Pubblicità

Trauma e dissociazione: perché non è facile liberarsi di un passato doloroso

trauma e dissociazioneCi sono pazienti che nel proprio passato hanno vissuti traumatici significativi; lo shock conseguente ad un violento ed improvviso irrompere di eventi emotivamente incontrollabili può portare alla dissociazione (da intendersi come ‘separazione’ forzata) degli stati mentali connessi, con lo scopo di proteggere da stimoli troppo violenti a cui non si riesce a dare un senso sotto forma di pensiero coerente.

Si tratta di un meccanismo di difesa inconscio, una sorta di ‘manovra d’emergenza’ che si attiva in situazioni di realtà estreme. Goldberg (1995) ha recentemente ampliato questa definizione aggiungendo che la dissociazione è anche un meccanismo che porta a ‘sganciare’ la mente dalle sensazioni che provengono dal corpo e dall’apparato percettivo, come se i movimenti psichici divenissero indipendenti dal soma, a discapito dell’elaborazione delle informazioni complessiva.

Difatti uno dei segnali della presenza massiccia del meccanismo della dissociazione in un paziente è una ridotta capacità di riflettere su di sé ed una difficoltà a percepirsi come ‘personalità globale’; quando la persona parla di sé è come se presentasse un insieme di frammenti o immagini, tra cui racconti di relazioni tra sé e gli altri irrigidite e stereotipate.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Sara Ruiba
Via Cortevecchia, 59 - FERRARA
Cell.: 338 2315061
Synesis Centro di Psicologia Dottoressa Flavia Passoni
Synesis Centro di Psicologia Via Pace, 11 Carnate - MONZA
Cell: 338 1863275

La finalità adattiva del meccanismo dissociativo è la protezione di sé da un dolore non arginabile. A volte queste persone appaiono fredde e/o distanti, comunque inautentiche perché le loro reazioni non sono spontanee ed immediate ma è come se osservassero e controllassero il mondo attraverso una ‘corazza’ protettiva. Il dolore esistenziale conseguente deriva dalla sensazione di essere bloccati, di non riuscire a prendere parte alla vita in modo spontaneo e diretto ma di essere costretti senza capire il perché, ad osservarla come uno spettatore alla finestra. Il tempo è come se fosse fermo in un eterno presente dilatato all’infinito che non lascia la speranza di un cambiamento. 

La dissociazione può anche essere un meccanismo adattivo soprattutto se è temporaneo e non blocca altri aspetti della personalità che restano mobili e che consentono alla persona di essere comunque creativa e avere soddisfacenti relazioni con gli altri. Allora si tratta di un meccanismo che aiuta a superare una fase difficile proteggendo da un impatto eccessivamente disturbante perché potenzialmente dilagante su altri aspetti della personalità. La dissociazione diventa invece problematica quando costringe la persona ad un ‘ritiro’ massiccio che diviene isolamento e perdita di interesse vitale per qualsiasi aspetto della realtà che la circonda; l’angoscia provocata dal “sentirsi senza via d’uscita” a volte porta a forme di dipendenza patologica (uso ed abuso di droghe, farmaci, alcol, relazioni distruttive ecc.) e ad un progressivo impoverimento delle risorse personali.

Pubblicità

Come ricordavo sopra, la necessità di far uso di un meccanismo dissociativo in misura così radicale è una risposta ad un pericolo grave incombente; lo shock, ancor prima della paura, ricorda la reazione di un bambino piccolo che fatica a dare un senso al contesto e a capire cosa lo sta minacciando. Questo porta ad uno stato di preallarme costante e risponde ad un bisogno di ‘sopravvivenza psichica’ fondamentale quello cioè di salvaguardare l’equilibrio del proprio mondo interno evitando che un’angoscia non arginabile possa condurre ad un’esperienza di frammentazione del Sè. Si tratta ad esempio di persone che possono essere state vittime di atti di violenza significativi sia sul piano fisico che su quello psicologico, che hanno subìto maltrattamenti di vario tipo, mortificazioni ripetute, che sono state ignorate affettivamente dalle figure adulte di riferimento, costantemente disconfermate nel loro autentico modo di essere e di sentire.

Quando decidono di intraprendere una psicoterapia sono pazienti che con fatica imparano a narrare le proprie situazioni di disagio emotivo connesse a ricordi traumatici ma grazie alla buona relazione di comprensione e sostegno di cui fanno esperienza con il proprio terapeuta riescono a ristabilire un accesso ai propri stati dissociati e agli episodi connessi, consentendo una graduale costruzione della personalità come qualcosa di piu’ ‘intero’ e coeso.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Giuseppina Grazioso
V.le Papa Giovanni XXIII, 33 - BARI
Cell: 338 7780330
Dottoressa Ilaria Artusi
Via Lorenzetti, 15 - AREZZO
Cell.: 333 3945439

Le rigide barriere difensive si attenuano a fronte di una nuova condizione di sicurezza che si è venuta a creare e che rende possibile una graduale regressione e l’emergere di stati di sé discordanti, dimenticati o problematici che il terapeuta rispecchia e di cui promuove il senso e una nuova ‘organizzazione’. Non è facile abbandonare il proprio modo di essere che seppur problematico rappresenta una sicurezza acquisita, ma quando questo gradualmente avviene si assiste a cambiamenti di vita significativi nel paziente, nella direzione di una maggior partecipazione vitale piacevole all’esistenza e di un aumento di autostima.

Ecco perché una terapia analitica che consente questo può essere per una persona la prima occasione autentica di essere ‘conosciuto’ e conoscersi per come veramente è, cosa che permette di costruire nel tempo un’identità piu’ definita.

 
Letture consigliate
  • P. M. Bromberg, Clinica del trauma e della dissociazione, ed Raffaello Cortina 2007
  • J. Steiner, I rifugi della mente, ed. Bollati Boringhieri 1996
  • P. Goldberg, “Successful dissociation pseudovitality and inhautenitic use of the senses” in Psychoanalitic Dialogues, 5.

 

 

Articolo a cura della Dottoressa Marcella Dittrich – Psicoterapeuta - Milano

 

 

  |   Letto: 33616 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Nuovi trattamenti per il Disturbo Post-Traumatico da Stress

Dai farmaci al mondo digitale: approcci innovativi per la gestione del Disturbo Post-Traumatico da Stress In un’era in cui si assiste sempre più a disastri, incidenti, abusi e guerra, i sopravvissuti al trauma non sono sempre in grado di affrontare una serie di problemi emotivi come i ricordi intrusivi, i...

La psicologia dell’abusante

Caratteristiche endocrinologiche e relazionali dell’abusante: la radice traumatica dell’abuso L’azione è semplice, ma tutto intorno non lo è. Il pugno incontra la carne e le terminazioni nervose accendono la strada del dolore; i capillari scoppiano e i tessuti si gonfiano. La violenza crea e allo ste...

La trasmissione intergenerazionale del trauma

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-traumatico da stress, così come disturbi d’ansia e dell’umore. Tuttavia, un recente studio pubblicato nella rivista Biological Psychiatry, sugg...

La Psicoterapia può “riparare” il DNA?

La psicoterapia è in grado di invertire l’aumento dei livelli endogeni di rottura di DNA nei soggetti con Disturbo post-traumatico da stress, riportandoli ad un livello normale. Precedenti ricerche hanno rivelato un’associazione tra stress traumatico e incremento del rischio per lo sviluppo di numerosi ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.