behavioral Therapy, DBT), rappresenta un’efficace combinazione di terapie cognitive e comportamentali, il c...

Wilfred Bion e la Rêverie

Aspetti teorici della teoria Bioniana: rêverie, gruppo di lavoro, assunti di base, sistema proto-mentale, elementi-beta, funzione alfa, schermo beta, trasformazioni. Per comprendere il concetto di Rêverie è bene effettuare un excursus rispetto alla teoria e al pensiero di Wilfred Bion. Ne...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.