Pubblicità

Rivivere il passato

Quanto il passato influenza le nostre relazioni? Quali sono i modi attraverso cui riviviamo il passato?

Rivivere il passatoLa maggior parte di noi affronta il proprio passato ricorrendo a modalità diverse; alcuni assumono una posizione netta del tipo “doveva andare così”, rinforzando la consapevolezza del non poter far più nulla per cambiare le cose.

Altri invece sembrano restare bloccati e ancorati alla loro storia, facendosi sopraffare da vecchi sentimenti e custodendo gelosamente alcuni ricordi.

In qualche modo è come se si lottasse contro se stessi per lasciare andare il passato.

La ricerca attuale mostra che nessuno di questi atteggiamenti è particolarmente funzionale o utile per il nostro sviluppo personale.

Anche se queste modalità di vivere il passato possono sembrare molto lontane tra loro, in realtà portano allo stesso risultato finale.

Se evitiamo il passato, accettandolo passivamente, non riusciamo a cogliere quelle modalità comportamentali o di pensiero che ci hanno caratterizzati, andando così a riproporle nel nostro presente.

Se invece, ci identifichiamo troppo in quello che eravamo, ci troviamo a essere nuovamente governati da questi eventi.

In entrambi i casi, non riusciamo quindi a differenziare e vivere la nostra vita in maniera adattiva.

La ricerca sull’attaccamento  sottolinea che, al fine di liberarci dal passato e formare relazioni più sane vivendo la nostra vita per quello che siamo, dobbiamo vivere e dare un senso al dolore che ha caratterizzato la nostra storia.

Quando non riusciamo ad affrontare il dolore irrisolto della nostra infanzia, tendiamo a ripetere, spesso in maniera inconsapevole, determinate dinamiche comportamentali.

Questi modelli ripetitivi non sono né intenzionali né programmati; i grandi e i piccoli traumi dei nostri primi anni di vita, sedimentandosi nell’inconscio, non ci rendono consapevoli del fatto che agiamo in funzione di essi, venendo fuori in un modo tale da non riuscire a rendercene conto.

Tutto ciò che viviamo nel nostro presente può innescare ricordi impliciti, spesso dolorosi, determinando una reazione che non ci porta ad agire nel nostro interesse.

In questo senso, anziché vivere la propria vita, si rivivono i momenti passati e non si riesce ad imboccare una nuova strada da percorrere.

Pertanto, quali sono le modalità attraverso cui tendiamo a rivivere le cose?

Psicologi in evidenza
Dottoressa Marialuisa Fabbro
Via G. Garibaldi, 18 - VERONA
Cell: 347 4193619
Dottoressa Maria Clara Cortellazzi
Viale S. Kasman, 15 Chiavari - GENOVA
Cell: 391 4947113

La prima di queste è la ripetizione, ossia il ripetere comportamenti e assumere le caratteristiche  di figure importanti della nostra infanzia; naturalmente, questo può essere una cosa positiva quando veicoliamo messaggi di stima e di rispetto verso gli altri.

Tuttavia, in qualità di essere umani, abbiamo anche la tendenza ad un’eccessiva identificazione con i tratti negativi dei nostri genitori e questo perché si può far fatica ad abbandonare tali modelli di imitazione, a superarli o a vedere noi stessi in una luce diversa dalle persone che si sono prese cura di noi.

A livello inconscio, assumiamo i tratti dei nostri genitori, nel tentativo di preservare un’immagine idealizzata di loro.

Si può effettivamente sentire dolore per la minaccia della perdita e della separazione dai nostri genitori, comprese tutte le modalità limitanti che si riconoscono e che soprattutto ci hanno ferito.

Ma, nonostante questa piccola consapevolezza, tendiamo a identificarci con i nostri genitori assumendo le loro qualità.

Ad esempio, se avessimo un genitore particolarmente sfuggente o introverso, potremmo avvertire la stessa sensazione di non disponibilità nelle relazioni future, o l’interrompere una relazione quando l’altro si “avvicina troppo”.

