Pubblicità

Second life

apparenza_ingannaCon il suo corpo sinuoso, Zoe se ne va, tra le mura colorate della città.

Spesso, nel suo tempo libero passeggia insieme alle amiche e sculettando, mostra il suo fisico scolpito. Si reca al centro commerciale a fare shopping e intanto, risponde alle telefonate dei suoi numerosi ammiratori e, le due amiche più care, le tiene aggiornate su suoi amori ed intriganti aspetti della sua vita sentimentale.

Nella stagione mite, arriva in ufficio, con la sua spider decappottata, mentre in inverno, sfoggia la sua Jeep tutta cromata. Quando entra nel suo lussuoso ufficio, lascia cadere la sua cartellina in pelle sopra al divano e subito, collega l’auricolare al computer, entrando nell’etere.

 

Scorrono nel monitor cifre quotate in borsa, a tratti il suo viso si fa sbalordito per le oscillazioni impreviste e vertiginose. Registra in un grafico le quotazioni, ed iniziano telefonate presso banche e centri per i monopoli di stato, la sua professionalità è elevata, e si muove con competenza e disinvoltura.Si alza poi in piedi Zoe, si prende una pausa per leggere sempre attraverso il suo personal computer, le notizie ansa, la guerra nel mondo e la mortalità elevata dei bambini nei paesi non emancipati. Un velo di tristezza racchiude il suo sguardo e, mentre il mouse scorre per evidenziare queste immagini, nello schermo del computer, si rispecchia il volto di Lia che costretta a tenere l’orologio sotto controllo, si accorge che è arrivato il momento di spenge e prepararsi per il suo turno di 10 ore al magazzino.

Donna di mezza età Lia, non molto alta e con qualche kilo di troppo vive da sola, dopo che la figlia di 25 anni è andata a convivere. Lei, è separata dal marito da quando la figlia era molto piccola.
Lavora in un magazzino d’imballaggi e con il suo stipendio, mantiene se stessa e in parte la figlia che non lavora.

Il vivere nel virtuale, le consente proprio questo: cambiare la propria identità (second life: seconda vita), un po’ potremmo dire, vivere due vite parallele.
Non sono infrequenti casi come questo tra la popolazione italiana; vivere a confine tra il reale ed il virtuale, è diventato uno stile di vita di molte persone.

C’è dunque da chiedersi tra gli esperti come mai questo effetto “second life”, sia così dilagante.

Certo è che, questo strumento tecnologico, consente a chi lo pratica di vivere le proprie trasgressioni, quasi con una modalità liberatoria, senza sentirsi minacciato da un punto di vista legale o morale.

Ne deriva dunque che nel falso sé, si sprigiona, si da cioè sfogo alle esigenze del sé reale, sottaciuto e nascosto a volte persino a se stessi.

La ricerca di una “seconda pelle”, è un argomento già manifesto attraverso, ad esempio, la chirurgia plastica, ovvero il bisogno di modellarsi a seguito di una non accettazione totale o parziale di sé. Nel caso del vivere nel virtuale, c’è il vantaggio di non lesionarsi peggiorando la propria salute come è purtroppo capitato a molte persone sottoposte a lifting, per lo più donne (ma non solo).

Anche i costi poi sono diversi, esorbitanti quelli della chirurgia estetica, a portata di tutti, quelli del “virtuale”.

Al di là di tutte queste differenze, un dato di base rimane stabile e cioè perché è così difficile piacersi? Oppure accettarsi per come si è?s

Ne deriva che la difficoltà del non sentirsi all’altezza o del non essere accettati per come si è, nell’attuale periodo sociale, porta una messa in atto di comportamenti e scelte di vita, dove la propria immagine reale, viene modificata, camuffata e comunque messa in secondo piano da un clichè comportamentale ed estetico che si percepisce come migliore, vincente e meglio proponibile nel mercato relazionale.
La difficoltà che genera poi ogni forma d’insicurezza, è appunto correlata al mondo delle relazioni e, alle difficoltà connesse nel riuscire a viverle nell’attuale epoca in modo, soddisfacente e duraturo.

Siamo infatti in un periodo antropologicamente liquido, che ha perduto la solidità dello stare bene con gli altri e quindi con se stessi, conservando origini e mantenendo relazioni longeve. Oggi, tutto ha una durata breve e limitata, la sofferenza che si accompagna a questi passaggi di vita è comunque elevata.

Il rischio, si trasla poi anche nel mondo del virtuale, poiché è uno strumento che consente la conoscenza di nuove persone, l’inizio di storie e relazioni che riportate nella realtà, riservano lo stesso esito.
Si rifugiano nel virtuale in modo cronico quelle persone che vivono l’insoddisfazione della vita reale quotidiana.
Come uscire dunque dal baratro del virtuale, come possibilità unica di vivere la propria esistenza con soddisfazioni sia estetiche, economiche e relazionali?
Forse, per citare una frase nota proveniente dal mondo dello sport, aveva ragione Gino Bartali nella sua notoria frase: “e’ tutto da rifare!” iniziamo dunque a pensare e poi ad agire in un modo diverso e più sano.

Non rifacciamoci seno, labbra e glutei, ma neanche sparire in un mondo sotterraneo di un virtuale che poi usciti dall’etere, rimane, l’isola che non c’è. Proviamo invece tutti insieme a partire da noi psicologi, psicoterapeuti, ad infondere un pensiero positivo che ciascuno possa fare proprio, nella vita di tutti giorni, fatta di ostacoli, problemi, ma anche di soddisfazioni provenienti dal vero sé e cioè dal proprio, ma reale ed autentico modo di essere, accettato ed amato.

Tratto da Psiconline.it

 

 

 

  |   Letto: 1185 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.