Pubblicità

‘Spegnere’ il cervello per cancellare i ricordi paurosi.

Indebolire la comunicazione tra due parti del cervello dei topi riduce la loro paura.


paura cervelloCancellare i ricordi indesiderati sarebbe bellissimo... Ma è ancora roba da fantascienza!!


Gli scienziati del Weizmann Institute, però, sono riusciti ad eliminare una parte dei ricordi nei cervelli dei topi.

In particolare, nello studio, riportato su “Nature Neuroscience”, essi hanno ‘spento’ il meccanismo neuronale, a causa del quale si formano i ricordi di eventi paurosi nel cervello murino.

Psicologi in evidenza
Dottor Francesco Innocenti
Via T. Tozzetti, 23 - FIRENZE
Cell.: 340 7525217
Dottoressa Irene Giangreco Marotta
Via Paolessi, 1 - RIETI
Cell: 347 1332633

Dopo aver concluso la procedura, inoltre, questi animali hanno ripreso un comportamento normale, senza paura, “dimenticando” di averne avuta in precedenza.

Questa ricerca sembra apportare uno strumento molto importante per la scienza perché potrebbe aiutare ad estinguere, un giorno, i ricordi traumatici anche negli esseri umani – per esempio, in persone con Disturbo da Stress Post Traumatico (PTSD).

Il cervello è bravo a creare nuovi ricordi quando questi sono associati con forti esperienze emotive, come intenso piacere o paura”, ha spiegato il Dott. Ofer Yizhar, a capo dello studio. “Ecco perché è più facile ricordare le cose che ci interessano, siano esse buone o cattive. Questa è anche la ragione per cui i ricordi delle esperienze traumatiche hanno, spesso, una durata estremamente lunga, predisponendo chi le vive all’insorgere del PTSD”.


Come fa il cervello ad integrare le emozioni nei ricordi?


Nello studio, i Dott. Oded Klavir e Matthias Prigge, insieme ai Dott. Rony Paz e Ayelet Sarel, hanno esaminato la comunicazione che si forma tra due regioni del cervello: l’Amigdala e la Corteccia PreFrontale.

La prima gioca un ruolo fondamentale nel controllo delle emozioni, mentre la seconda è responsabile, in gran parte, delle funzioni cognitive e della conservazione delle informazioni nella memoria a lungo termine.

Studi precedenti avevano suggerito che le interazioni, compromesse nel PTSD, tra queste due regioni contribuiscono alla formazione e conservazione dei ricordi spiacevoli, ma, fino ad ora, era sconosciuto l’esatto meccanismo alla base di questi processi.

In questo nuovo lavoro, i ricercatori hanno dapprima usato un virus geneticamente modificato per contrassegnare quei neuroni dell’Amigdala che comunicano con la Corteccia PreFrontale.

Successivamente, utilizzando un altro virus, essi hanno inserito in questi neuroni un gene codificante una proteina fotosensibile, di modo che, quando il cervello fu esposto alla luce, si attivassero solo tali neuroni.

Queste procedure, appartenenti all’optogenetica – una tecnica ampiamente studiata nel laboratorio del Dott. Yizhar – hanno permesso ai ricercatori di attivare e di mappare solo i neuroni dell’Amigdala che interagiscono con la Corteccia.
    
Una volta che essi raggiunsero questo controllo preciso sulle interazioni cellulari nel cervello, sono passati ad esplorare il comportamento, partendo dall’assunto che i topi che hanno meno paura hanno anche maggiori probabilità di avventurarsi più lontano degli altri.

Essi hanno scoperto, infatti, che, quando gli animali sono stati esposti a stimoli che inducono paura, si attivava una forte rete comunicativa tra l’Amigdala e la Corteccia PreFrontale e che essi erano quelli più propensi a conservarne il ricordo, mostrandosi spaventati ogni volta che risentivano lo stesso suono condizionato (associato in precedenza a questa emozione).
    
A questo punto, per chiarire come questa rete comunicativa contribuisca alla formazione e stabilità dei ricordi, gli scienziati hanno sviluppato una tecnica optogenetica innovativa per indebolire il collegamento tra le due regioni cerebrali coinvolte.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Marialuisa Fabbro
Via G. Garibaldi, 18 - VERONA
Cell: 347 4193619
Dottoressa Paola Grasso
Via Monte Senario, 43 - ROMA
Cell.: 338 7897667

Infatti, una volta che la connessione veniva indebolita, i topi dell’esperimento non avevano più paura quando udivano il suono precedentemente condizionato e si comportavano come se non l’avessero mai provata.

Evidentemente, “abbassare” l’intensità della trasmissione neuronale dall’Amigdala alla Corteccia aveva destabilizzato, o addirittura distrutto, il loro ricordo della paura.

Il Dott. Yizhar ha concluso:
La nostra ricerca si è concentrata su una questione fondamentale nelle neuroscienze: come fa il cervello ad integrare l’emozione nella memoria. Un giorno, i nostri risultati potrebbero contribuire allo sviluppo di terapie mirate maggiormente alle connessioni tra Amigdala e Corteccia PreFrontale, al fine di alleviare i sintomi dei Disturbi d’Ansia e della paura”.
    

 

Fonte: Weizmann Institute of Science

(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Alice Fusella)

 

 

  |   Letto: 1882 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Psicologo del marketing e della comunicazione

Lo psicologo della comunicazione e marketing è un laureato in psicologia, abilitato dall'Esame di stato all'esercizio della professione, iscritto all’Albo degli psicologi nella sezione A. Deve essere capace di operare in completa autonomia professionale e di instaurare una collaborazione paritaria con a...

Terapia Comportamentale Dialettica nel Disturbo del comportamento alimentare

Sessioni individuali, sessioni di gruppo e coaching come strumenti di regolazione delle emozioni e controllo di comportamenti alimentare distruttivi La Terapia Comportamentale Dialettica (Dialectical Behavioral Therapy, DBT), rappresenta un’efficace combinazione di terapie cognitive e comportamentali, il c...

Epigenetica e Trasmissione Transgenerazionale del Trauma

Come può una memoria repressa essere trasmessa da una persona all'altra? Può un figlio ereditare realmente la mente inconscia del genitore? È possibile per un bambino ricordare ciò che il proprio genitore ha “dimenticato”? Con il termine Trasmissione Transgenerazionale...

La terapia EMDR

L'EMDR è una terapia strutturata che incoraggia l'utente a concentrarsi brevemente sulla memoria del trauma mentre contemporaneamente sperimenta la stimolazione bilaterale dei movimenti oculari la quale favorisce una riduzione delle vividezza e delle emozioni associate ai ricordi traumatici. La terapi...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.