Pubblicità

Realtà virtuale e trattamento del dolore

Attraverso la realtà virtuale, i pazienti affetti da dolore vengono immersi in un ambiente simulato multisensoriale e tridimensionale; utilizzando un casco e delle cuffie, nonché un joystick o una bacchetta, gli utenti possono muoversi nel mondo virtuale come se fossero reali.

realtà virtuale doloreLa realtà virtuale, secondo ricerche recenti, sembra destinata a diventare la frontiera del domani.

Con software specializzati e cuffie capaci di generare immagini, suoni e altre sensazioni per creare un ambiente apparente-realistico, gli utenti possono creare esperienze virtuali che possono letteralmente trasportarli fuori da questo mondo.

Anche se le impostazioni per la realtà virtuale sono estremamente costose, i progressi nella tecnologia informatica hanno ridotto enormemente il prezzo.

Ad esempio, utilizzando Google Cardboard, gli utenti possono trarre vantaggio dalle proprietà di monitoraggio del movimento degli smartphone per creare un sistema di realtà virtuale ad un costo modico.

Sistemi migliori sono già in fase di sviluppo per consentirne così un uso diffuso nei diversi settori; dopo aver esaminato alcune delle nuove applicazioni commerciali presenti, si può sostenere che la realtà virtuale potrebbe diventare uno degli sviluppi più emozionanti nel mondo della tecnologia informatica nei prossimi vent’anni.

Oltre al suo potenziale per l’intrattenimento e l’istruzione, la realtà virtuale sta lentamente diventando un importante strumento medico.

I professionisti della salute mentale la stanno già sperimentando nel trattamento di problematiche emotive come le fobie e il disturbo da stress post-traumatico.

Attraverso simulazioni realistiche, le persone affette da disturbi d’ansia relativi a diversi trigger situazionali, possono imparare a superare le loro paure attraverso un’esposizione simulata.

La realtà virtuale può essere inoltre utilizzata anche in scenari di allenamento, consentendo agli studenti medici di assistere agli interventi chirurgici che si svolgono a migliaia di chilometri di distanza e di diagnosticare malattie nei pazienti che non possono mai incontrare di persona.

Gli scienziati si sono quindi chiesti se tale tecnologia può aiutare anche quei soggetti affetti da dolore?

Il numero totale di pazienti affetti da tale condizione a causa di lesioni, condizioni mediche o conseguenze di interventi supera di gran lunga il numero di pazienti affetti da diabete, malattie cardiache e cancro.

Secondo una relazione del 2011 dell’Istituto di Medicina, il costo annuale del trattamento del dolore negli Stati Uniti oscilla tra i 560 e i 635 miliardi di dollari, una cifra perennemente in aumento.

Oltre alla pura spesa associata al trattamento e alla produttività persa, il rischio di dipendenza da molti farmaci attualmente prescritti per i pazienti affetti da dolore dimostra chiaramente che la necessità di trattamenti migliori e meno dipendenti sembra più grande che mai.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Daniela Ciccarelli
Via Luigi Dallapiccola, 20 San Sisto - PERUGIA
Cell: 339 2860568
Dottoressa Marialuisa Fabbro
Via G. Garibaldi, 18 - VERONA
Cell: 347 4193619

Come alternativa al farmaco, esistono numerosi trattamenti psicologici che si sono dimostrati efficaci nel controllo del dolore.

Insieme alla terapia cognitivo-comportamentale, al biofeedback, alle terapie basate sull’accettazione e l’ipnosi, la distrazione realtà-virtuale genera un notevole interesse tra ricercatori e pazienti.

Il principio fondamentale che sottende la terapia di distrazione per il dolore è l’uso di stimoli esterni come un video, una musica, una profonda respirazione che spinge la mente del paziente lontano dal suo dolore.

Attraverso la realtà virtuale, i pazienti vengono immersi in un ambiente simulato multisensoriale e tridimensionale; utilizzando un casco e delle cuffie, nonché un joystick o una bacchetta, gli utenti possono muoversi nel mondo virtuale come se fossero reali.

Oltre al display che genera gli stimoli visivi, il casco contiene anche tracciatori di movimento che permettono di modificare il campo visivo mentre la testa si muove.

Le cuffie inviano musica o suoni provenienti dal mondo virtuale e consentono anche di poter svolgere delle conversazioni con protagonisti simulati.

Pubblicità

In tal senso, la ricerca ha osservato che la realtà virtuale è estremamente efficace nella gestione del dolore in pazienti con ustioni e altre tipologie di dolore.

Negli ultimi cinque anni, la quantità di ricerca in questo settore è aumentata bruscamente; in una meta-analisi recentemente pubblicata nella rivista Psychology of Consciousness, sono stati esaminati 14 studi recenti riguardanti la tecnica di distrazione della realtà virtuale nella gestione del dolore.

Gli autori della ricerca, Melissa P. Kennedy e Leonard S.Milling, dell’Università del Connecticut, si sono concentrati in modo specifico sul modo in cui la distrazione da realtà virtuale era efficace nel gestire diverse forme di dolore, sia in adulti che bambini.

Tra le applicazioni di realtà virtuale che sono state osservate, vi è il gioco per computer SnowWorld, sviluppato dai ricercatori dell’Università di Tecnologia di Waschington.

In un’intervista rilasciata al New York Times è stato sottolineato che “il gioco SnowWorld utilizza animazioni simili a Pixar per uso medico, in un videogioco che allevia il dolore delle vittime di ustioni”.

Originariamente sviluppato per i pazienti ustionati, il gioco viene ora utilizzato con un’ampia gamma di disturbi del dolore.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Maria Narduzzo
Corso Galileo Ferraris, 107 - TORINO
Cell: 333 7130974
Dottoressa Daniela Ciccarelli
Via Luigi Dallapiccola, 20 San Sisto - PERUGIA
Cell: 339 2860568

Quando si confrontano i risultati dei diversi studi esaminati, i ricercatori hanno scoperto che la tecnica della distrazione della realtà virtuale sembra essere altrettanto efficace come qualsiasi altro trattamento del dolore psicologico.

Mentre gli adulti sembravano trarne più vantaggio rispetto ai bambini, in generale non è stata trovata alcuna differenza reale in termini di tipo di dolore studiato.

Un risultato sorprendente riguardava il fatto di non aver rintracciato differenze significative tra i programmi specializzati sviluppati per pazienti affetti da dolore e le applicazioni commerciali della realtà virtuale.

Ciò suggerisce che la sensazione di essere immersi in un ambiente virtuale, per non parlare del senso di divertimento associato alla realtà virtuale, è probabilmente l’aspetto più importante della distrazione da realtà virtuale per molti pazienti affetti da dolore.

Purtroppo, pochi di questi studi hanno esaminato il dolore cronico e si rendono necessarie ulteriori ricerche per verificare come tale tecnica possa aiutare pazienti affetti da condizioni difficili da trattare come la fibromialgia.

Inoltre, sono necessarie ulteriori ricerche per vedere come la distrazione da realtà virtuale può essere adattata per essere più efficace per i bambini che esperiscono il dolore.

Mentre la distrazione fornita dalla realtà virtuale non può comunque sostituire, in caso di necessità, i farmaci, i vantaggi che offre rappresentano un’opzione interessante che deve quindi diventare più disponibile per le persone affette da dolore.

Poiché la tecnologia risulta la migliore e la meno costosa, è probabile che la realtà virtuale diventerà una di quelle strade sicure da percorrere per affrontare il dolore.

Tratto da PsychologyToday

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Giorgia Lauro) 

  |   Letto: 809 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.