Pubblicità

Quanto sei assorbito dai selfie?

Esistono degli aspetti psicologici che i social media 'sfruttano' per generare un determinato comportamento? La possibilità di usare i filtri per modificare i selfie genera una percezione migliore del proprio corpo? E questa.. quanto è reale o illusoria?

selfie assorbitoAnche se tutti noi possiamo avere tratti o aspetti fisici attraenti, è bene precisare, che nell'era attuale, i social media hanno generato in molti di noi una sorta di auto-assorbimento, quasi ci avessero, o forse stessero, inglobando.

Le piattaforme digitali offrono infatti agli uomini e alle donne, di tutte le fasce d'età, e appartenenti a tutti i contesti di vita, l'opportunità di pubblicizzare se stessi.

Lo fanno soprattutto attraverso i commenti rilasciati sotto i post, gli aggiornamenti di stato, i messaggi privati, di gruppo e via dicendo.

Tuttavia, il consenso generale che accomuna il modo di comunicare di oggi è sicuramente quello attraverso le immagini; non è più l'immagine che viene catturata al fine di creare il ricordo, ma diviene immagine per scopi di auto-promozione.

Molti si trovano a vivere una vita semplicemente per scattare la foto giusta, compiendo anche uno sforzo (nel trovare poi quella giusta) al fine di aumentare i propri follower, o trovare commenti che supportino la propria immagine ed autostima; o, in altre parole, la loro personalità narcisistica.

Gli attributi del narcisismo riguardano il senso di grandiosità, l'assenza di compassione per gli altri e un desiderio di essere rispettati e lodati dagli altri.

Anche se ci sono diversi gradi di narcisismo, portati avanti da fattori ancora più numerosi, può comunque diffondersi attraverso la cultura, in maniera simile ad un virus.

Mentre gli uomini e le donne pubblicano con molta frequenza post e foto per autopromuoversi, altri, osservandoli, iniziano anche ad assumere tali comportamenti.

Attualmente, all'interno della società si postano foto ad un tasso decisamente elevato, e coloro che non seguono la scia, sono considerati come emarginati, o in alternativa dei veri ribelli.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Daniela Benedetto
Via del Vascello, 34 - ROMA
Cell: +39 339 6306112
Dottoressa Sara Ruiba
Via Cortevecchia, 59 - FERRARA
Cell.: 338 2315061

Alcuni social media offrono inoltre dei filtri per ritoccare la foto, al fine di generare l'opportunità, illusoria, di migliorare l'aspetto fisico. Molti di coloro che oggi usano i social utilizzano questi filtri.

Secondo alcune ricerche, coloro che utilizzano i filtri per ritoccare le foto, si sentirebbero meglio in quanto hanno una percezione di sé e del proprio corpo come migliore; la sensazione di benessere tenderebbe poi ad aumentare quando i commenti di altri confermano tale sensazione.

I social media hanno quindi sfruttato il desiderio culturale, individuale e collettivo, per creaare uno strumento che consentisse a chiunque di sentirsi una celebrità.

Il problema che sorge, è che la promozione di sé attraverso una continua pubblicazione di immagini personali, può determinare una generazione di contatti tale da poter essere considerato un influencer o una celebrità (circa 200.000 follower), ma anche ritrovarsi con una piccola cerchia ti amici (200).

Pubblicare abitualmente foto di sé stessi sui social media, quando si fa il bagno al mare, piuttosto che la foto di una vacanza senza fine, i progressi fatti in palestra, la serata al pub o la giocata a bowling, è il frutto di una combinazione di esigenze di auto-validazione malsane, in quanto vengono declassate le esigenze di affermazioni sane che potrebbero generarsi durante queste attività reali.

I social media hanno pertanto capito come pensi, come senti, come agisci, ma soprattutto conosce il tuo bisogno, ossia quello di sentirti valorizzato.

I social media si concentrano attorno ad un obiettivo primario, ossia la promozione di sé. La pubblicazione di immagini offre infatti la possibilità di sentirsi sempre sopra un piedistallo.

Quando si scattano dei selfie e si iniziano a ricevere like e commenti positivi, c'è una sorta di condizionamento che determina nel soggetto la voglia di rifarlo; in tal senso, il cervello è come se venisse fisicamente condizionato per adottare comportamenti finalizzati alla ricerca di convalide fatte di like e commenti.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Giuseppina Grazioso
V.le Papa Giovanni XXIII, 33 - BARI
Cell: 338 7780330
Dottor Francesco Innocenti
Via T. Tozzetti, 23 - FIRENZE
Cell.: 340 7525217

Quando però la giornata successiva è piatta rispetto a quella precedente, si potrebbe iniziare a mettere in discussione il proprio livello di autostima. Risulta pertanto facile divenire schiavi della convalida online.

