Pubblicità

Salute mentale sul posto di lavoro

I problemi di salute mentale sul posto di lavoro sono stati definiti come uno “tsunami silenzioso”, che potrebbe inghiottire miriadi di organizzazione determinando problemi non solo di produttività ma anche redditività.

Salute mentale lavoroQuesto articolo si pone l’obiettivo di analizzare la situazione critica di molte aziende degli Stati  Uniti e del Canada.

In un articolo del Wall Street Journal, Mellissa Korn sostiene che “sta divenendo problematico per le aziende il sempre e maggior numero crescente di adulti che cercano un trattamento per i disturbi psichiatrici. Secondo lo U.S. National Institute of Mental Health, più di uno su quattro americani adulti ha un disturbo di salute mentale diagnosticabile, e uno su diciassette ha una grave malattia come la schizofrenia e il disturbo bipolare”.

Secondo un rapporto recente degli Stati Uniti, sulla base delle ricerche condotte dalla Harvard University Medical School, la malattia mentale non trattata costa agli Stati Uniti un minimo di 105 miliardi di dollari in termini di perdita della produttività ogni anno.

La maggior parte delle organizzazioni presentano piani di copertura sanitaria, i quali però “coprono” i disturbi fisici, mentre quelli inerenti la salute mentale appaiono come scoperti.

Secondo l’American Journal of Psychiatry la presenza di malattie mentali gravi si traduce in un mancato guadagno ed un costo sociale pari a 200 miliardi di dollari annui.

Ronald Kesller, docente di politica sanitaria presso l’Università di Harvard, sostiene che circa il 60% degli americani con un disturbo mentale non riceve un trattamento adeguato.

Stew Freedman, autore di diversi articoli presso la Harvard Business Review, sostiene che gli imprenditori ricorrono ad un imperativo morale e pratico per affrontare la questione della salute mentale nei luoghi di lavoro:

“Possiamo permettere ai dipendenti di sentirsi liberi di chiedere l’aiuto di cui hanno bisogno nel sostenere le loro famiglie, modificando il modo di parlare, pensare ed agire. A loro volta essi però sono tenuti a rimborsare ciò mediante sforzi straordinari e impegnandosi per raggiungere gli obiettivi dell’azienda”.

Il Dottor Phyllis Gabriel della Cornell University afferma che “l’onere dei disturbi mentali sulla salute e l’influenza che questi producono sulla produttività è stata a lungo profondamente sottovalutata; in tal senso i problemi di salute mentale influenzano fortemente le prestazioni dei dipendenti, i tassi di malattia, l’assenteismo, gli infortuni e i turnover del personale”.

Rispetto a quanto esposto, l’American Disabilities Act impone, oggi, alle aziende di offrire “soluzioni ragionevoli” per i dipendenti affetti da disabilità, le quali potrebbero includere una flessibilità sulle ore di lavoro, la terapia o la riassegnazione dei posti di lavoro.

Molte aziende americane come la Prudential Financial, la Deloitte e la DuPont stanno fornendo programmi di assistenza e di formazione ai propri manager per affrontare i problemi di salute mentale dei lavoratori, ma ciò non rappresenta ovviamente la norma.

Secondo un recente sondaggio, si è osservato che uno su cinque canadesi ritengono che il loro ambiente di lavoro non sia psicologicamente sano. In tal senso, si è stimato che la malattia mentale causi 35 milioni di giorni lavorativi persi ogni anno.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Annalisa Di Sabatino
Via Reno, 30 - ROMA
Tel.: 06 8419950
Dottoressa Giuseppina Grazioso
V.le Papa Giovanni XXIII, 33 - BARI
Cell: 338 7780330

Il Conference Board of Canada’s Study, ha stimato che il 44% dei canadesi afferma di soffrire di un problema di salute mentale come lo stress cronico, abuso di sostanze, schizofrenia, depressione, burnout e dipendenza.

Il rapporto continua dichiarando che quasi il 50% dei manager non aveva alcuna formazione nella gestione dei lavoratori con problemi di salute mentale.

Alla luce di tali risultati lo studioso Wilson Banwell ha dichiarato che “la ricerca sostiene con forza il bisogno e l’esigenza da parte dei manager di lavorare sulla salute mentale, facendo di essa una questione di business ad alta priorità. Non è semplicemente la cosa giusta da fare, ma rende la società più competitiva e redditizia.”

Martin Shain, in un recente rapporto del Mental Health Commission of Canada, sostiene che persone con una resilienza “normale” possono essere portate sull’orlo del disagio mentale e, a volte spinte oltre questo bordo dalle estreme condizioni di lavoro.

