Pubblicità

Stile di attaccamento e sessualità

Quanto le caratteristiche di personalità influenzano la nostra sessualità? Come esprimiamo la nostra personalità in camera da letto?

stile attaccamento sessualitàGli aspetti caratterizzanti i nostri rapporti più stretti, sia quelli intimi che familiari, riflettono le caratteristiche della nostra personalità, e ciò è vero anche per quanto riguarda la sfera sessuale.

Con il raggiungimento dell'età adulta, ognuno di noi tende a formare diversi sistemi di credenze e ipotesi circa i nostri rapporti interpersonali.

Molte di queste credenze si sviluppano durante l'infanzia, andando a riflettere l'insieme delle relazioni oggettuali interiorizzate, come conseguenza delle modalità con cui gli altri si sono presi cura di noi.

Una ricerca condotta presso la Deakin University, Australia, ha cercato di approfondire e delineare l'eventuale relazione tra lo stile di attaccamento e la sessualità in età adulta.

La teoria psicodinamica tradizionale evidenzia come aspetti disfunzionali sviluppati con le figure di attaccamento nell'infanzia, tendano ad essere proiettate sui partner sessuali attuali.

La prospettiva psicoanalitica classica, di cui Freud fu il precursore, sottolinea come attraverso il complesso di Edipo per i ragazzi, e il complesso di Elettra per le ragazze, si sviluppino dei desideri sessuali rispetto al genitore di sesso opposto.

Ovviamente attraverso la crescita l'uscita da questa fase, caratterizzante secondo Freud, lo sviluppo psicosessuale di ognuno di noi, avverrebbe attraverso l'interiorizzazione di norme sociali, il cosiddetto Super-Io, all'interno della propria personalità.

Da adulti, i desideri sessuali si trasferiscono sui propri coetanei e si sviluppano così delle relazioni sessuali sane; coloro i quali regrediscono o restano “fissati” ad una fase specifica dello sviluppo psicosessuale, cercano di ricreare quelle storie d'amore che avrebbero voluto avere con le loro madri o padri.

La teoria contemporanea della personalità ha messo in evidenza l'importanza del ruolo delle relazioni precoci nel plasmare la sessualità adulta.

La teoria dell'attaccamento sottolinea che le immagini mentali interiorizzate rispetto al rapporto cone le figure genitoriali non sono specificamente di natura sessuale, ma riflettono le caratteristiche di sicurezza o insicurezza acquisite attraverso il rapporto con i caregiver.

Se da piccoli si è sperimentato un senso di accoglienza, presenza, contenimento e attenzione fisica ed emotiva da parte dei genitori, questo si tramuta in un attaccamento sicuro che si rifletterà nelle relazioni intime adulte.

Se invece si è sperimentato un disinteresse, negligenza fisica ed emotiva, nonché un'assenza di cure da parte dei genitori, l'attaccamento insicuro che si sviluppa verrà riportato nelle relazioni affettive e intime adulte.

All'interno della sessualità, questi sentimenti di sicurezza o insicurezza potrebbero avere un potente effetto su ciò che accade nei rapporti intimi.

Secondo Stefanou e McCabe, lo stile di attaccamento e la sessualità si completano a vicenda in maniera reciproca: “In particolare, il buon funzionamento del sistema sessuale coinvolge il coordinamento reciproco delle motivazioni e dei comportamenti sessuali di entrambi i partner”.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Irene Giangreco Marotta
Via Paolessi, 1 - RIETI
Cell: 347 1332633
Dottoressa Valeria Colasanti
Viale Regina Margherita, 157 (Studio Psicologico Alfa) - ROMA
Cell: 348 8197748

Due sono le tipologie di disfunzioni che coinvolgono lo stile di attaccamento, svolgendo un ruolo delicato nella relazione sessuale tra i partner.

Nell'iperattivazione sessuale, il Partner A cerca continuamente il Partner B al fine di avere rapporti sessuali; se il partner B non vuole, automaticamente A si sentirà ferito e rifiutato.

L'insicurezza che il partner A avverte si traduce in una costante vigilanza rispetto alla sensazione di essere rifiutato nuovamente.

La disattivazione sessuale, al contrario, si verifica quano uno o entrambi i partner inibiscono il loro desidersio sessuale, evitano di pensare al sesso, rimandano il messaggio di non essere interessati al sesso, e inibendo la loro eccitazione e il piacere di raggiungere l'orgasmo.

Dopo un'attenta review della letteratura, Stefanou e McCabe hanno trovato 15 studi che hanno coinvolto un campione molto vasto di adulti, in cui è stata “misurata” la sessualità in termini di frequenza, soddisfazione, disfunzionalità e stile di attaccamento.