Se invece avessimo un genitore che si preoccupa eccessivamente e si mostra invadente, potremmo ritrovarci ad adottare tali atteggiamenti verso i nostri figli e ad agire in modi prepotenti e collusivi.

Una seconda modalità è costituita dalla reazione; questa rappresenta il lato opposto della stessa medaglia e corrisponde ad una ribellione verso il modo di fare e di essere dei nostri genitori.

È sano e saggio identificare i tratti negativi dei genitori e scegliere di essere diversi da essi; tuttavia, a volte siamo così determinati a differenziarci dalla nostra famiglia di origine, che arriviamo a distorcere il nostro naturale modo di essere.

Per esempio, se abbiamo odiato il modo in cui i nostri genitori litigavano o non andavano d’accordo, possiamo crescere convincendoci che l’amore non esiste o che i rapporti non sono sani.

Potremmo quindi arrivare a non instaurare mai una relazione seria, per l’incapacità di fidarsi di qualcuno a un livello più profondo.

In ciascuno di questi casi, stiamo ancora vedendo il presente attraverso un filtro del nostro passato, non riuscendo così a “separarci” adattivamente dalla nostra storia.

Non stiamo permettendo a noi stessi di realizzare pienamente chi siamo veramente e ciò che vogliamo davvero.

Un altro modo attraverso cui non riusciamo ad uscire dalle ombre del nostro passato, è il ricreare degli ambienti o delle dinamiche che sono molto simili a quelle che abbiamo vissuto da piccolo.

Questo modello può essere difficile da identificare; tuttavia, potremmo trovarci in qualche rapporto o matrimonio con persone che ci trattano nello stesso modo in cui siamo stati trattati da bambini.

Per esempio, se siamo cresciuti con un genitore iper-critico e svalutante, potremmo ritrovarci ad essere attratti da partner che ci disprezzano, che ci fanno sentire insignificanti.

Se, al contrario, abbiamo invece avuto un genitore che ci ha “adulato” saremmo attratti da persone che ci dedicano tutta la loro attenzione.

Un'altra dinamica attraverso cui ricreiamo il passato è l’attribuzione di tratti e caratteristiche di persone passate, alla persona che fa parte del nostro presente.

Per esempio, se da piccoli, abbiamo spesso esperito momenti di rifiuto e  una sensazione di essere manipolati, potremmo essere portati a pensare che il nostro partner stia facendo la stessa cosa, anche se non vi sono degli eventi o particolari situazioni che confermino tali sensazioni.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Annalisa Di Sabatino
Via Reno, 30 - ROMA
Tel.: 06 8419950
Dottoressa Paola Liscia
Via Gaspare Gozzi, 89 - ROMA
Cell: 347 2948154

Infine, possiamo anche inconsciamente provocare l’altro al fine di innescare una reazione che richiama modalità a noi familiari, pur essendo dolorose.

Tutti questi modelli di comportamento possono quindi determinare esiti spiacevoli e devastanti, contribuendo al mantenimento di modalità vecchie, abituali e spesso negative.

Anche se siamo lontani di molti anni dal nostro ambiente infantile, questi modelli ci permettono di rimanere in questi ambienti familiari a livello psicologico ed emotivo.

Questa mancanza di differenziazione può quindi tenerci ancorati al passato e limitare noi stessi e la nostra vita. Questa illusione di connessione può essere letta come un adattamento salvifico quando eravamo piccoli e avevamo bisogno dell’altro per sopravvivere, ma da adulti, questi modelli non sono più adattivi e rischiano di ledere le nostre capacità nel divenire quello che vogliamo essere.

La buona notizia è che con la creazione di una narrazione coerente di quello che eravamo e di ciò che abbiamo vissuto, possiamo realmente “separarci” da modelli passati ripetitivi e disfunzionali e diventare le persone che vogliamo essere.

“Quando cominciamo questo viaggio per conoscere meglio la nostra storia, ci apriamo a nuove possibilità e liberiamo noi stessi per promuovere un cambiamento reale e creare un futuro migliore”.

 

Tratto da PsychologyToday

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Giorgia Lauro)

  |   Letto: 4340 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.