Pubblicità

Scoperta la causa del Disturbo Ossessivo-Compulsivo!

Gli scienziati hanno scoperto importanti novità sui meccanismi sottostanti questa patologia.


proteina ocdAlcune persone hanno una paura estrema della sporcizia, o dei batteri.

Di conseguenza, essi possono sviluppare l’abitudine di lavare compulsivamente e pulire più volte le mani ed il corpo.

In realtà, costoro sono intrappolati in un circolo vizioso, poiché la paura di nuove contaminazioni ritorna rapidamente dopo il lavaggio.

È per questo che coloro che ne soffrono non vedono via d’uscita: queste persone sono incapaci di cambiare il loro comportamento persino quando un lavaggio eccessivo ha comportato irritazione o danni alla pelle!

Psicologi in evidenza
Dottoressa Maria Clara Cortellazzi
Viale S. Kasman, 15 Chiavari - GENOVA
Cell: 391 4947113
Dottor Marco Zanghì
Via Scite, 3 - MESSINA
Cell: 334 2717738

Cos’è l’OCD?


Circa il 2% della popolazione generale soffre del Disturbo Ossessivo-Compulsivo (OCD), almeno una volta nella loro vita.

La malattia è caratterizzata da pensieri intrusivi persistenti, che si cerca di compensare con un comportamento rituale ripetitivo.

Come avviene per Depressione, Disturbi alimentari ed altre malattie mentali, l’OCD è trattato con gli antidepressivi.

Tuttavia, questi farmaci non sono specifici, cioè non sono adatti per la cura di tale patologia.

Pertanto, gli studiosi sono alla ricerca di nuove e migliori terapie mirate, che abbiano anche minori effetti collaterali.


La proteina che innesca l’impulso a lavarsi.


Il Professor Kai Schuh dell’Institute of Physiology, presso il Julius-Maximilians-Universität (JMU), Würzburg (Germania), ed il suo team, in collaborazione con i JMU's Departments of Psychiatry and Neurology, ha esplorato le cause alla base del Disturbo Ossessivo-Compulsivo.

Siamo stati in grado di mostrare, in modelli murini, che l’assenza della proteina SPRED2 può innescare un comportamento di controllo eccessivo”, ha spiegato il Dott. Schuh.

Egli ritiene, inoltre, che questo risultato sia fondamentale perché, fino ad ora, non è stata identificata nessuna chiara causa alla base di questo tipo di disturbo, visto che la ricerca precedente ha sottolineato che più fattori sono responsabili dello sviluppo dell’OCD, senza specificarne nessuno in particolare.

Sebbene sia presente in tutte le cellule del corpo, è stato trovato che la proteina SPRED2 si trova in concentrazioni particolarmente elevate in alcune regioni del cervello, ovvero i Gangli della base e l’Amigdala.

Normalmente, la proteina inibisce un importante percorso della cellula, la cosiddetta chinasi a cascata Ras/ERK-MAP.
Se essa non è presente, questa via del segnale è più attiva del solito.

"Ad essere eccessivamente attivo è, nello specifico, il recettore tirosin chinasico, TrkB, iniziatore di questo pathway del segnale a livello cerebrale”, ha spiegato la Dott. essa Melanie Ullrich.

A conferma di quanto emerso, la somministrazione di un inibitore che attenui la cascata iperattiva del segnale, nel modello animale, ha migliorato, in effetti, i sintomi ossessivo-compulsivi, che i topi avevano sviluppato in seguito a questa variazione di concentrazione della proteina SPRED2.

Inoltre, il gruppo di ricercatori è stato in grado di trattare il Disturbo con un antidepressivo in questo campione, in modo simile a quanto avviene nella terapia standard per gli esseri umani.

I loro risultati sono stati pubblicati sulla rivista “Molecular Psychiatry”.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Maria Narduzzo
Corso Galileo Ferraris, 107 - TORINO
Cell: 333 7130974
Dottoressa Daniela Ciccarelli
Via Luigi Dallapiccola, 20 San Sisto - PERUGIA
Cell: 339 2860568


Individuati nuovi obiettivi per le terapie.


Il nostro studio fornisce un nuovo e prezioso modello, che permette di investigare i meccanismi della malattia e di sottoporre a valutazione nuove opzioni terapeutiche per il Disturbo Ossessivo-Compulsivi”, ha affermato il prof. Schuh.

È importante sottolineare come il legame, recentemente scoperto, tra OCD e chinasi a cascata Ras/ERK-MAP, apra anche nuovi obiettivi per la terapia: sono già disponibili dei farmaci che, negli animali, inibiscono questo percorso del segnale a livello cerebrale ed alcuni di loro sono stati approvati anche per il trattamento degli uomini.

Come specificato dalla Dott. essa Ullrich, questi ultimi sono, in realtà, farmaci usati per la cura del cancro, così come è vero che l’iperattivazione della chinasi a cascata Ras/ERK-MAP è anche un meccanismo sottostante frequente in questa patologia:

A questo punto ci si chiede se questi farmaci possano essere efficaci anche nel trattamento del Disturbo Ossessivo-Compulsivo e se essi siano più utili in termini di effetti collaterali conseguenti”, ha concluso la studiosa.

    

 

Fonte: University of Würzburg

(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Alice Fusella)

 

 

  |   Letto: 4498 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

Storia della Psicoterapia Breve Corporea PBC

Secondo il modello della Psicoterapia Breve Caratteroanalitica di Xavier Serrano Hortelano “La brevità è l’anima della saggezza”.Shakespeare, Amleto (atto II, scena II) 1. Introduzione Prima di definire i contorni della Psicoterapia Breve Corporea – PBC Caratteroanalitica, secondo il modello di X...

Psicoterapia psicoanalitica

La scuola psicoanalitica nasce grazie alle teorie elaborate da Freud. La psicoanalisi si propone come obiettivo non tanto l’interpretazione degli aspetti cognitivi e fisiologici del comportamento umano, bensì lo studio e l’analisi di tutte le manifestazioni motivazionali e dinamiche, che sono meno e...

La terapia sistemico-relazionale

La terapia Sistemico-Relazionale si diffuse negli Stati Uniti durante gli anni '50, in particolare grazie alle teorie della prima e seconda cibernetica e la teoria dei sistemi elaborata da L Von Bertanlaffy. La "Scuola di Palo Alto" e il Mental Research Institute. La psicoterapia ad indirizzo sistemico-relaz...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.