Pubblicità

Si può ridurre l’ansia negli adulti autistici durante le visite mediche?

I suggerimenti per rendere possibili queste esperienze in adulti con diagnosi di ASD.


medico autismoLe visite mediche possono trasformarsi in esperienze complesse ed impegnative per gli adulti con un Disturbo dello Spettro Autistico.


Un nuovo studio, a cura dei ricercatori della University of Southern California, fornisce alcuni suggerimenti sui modi in cui sia il paziente, che il medico, possono prepararsi al meglio a questi appuntamenti.

Cosa accade durante le visite mediche.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Caterina Gestri
Piazza Risorgimento, 18 Quarrata - PISTOIA
Cell: 338 1110142
Dottoressa Valeria Colasanti
Viale Regina Margherita, 157 (Studio Psicologico Alfa) - ROMA
Cell: 348 8197748

I ricercatori hanno offerto il seguente esempio per spiegare ciò che succede spesso:

-    Durante la sua prima visita allo studio del dottore, Bobby è scappato dalla sala d’attesa, è corso fuori dall’edificio e si è nascosto nel parcheggio.


-    Durante la sua seconda visita, l’ansia è stata semplicemente palpabile: Bobby ha cominciato a saltare sul posto, ripetendo un dialogo dal suo programma preferito e lamentandosi che lo studio era troppo luminoso e rumoroso per i suoi occhi e le sue orecchie.


-    Poiché si è rifiutato di far toccare il suo corpo dai medici, si è dovuto posticipare ancora il suo esame medico iniziale.


Gli adulti con Disturbo dello Spettro Autistico affrontano delle sfide uniche per ricevere cure mediche ottimali, a causa di alcuni fattori”, ha spiegato la Dr. essa Leah Stein Duker, assistente professore di ricerca presso la University of Southern California Chan Division of Occupational Science and Occupational Therapy. “Questi fattori includono difficoltà di comunicazione, problemi nel prendere decisioni mediche, sovrastimolazione nell’ambiente clinico e mancanza di formazione per i medici”.

C’è una ricerca limitata che delinea i bisogni specifici degli adulti con ASD durante le visite mediche ed ancora meno strategie, con un fondamento scientifico, che possano facilitare queste esperienze”, ha aggiunto la studiosa. “Esse sono, spesso, piene di gravi difficoltà per i pazienti, chi si prende cura di loro ed i medici. Questo comporta, quindi, che la qualità delle loro cure non è quella che potrebbe e dovrebbe essere”.


Cosa si può fare per migliorare la situazione?


Sfortunatamente, non ci sono standard professionali, o consenso, riguardo le pratiche migliori a cui attenersi per effettuare le visite mediche sugli adulti autistici.

I ricercatori ne hanno puntualizzato, però, l’urgenza, perchè questa è una popolazione che continuerà a crescere, come l’ondata di bambini che hanno ricevuto diagnosi di Autismo a partire dagli anni 1990 e che sono cresciuti in modo esponenziale negli ultimi decenni.


La terapia occupazionale secondo la Dr. essa Duker.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Paola Grasso
Via Monte Senario, 43 - ROMA
Cell.: 338 7897667
Dottoressa Paola Liscia
Via Gaspare Gozzi, 89 - ROMA
Cell: 347 2948154

La Dr. essa Duker ha ricevuto una convenzione, grazie alla quale ha fondato uno studio, nel quale il suo gruppo di ricerca possa condurre interviste con adulti con ASD, i loro tutori ed i loro medici, al fine di capire meglio quali tipi di problemi essi incontrano durante l’assistenza.

Le interviste formeranno una base per un piano di intervento preliminare, che probabilmente includerà alcune strategie, come la formazione del medico, la formazione dei tutori, dei suggerimenti per promuovere la comunicazione paziente-medico e tecniche per la presa di decisioni di pazienti e chi se ne prende cura.

Il mio obiettivo è migliorare i servizi di assistenza sanitaria per gli adulti con ASD, affinchè essi possano favorire risultati a breve e lungo termine per questa popolazione vulnerabile e scarsamente tutelata”, ha spiegato la Dott. essa Duker.

Inoltre, con la sua collega Dott. essa  Beth Pfeiffer, professore associato presso il Temple University’s College of Public Health, la studiosa ha ripreso l’esempio di Bobby per dimostrare come la terapia occupazionale abbia aiutato con successo i suoi medici a migliorare l’accesso e l’esperienza della cura.

Il terapista occupazionale e lo staff medico di questo paziente hanno sviluppato, infatti, una scheda illustrata, verbale e visiva, per ciascuna fase delle visite successive in studio, per aiutarlo a sapere cosa aspettarsi.

Per ridurre la sua ansia, inoltre, la famiglia di Bobby ha rivisto con lui le immagini e ha inscenato il tutto nella settimana che precedeva ciascuna visita.

Il terapista occupazionale, in più, ha lavorato con lo staff medico per ricavare una “area silenziosa” all’interno della sala d’attesa, con una luce più bassa, una macchina per attutire i rumori dello studio ed i muri dipinti di un azzurro chiaro con effetto calmante.

Medici e staff sanitario sono stati sottoposti anche ad una formazione durante il servizio sulle strategie per concludere con successo le visite, inclusi il valore degli indizi visivi ed i metodi di comunicazione alternativa.

Lo studio, infine, ha stabilito una procedura di pianificazione specifica per assicurare che i pazienti con problemi dello sviluppo e sensoriali, come nell’esempio di Bobby, possano prendere degli appuntamenti quando il medico non è troppo occupato, dandogli maggior tempo per completare gli esami e lavorare con le famiglie e chi se ne prende cura.    

 

 

Fonte: University of Southern California
(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Alice Fusella)

 

 

  |   Letto: 953 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Depressione adolescenziale: come riconoscerla?

Secondo alcuni ricercatori esistono due tipologie di depressione adolescenziale: una depressione evolutiva, legata alla fase specifica dello sviluppo, ed una definita “atipica”; analizziamole entrambe. Alcuni bambini vivono il passaggio dalla pre-adolescenza all'adolescenza molto rapidamente e co...

La terapia sistemico-relazionale

La terapia Sistemico-Relazionale si diffuse negli Stati Uniti durante gli anni '50, in particolare grazie alle teorie della prima e seconda cibernetica e la teoria dei sistemi elaborata da L Von Bertanlaffy. La "Scuola di Palo Alto" e il Mental Research Institute. La psicoterapia ad indirizzo sistemico-relaz...

Psicoterapia di coppia

I coniugi vivono una condizione di ambivalenza fatta di qualche momento positivo e altri/molti momenti negativi con conseguenze sul proprio umore, sulla propria identità ed autostima sulla voglia di fare/non fare, sulla capacità di gestire la casa, la famiglia, il lavoro. Le difficoltà a vivere insieme ha...

I confini sfocati in famiglia: l'invischiamento

L'invischiamento, una dinamica familiare che può essere descritta come la presenza di confini sfocati tra i membri, può rendere difficile o impossibile per un bambino sviluppare un senso individuale di sé perchè eccessivamente preoccupati per gli altri. Lo psicoterapeuta familiare...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.