La maggior parte di questi studi ha utilizzato l'Attachment Style Questionnaire in cui veniva chiesto ai partecipanti di scegliere una tra tre modalità per esprimere come si sentono all'interno del proprio rapporto sentimentale:

a. mi sento un po' a disagio nell'essere vicino agli altri; trovo difficile fidarmi completamente, nonché dipendere dagli altri. Sono nervoso quando qualcuno si avvicina troppo, e spesso, gli altri vogliono che io sia più intimo rispetto a quello che mi fa sentire bene.

b. trovo relativamente facile avvicinarmi agli altri e mi sento a mio agio quando sono con loro o quando dipendono da me. Non mi preoccupo di essere abbandonato o che qualcuno si avvicini troppo a me.

c. trovo che gli altri siano riluttanti quando vogliono avvicinarsi più di quanto io voglia. Spesso mi preoccupo che il mio parner in realtà non mi ami o voglia stare con me. Voglio essere molto vicino al mio partner, e questo a volte spaventa la gente.

Dopo aver scelto l'alternativa che meglio li descrive, i partecipanti effettuano un'ulteriore valutazione sulle tre alternative, assegnando un punteggio da 1 (disaccordo) a 7 (fortemente d'accordo).

Le persone che hanno il punteggio più alto nella risposta A sono considerati evitanti, nei senso che sono riluttanti ad avvicinarsi agli altri per la paura di essere abbandonati.

Le persone che hanno il punteggio più alto nella risposta B sono considerati sicuri, il che significa che vivono bene il rapporto con gli altri e che si sentono a loro agio.

Le persone che hanno il punteggio più alto nella risposta C riflettono uno stile di attaccamento ansioso ed esperiscono una tendenza a diventare dipendenti, appiccicosi nonché paura ad essere lasciati soli.

Altri studi hanno invece utilizzato l'Experiences in Close Relationships Measure, il quale contiene 36 item indaganti lo stile di attaccamento evitante e ansioso.

Le persone con attaccamento evitante prediligono item come “preferisco non mostrare al mio partner come mi sento veramente”, mentre coloro con attaccamento ansioso scelgono item come “mi preoccupo di essere abbandonato”.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Chiara De Alessandri
Via A. Stradivari, 6 - MILANO
Cell: 349 1700569
Dottor Marco Zanghì
Via Scite, 3 - MESSINA
Cell: 334 2717738

La ricerca condotta da Stefanou e McCabe ha prodotto risultati interessanti, in quanto, i soggetti con stili di attaccamento ansioso ed evitante hanno avuto esperienze sessuali meno soddisfacenti a prescindere dalla tipologia di relazione, sia essa eterosessuale o omosessuale.

Le donne con stili di attaccamento evitante e ansioso hanno inoltre mostrato un certo numero di disfunzioni sessuali che vanno dalla diminuzione dell'eccitazione, difficoltà di lubrificazione, assenza di orgasmo e dolore sessuale.

Gli uomini con attaccamento evitante e ansioso riportano invece come problematica sessuale la disfunzione erettile.

In generale le persone con attaccamento evitante che rimangono in un rapporto intimo hanno meno probabilità di impegnarsi in un rapporto sessuale, in quanto si sentono a disagio rispetto all'intimità che da esso ne scaturisce.

Al contrario, le persone con attaccamento ansioso hanno una maggiore tendenza a equiparare il sesso con l'amore romantico; usano il sesso come modalità per ridurre le loro insicurezze e cercare di portare il partner più vicino a loro. In tal senso, il sesso li fa sentire amati e valorizzati.

Altre ricerche hanno inoltre evidenziato che anche le fantasie sessuali delle persone riflettono in modo simile i loro stili di attaccamento.

Le persone chiaramente portano non solo le loro personalità in camera da letto, ma soprattutto i loro desideri di ciò che vorrebbero fare in camera da letto.

Dai risultati di questa ricerca possono quindi essere estrapolati alcuni consigli pratici; innanzitutto se si ha un attaccamento ansioso, si potrebbe iniziare a esaminare, come suggerisce lo studio, se si ricorre al sesso per ridurre la paura di essere abbandonati.

Quanto più si mette in atto questo comportamento, tanto più potrà essere probabile che il vostro partner si allontani, soprattutto se quest'ultimo ha tendenze che riflettono un attaccamento evitante.

Il coinvolgimento troppo “facile” in relazioni aventi lo scopo di praticare sesso continuamente potrebbe ulteriormente ferire un'autostima che già di per sé, alla base, si presenta come fragile.

Se invece si ha un attaccamento evitante, il confinarsi all'esterno, ossia il rimanere “fuori” dall'intimità, potrebbe determinare l'instaurarsi di un rapporto conflittuale e questo, a sua volta, ripercuotersi sulla salute fisica, come anche evidenziato dalla ricerca sulle relazioni tra i problemi coniugali e l'obesità.

Attraverso il supporto di un professionista della salute mentale si può quindi divenire consapevoli del proprio stile di attaccamento, nonché dei problemi sessuali che questo crea, e lavorare sulla costruzione di un legame sicuro che potrà aiutare a raggiungere il “successo” sia all'interno che all'esterno della camera da letto!

 

Tratto da PsychologyToday

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Giorgia Lauro)

  |   Letto: 4718 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.