Pubblicità

Stress cronico e cervello

I neuroscienziati hanno scoperto che lo stress cronico e il cortisolo possono danneggiare il nostro cervello, producendo cambiamenti a lungo-termine e aumentando la vulnerabilità per lo sviluppo di diverse psicopatologie.

stress cronico cervelloI neuroscienziati della University of California, Berkeley, hanno riscontrato che lo stress cronico provoca cambiamenti a lungo termine nelle strutture e funzioni del cervello.

I loro risultati potrebbero spiegare perché soggetti giovani esposti ad uno stress cronico precoce sono più inclini a sviluppare patologie mentali quali disturbi di ansia e dell’umore, così come difficoltà di apprendimento.

La letteratura ha già evidenziato da tempo come le malattie correlate allo stress, come ad esempio il disturbo da stress-post traumatico provochino dei cambiamenti nella struttura del cervello, tra cui differenze nel volume della materia grigia rispetto a quella bianca, così come la dimensione e la connettività dell’amigdala.

Tuttavia, i ricercatori stanno cercando di capire come esattamente lo stress cronico crea cambiamenti duraturi nella struttura del cervello andando così a influenzare le funzioni cerebrali.

In una serie di esperimenti rivoluzionari, la Dottoressa Daniela Kaufer insieme ai suoi colleghi, hanno scoperto che lo stress cronico e i livelli elevati di cortisolo possono generare una sovrapproduzione di cellule produttrici di mielina e un minor numero di neuroni rispetto al normale.

Secondo i ricercatori lo stress cronico è in grado di modificare le reti neurali; la materia grigia del cervello è densamente “imballata” con i corpi cellulari nervosi ed è responsabile dello svolgimento di funzioni superiori del cervello come il pensiero, la computazione e il processo decisionale.

Tuttavia, la materia grigia rappresenta solo una metà della materia cerebrale della nostra testa; l’altra metà del volume cerebrale è infatti costituita da materia bianca.

Tale materia si compone di assoni, che creano una rete di fibre che consente l’interconnessione tra i neuroni creando, a sua volta, una rete di comunicazione tra le diverse regioni del cervello.

La materia bianca prende il nome “bianco”, dalla guaina grassa della mielina che avvolge gli assoni e accelera il flusso dei segnali elettrici tra i neuroni e le regioni del cervello.

La Dottoressa Kaufer ha sottolineato di aver studiato “solo una parte del cervello, l’ippocampo, ma le nostre scoperte potrebbero fornire informazioni su come la materia bianca cambia in condizioni come la schizofrenia, l’autismo, la depressione, il suicidio, il disturbo da stress post-traumatico e il disturbo da deficit d’attenzione e iperattività”.

L’ippocampo regola la memoria e le emozioni, e svolge un ruolo chiave in vari disturbi emotivi, ed è stato ampiamente riconosciuto come questo tenda a ridursi in periodo di stress acuto o esteso.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Chiara De Alessandri
Via A. Stradivari, 6 - MILANO
Cell: 349 1700569
Synesis Centro di Psicologia Dottoressa Flavia Passoni
Synesis Centro di Psicologia Via Pace, 11 Carnate - MONZA
Cell: 338 1863275

I ricercatori hanno scoperto che questo aspetto potrebbe essere centrale nell’iper-connessione associata ad uno stress prolungato.

Ciò si traduce in un eccesso di mielina e troppa materia bianca in alcune aree del cervello. Idealmente, il cervello ama “tagliare il grasso” attraverso la potatura neurale, con l’obiettivo di mantenere l’efficienza e ottimizzare la comunicazione all’interno del cervello.

Il cortisolo, conosciuto anche come “ormone dello stress”, sembrerebbe innescare un malfunzionamento delle cellule staminali.

I ricercatori ritengono che questo possa avere un effetto domino nel percorso tra l’ippocampo e l’amigdala, in modo tale da creare un circolo vizioso che a sua volta determina nel cervello una predisposizione ad essere in uno stato costante di lotta o fuga.

Lo stress cronico ha la capacità di capovolgere l’interruttore delle cellule staminali, trasformandoli in un tipo di cellula che inibisce i collegamenti con la corteccia prefrontale, che migliorerebbe l’apprendimento e la memoria, ma al tempo stesso, stabilisce dei “ponteggi durevoli” legati all’ansia, depressione e disturbo da stress post-traumatico.