Quando si inizia a contare su messaggi di testo, commenti, messaggi privati, like e tweet per convalidare il proprio valore personale, si può facilmente divenire dipendenti dalla necessità di ricevere o vivere tale sensazione ogni giorno.

Quando subentrano dinamiche di questo tipo le persone iniziano a fotografarsi sia se sono da sole, sia quando si trovano con gli altri, sia se si trovano in una situazione particolare o quotidiana, finendo per fare delle cose ideali al fine di creare un'aura positiva che possa generare consensi.

Anche se il postare continuamente i propri selfie non è ancora contrassegnano come un disturbo, la dipendenza che possono generare è comunque reale.

Molte ricerche sulla dipendenza stanno iniziando a sostenere che tutti quei soggetti che non riescono a distanziarsi dal proprio smartphone, il quale li collega alla loro rete “sociale”, iniziano a mostrare sintomi di ritiro simile a quelli esperiti nel contesto delle droghe, alcool e gioco d'azzardo.

È stato documentato che molti utenti di social media non riescono a temporeggiare più di pochi minuti senza sentire la necessità di fare clic sul pulsante Home del proprio smartphone solo per vedere se hanno ricevuto un aggiornamento sui propri profili social.

Inoltre, una crescente quantità di studi allarmanti sostiene la nozione che gli sviluppatori di applicazione di social media stiano sfruttando il potere del cervello, in particolare l'elaborazione cognitiva, nel tentativo di impedire ulteriormente di uscire dalla rete sociale online quando siamo connessi con lo smartphone.

Gli algoritmi riguarderanno i like e i commenti dei propri selfie per un periodo di tempo predeterminato; al momento giusto, questo algoritmo, basato sul comportamento sociale nei social media, farà scoprire di quanti like e commenti si ha “bisogno” per generare quel necessario rilascio di dopamina nel cervello, tale da rimanere connessi.

Cioè, questo stesso “ormone del piacere” che viene rilasciato durante il sesso, quando si gioca o si usano le droghe, sarà lo stesso associato ai social media.

In tal senso, e se tale visione dovesse essere confermata nel tempo, la vita personale e relazionale di ognuno sarà influenzata negativamente.

Da un punto di vista generale, quando postiamo un'immagine sui social, più e più volte, leggiamo commenti e visualizziamo like, più e più volte, stiamo soddisfacendo la necessità di ricevere una convalida da parte degli altri.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Daniela Benedetto
Via del Vascello, 34 - ROMA
Cell: +39 339 6306112
Dottoressa Sara Ruiba
Via Cortevecchia, 59 - FERRARA
Cell.: 338 2315061

Molte ricerche suggeriscono che questo può alienarci dalle nostre occasioni di affermazione faccia a faccia nei confronti degli altri, in quanto si prende più facilmente in considerazione la possibilità di ricevere una convalida online, catturando così una glorificazione illusoria, piuttosto che impegnarsi per ispirare gli altri all'interno delle relazioni quotidiane.

Quello che si vuole ovviamente sottolineare non è quello di non scattare o scattarsi delle foto per pubblicarle sui social media, ma imparare a partecipare ad eventi o attività del mondo reale senza sentire l'impellenza di pubblicarle sui social media, perchè in tal modo si distorce la percezione della propria realtà.

Quando non si riesce a passare del tempo senza controllare il proprio telefono, per non parlare di poche ore senza postare una foto, ci si sta probabilmente avventurando verso la dipendenza, e in questa dipendenza, al pari di tutte le altre, si danneggia non solo sé stessi ma anche i propri rapporti personali.

Molte ricerche indicano che lo smartphone, i social media e i digital media, spesso, distruggono le relazioni.

In termini pratici, le relazioni sentimentali spesso si incrinano, o sorgono i problemi, proprio a causa dei social media; le relazioni genitore-figlio spesso sono mediate dai social; le relazioni potenziali non si sviluppano correttamente se durante una conversazione entrambi, o uno dei due, è più interessato ad aggiornare il proprio profilo; le amicizie rimangono in gran parte nel cyberspazio, proprio perchè ormai ciò che avviene sui social non viene più distinto da ciò che avviene nel mondo reale.

Volendo concludere, la pubblicazione di immagini sui social non pregiudica la crescita del Sè ma, qualora non sia ben gestita, come con qualsiasi altra cosa, può determinare la distruzione di sé e delle relazioni con gli altri.

Molti hanno bisogno di riesaminare dove si trovano le loro identità, se nella convalida da parte dei propri amici o follower sui social, o attraverso un'affermazione che si può ottenere solo in aree più proficue e sostanziali della vita.

 

Tratto dalla rivista “Computers and Human Behavior”

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Giorgia Lauro)

  |   Letto: 1210 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.