Pubblicità

Ripetizione e coazione a ripetere

Psicoanalisi, psicologia dinamica e psichiatria descrittiva: differenze tra ripetizione e coazione a ripetere da Freud, Jung e Ferenczi.

ripetizione coazioneCon il termine coazione, secondo la terminologia psicoanalitica, si intende una proprietà dell’inconscio a mantenere immutate determinate caratteristiche fondamentali all’infuori della stessa dinamica conflittuale o addirittura contro di essa.

Nel contesto della psichiatria descrittiva e di quella dinamica, si intende invece la tendenza a compiere atti psichici per un irresistibile bisogno interno, contro il quale il ragionamento e la volontà non possono far nulla.

È bene fare una distinzione tra la ripetizione e la coazione a ripetere; nel primo caso, questa si presenta come un fenomeno connesso allo sviluppo motorio e mentale del bambino nel processo di apprendimento.

Durante le attività ludiche, i bambini sfruttano la ripetizione per padroneggiare l’esperienza della perdita o di eventi traumatici subiti grazie al capovolgimento di ruoli, ossia da una posizione passiva a una attiva.

A tal proposito, Sigmund Freud osservò che il proprio nipotino di un anno e mezzo, invece di piangere quando la mamma si allontanava, giocava facendo rotolare lontano un rocchetto che poteva richiamare a sé tirando il filo a cui era avvolto.

Attraverso questo gioco di scomparsa e riapparizione del rocchetto, riusciva a tollerare la separazione e, contemporaneamente, si vendicava della madre allontanando egli stesso il rocchetto.

La ripetizione per Freud, si presentava in tutti i sintomi clinici, in quanto il sintomo era da lui inteso come il riproporsi nell’attuale, secondo varie modalità ripetitive, di contenuti passati, inconsci e ritenuti inaccettabili dalla coscienza.

A partire da tali premesse, concepì il meccanismo della fissazione o rimozione, di cui la ripetizione consentirebbe il ritorno di tali contenuti rifiutati.

Nel processo terapeutico questa si manifestava attraverso il transfert, come espressione del conflitto rimosso che andava così riattualizzandosi nella relazione con l’analista.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Sara Ruiba
Via Cortevecchia, 59 - FERRARA
Cell.: 338 2315061
Dottoressa Paola Liscia
Via Gaspare Gozzi, 89 - ROMA
Cell: 347 2948154

In questo ambito di ricerca Freud identificò il complesso fenomeno, definito coazione a ripetere, da cui presero corpo le successive elaborazioni culminate nella formulazione del concetto di istinto di morte”.

Lui stesso definiva la coazione a ripetere come quel “processo incoercibile e di origine inconscia, per cui il soggetto si pone attivamente in situazioni penose, ripetendo così vecchie esperienze senza ricordarsi del prototipo”.

Ciò che impone a Freud il concetto di coazione a ripetere, quale nozione indipendente dalla consueta analisi delle nevrosi, è il carattere singolare e stupefacente dei fenomeni che esso designa: il soggetto tende a ripetere in maniera compulsiva, nella vita quotidiana e nello stesso rapporto con l’analista (transfert), esperienze che apparentemente contraddicono la sua fondamentale tendenza all’appagamento del desiderio, il cosiddetto “principio di piacere”.

Le riflessioni compiute da Freud lo portarono successivamente a collegare tale meccanismo ai moti pulsionali; il fatto di considerarla come dipendente dalle pulsioni, lo portò a inquadrarla come un aspetto della vita psichica avente un carattere demoniaco.

La coazione a ripetere non è più soltanto il meccanismo attraverso il quale viene sostituito il ricordo con un’azione, ma essa stessa rappresenterebbe qualcosa di conflittuale il cui ricordo si presenterà come “perturbante”.

Il considerare la coazione a ripetere come l’espressione di pulsioni differenti da quelle sessuali, definite, in contrasto con esse, pulsioni di morte, consente di osservare direttamente il salto teorico che Freud effettuò, in quanto se nel primo periodo il concetto di ripetizione appariva come puramente descrittivo, nel secondo periodo esso assunse valenze genetiche ed esplicative.

Nella svolta teorica del pensiero Freudiano non si può tralasciare il periodo storico in cui questo è andato sviluppandosi; il vissuto personale di Freud relativo agli anni della Grande Guerra e gli avvenimenti che sconvolsero l’Europa nel dopoguerra, furono inevitabilmente significativi nell’influenzare la sua concezione dell’uomo e della vita.

Nello stesso periodo anche Carl Gustave Jung focalizzò la sua attenzione sul concetto di coazione a ripetere riconoscendo che nel comportamento dell’uomo agiscono, a causa della sua struttura biologica innata, delle forze che inducono istintivamente a ricalcare i percorsi sperimentati già, non solo dai propri genitori, ma addirittura dai parenti di un passato molto lontano.

Secondo Jung padre e madre influenzano con il loro aspetto fisico e con le loro tendenze il destino dei propri figli; il trascorrere “coattivamente la vita intrappolati nel cerchio magico delle costellazioni familiari”, attraverso la coazione a ripetere esperienze infantili è per Jung una potenza demoniaca.

Psicologi in evidenza
Dottor Luigi Pignatelli
via Romagna, 20 - TARANTO
Cell.: 331 1087853
Dottoressa Valeria Colasanti
Viale Regina Margherita, 157 (Studio Psicologico Alfa) - ROMA
Cell: 348 8197748

È in prima battuta d’accordo con il concetto Freudiano di coazione e quindi di questa tendenza a ripetere, ma mentre in Freud, la causa di tale fenomeno sia da ascrivere alla pulsione di morte, ossia di non esistenza, in Jung, il concetto di coazione a ripetere rimanda all’archetipo: “Io ho chiamato archetipo, dice, il modello istintuale preesistente, ossia il pattern of behaviour”.

Jung è quindi del parere che la personificazione della coazione rinviasse soprattutto al padre, non solo a quello reale, ma ad una “imago paterna” portatrice delle tracce di sistemi organizzati e risalenti a milioni di anni di evoluzione.

Il concetto Junghiano appare quindi di più ampio respiro, in quanto include nella genesi del fenomeno sia l’imprinting genitoriale, così come la struttura genetica innata.

Rispetto al trauma, la coazione a ripetere si esprime anche nei sogni ripetuti, ossia quei sogni che si ripetono per mesi, anche anni, perché l’angoscia originata da un’esperienza traumatica è troppo intensa e massiccia per essere placata da un solo sogno o incubo.

Freud spiega i sogni angosciosi dei malati di nevrosi traumatica come un ripetere continuamente la situazione drammatica “come se questa stesse dinanzi a loro quale compito attuale non sormontato”.

A tal proposito Sàndor Ferenczi ritiene che nel sonno “ci siano maggiori possibilità di un ritorno di impressioni sensoriali irrisolte, nascoste nel profondo, assai violente.. che anelano una soluzione”.

Per Ferenczi infatti il sogno in cui si ripetono gli eventi traumatici svolge una “funzione traumatolitica” nel suo compito di recuperare, attraverso i vissuti sensoriali, corporei, le tracce mnestiche e quei ricordi imprigionati nel corpo.

Attraverso questa prospettiva, la coazione a ripetere sarebbe per Ferenczì un tentativo indefinito di dominare e integrare un evento traumatico non integrabile.

La ripetizione avrebbe quindi l’obiettivo di superare la rottura e la discontinuità portate dal trauma, ricreando la continuità interrotta.

 

Tratto da "Manuale di Psicologia Dinamica"

 

(Adattamento a cura della Dottoressa Giorgia Lauro)

  |   Letto: 3470 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.