In qualità di biologa la Kaufer si è focalizzata sullo studio delle cellule staminali neurali nell’ippocampo del cervello di ratti adulti sottoposti a stress acuto e cronico.

Queste cellule staminali dovrebbero, in linea generale, evolversi in neuroni o in un tipo di cellula gliale chiamata astrocita.

Tuttavia, i ricercatori hanno scoperto che lo stress cronico ha determinato una maturazione delle cellule staminali ippocampali in un altro tipo di cellula gliale chiamata oligodendrocita, che è responsabile della produzione di mielina che va a rivestire le cellule nervose.

La scoperta suggerisce che gli oligodendrociti possono quindi svolgere un ruolo chiave a lungo termine, determinando modifiche forse permanenti nel cervello che potrebbero così preparare il terreno per problemi mentali successivi.

Lo stress cronico riduce pertanto il numero di cellule staminali che maturano in neuroni e potrebbe fornire una spiegazione delle modalità attraverso cui lo stress cronico colpisce l’apprendimento e la memoria.

Secondo la Kaufer “di solito il cervello non produce molti oligodendrociti in età adulta a partire da quelle cellule staminali”.

I ratti che presentavano alti livelli di cortisolo e di stress cronico avevano, complessivamente, un minor numero di neuroni, ma un grande aumento di oligodendrociti.

Bloccando l’equivalente dei recettori del cortisolo, i ricercatori hanno scoperto che tale processo è appunto legato all’ormone dello stress.

“Questo non era assolutamente quello che ci aspettavamo di trovare”, ha sottolineato la Kaufer, “ma queste sono sempre le migliori scoperte!”.

Anche se la guaina mielinica è di vita importanza per la formazione del cervello umano, la giusta produzione di essa è necessaria per rafforzare il collegamento tra amigdala e ippocampo, migliorando le risposte di lotta o fuga durante periodi di minaccia o attacco.

Purtroppo però, in un mondo moderno, lo stress cronico e l’eccessiva produzione di mielina può dirottare tale sistema di lotta o fuga e ritorcersi nella vita quotidiana in assenza di un reale pericolo o minaccia fisica.

Una regolare attività fisica e pratiche di meditazione sono due tecniche efficaci per ridurre lo stress e il rilascio di cortisolo.

Anche se questo studio non si è concentrato sui benefici della riduzione di cortisolo, altre ricerche suggeriscono che fare scelte di vita che riducono lo stress migliorano la struttura del cervello e la connettività.

La Kaufer sta attualmente conducendo ulteriori esperimenti per determinare come lo stress durante l’infanzia colpisce la materia bianca del cervello, e se lo stress cronico durante le prime fasi della vita diminuisce la capacità di divenire resilienti in una fase più avanzata.

La Kaufer conclude sottolineando come uno stress “buono o moderato”, come ad esempio studiare duramente per un esame o prepararsi fisicamente per delle gare, può migliorare la connettività neuronale e la resilienza cerebrale.

Detto questo, la struttura del cervello subisce costantemente dei cambiamenti attraversi i processi di plasticità sinaptica.

Il potere della neuroplasticità permette di cambiare la struttura e la funzione del cervello per tutto l’arco della vita.

È possibile effettuare consapevolmente le scelte quotidiane nonché quei comportamenti che possono così migliorare la struttura e la connettività del nostro cervello.

Nel 2012, Alex Schlegel del Dortmouth College ha pubblicato uno studio che dimostra come il cervello adulto possa cambiare in meglio.

“Questo lavoro sta contribuendo ad una nuova comprensione del cervello come organo che rimane plastico per tutta la vita e quindi in grado di cambiare; questa capovolge l’idea secondo cui tutto lo sviluppo strutturale avviene esclusivamente nella prima infanzia. Ora che abbiamo gli strumenti per osservare i cambiamenti nel cervello, stiamo scoprendo che in molti casi esso può, in età adulta, essere altrettanto malleabile come quando si è bambini o adolescenti”, ha concluso il Dottor Schlegel.

 

Tratto da PsychologyToday

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Giorgia Lauro)

  |   Letto: 2229 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.