Shain sostiene che le malattie mentali possono strutturarsi a partire da un ambiente di lavoro psicologicamente insano, e prendere svariate forme come un’ansia debilitante, la depressione, il burnout o anche malattie cardiovascolari, maggiore consumo di alcool e maggiore suscettibilità verso le malattie infettive.

Tali problemi possono subentrare anche quando le richieste e le pressanti esigenze aziendali superano i livelli di abilità dei lavoratori, e quando i dipendenti non hanno il controllo del mezzo o delle modalità tipiche del loro lavoro.

Un altro rapporto enunciato dalla Commissione della Salute mentale del Canada, intitolato “Lo Stress sui luoghi di lavoro”, delinea il crescente numero di casi giurisprudenziali, modifiche legislative e delibere giuridiche che sostengono una tendenza verso il dover fornire un ambiente di lavoro psicologicamente sicuro come un termine implicito del contratto di lavoro.

A tal proposito è dal 2010 che negli Stati Uniti e nel Canada si sta svolgendo una tempesta legale e politica nel campo della tutela della salute mentale sul posto di lavoro.

Il rapporto Canadese chiarisce quanto sul posto di lavoro siano comuni delle condizioni patologiche di salute mentale come la depressione, l’ansia e il burnout, i quali possono essere aggravati da azioni manageriali croniche come l’imposizione di richieste irragionevoli, il mancato riconoscimento di crediti o contributi ai dipendenti, o il mancato riconoscimenti dei diritti legittimi dei lavoratori.

Si assiste pertanto ad uno scollamento tra le pratiche di gestione tradizionali e la nostra conoscenza della psicologia e delle neuroscienze.

La consapevolezza delle dinamiche psicologiche umane e la ricerca scientifica in relazione al luogo di lavoro si è evoluta lentamente, mentre i progressi nel marketing, le vendite, i sistemi e la tecnologia si sono spostati alla velocità della luce.

I punti di vista miopi spesso si riflettono nei programmi di formazione della leadership e di formazione aziendale, i quali si concentrano principalmente su cose come il problem-solving, analisi, strategia, obiettivi, responsabilità e misura.

Eppure è chiaro che entrambi, sia i leader che i dipendenti, esperiscono spesso delle problematiche non legate ad una carenza di competenze, ma a causa di problemi comportamentali, psicologici ed emotivi.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Daniela Benedetto
Via del Vascello, 34 - ROMA
Cell: +39 339 6306112
Dottoressa Daniela Ciccarelli
Via Luigi Dallapiccola, 20 San Sisto - PERUGIA
Cell: 339 2860568

Una difficoltà che i dipendenti devono spesso affrontare è l’ammettere apertamente di essere affetti da un problema di salute mentale. Molti reclutatori potranno quindi rispondere che l’ammettere una problematica di questo tipo solleva la cosiddetta “bandiera rossa”, e che pertanto è un fattore che potrà influenzare negativamente il processo decisionale del datore di lavoro.

Vi è però una luce alla fine del tunnel, almeno in Canada; la Mental Health Commission of Canada ha infatti avviato un progetto con l’obiettivo di creare una norma nazionale di volontariato per la progettazione di luoghi di lavoro psicologicamente sani. Il Canada è il primo paese al mondo a sviluppare un tale standard.

Tra una serie di importanti conclusioni il Consiglio di Vancouver ha emesso un rapporto dichiarando:

“il mantenimento di un ambiente di lavoro psicologicamente sano è economicamente vantaggioso attraverso un maggiore impegno dei dipendenti, della motivazione, la riduzione dell’assenteismo e riduzione dei costi di assistenza sanitaria; proteggere il benessere psicologico è un elemento fondamentale e la chiave per divenire un datore di lavoro responsabile; il mancato conferimento di un posto di lavoro psicologicamente sicuro può portare i dipendenti a impegnarsi in azioni legali contro l’azienda stessa.”

Si sta pertanto prefigurando un nuovo tempo in cui i datori di lavoro e le organizzazioni dei lavoratori iniziano a riconoscere l’importanza di considerare la salute mentale come non separata dai problemi di salute fisica sul luogo di lavoro, in termini di condizioni di lavoro, formazione adeguata dei dirigenti, e la fornitura di una copertura finanziaria per i problemi mentali calcolata in termini di benefici per la salute.

In caso contrario, non si andrà soltanto ad evitare un imperativo morale, ma si andrà ad ignorare volontariamente l’impatto pratico sulla produttività e redditività delle organizzazioni.

Tratto da PsychologyToday

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Giorgia Lauro)

  |   Letto: 1809 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.