Pubblicità

Un piccolo bagliore per una vista migliore.

I ricercatori hanno dimostrato che stimolare il cervello con l’elettricità può acuire temporalmente la vista.


vistaSecondo uno studio, effettuato dalla Vanderbilt University, e pubblicato su “Current Biology”, stimolare la corteccia visiva del cervello per venti minuti con una corrente elettrica di media intensità può migliorare la vista per circa due ore. Non solo: coloro che hanno dei problemi più gravi avrebbero un miglioramento maggiore.

“E’, in effetti, un’idea veramente semplice”, ha spiegato il Dr. Geoff Woodman, professore associato di Psicologia e coautore dello studio. “Questo tipo di stimolazione può migliorare l’elaborazione cognitiva in altre aree cerebrali, quindi, se la applichiamo anche per il sistema visivo, possiamo migliorarne l’elaborazione degli input? Possiamo rendere migliore la visione di qualcuno, senza intervenire sull’occhio, come fanno la tecnica Lasik o l’uso degli occhiali, ma direttamente ad un livello superiore?

Lo studio.

A venti soggetti giovani e sani, con una vista nella norma o quasi, fu chiesto di valutare la posizione relativa di due linee verticali identiche, giudicando se essere erano perfettamente allineate o in contrasto.
Questo test si è rivelato più sensibile della classica tabella oculistica ed ha fornito ai ricercatori delle misurazioni molto precise dell’acuità visiva di ogni soggetto.

I ricercatori, poi, hanno fatto passare una corrente elettrica molto leggera attraverso l’area posteriore del cervello, ovvero quella che processa l’informazione visiva.
Dopo venti minuti, ai soggetti fu chiesto di ripetere il test e circa il 75% di loro ha mostrato un miglioramento tangibile.


Considerazioni aggiuntive.

I ricercatori hanno eseguito diverse variazioni di questo esperimento, per verificare, rispettivamente, gli effetti di livelli diversi di intensità, direzioni della corrente e posizioni dell’elettrodo. Quest’ultima prova, in particolare, fu importante perché ha confermato che gli elettrodi devono essere posizionati, nello specifico, sul centro dell’elaborazione visiva del cervello, per influenzare la vista dei soggetti.

Essi, inoltre, hanno studiato se lo stimolo cambiava la velocità con la quale il cervello elaborava l’informazione visiva e se la stimolazione migliorava anche la loro sensibilità al contrasto, intesa come la capacità di discriminare tra diverse sfumature di grigio.
In questo esperimento, gli studiosi rilevarono un cambiamento della sensibilità al contrasto solo per quelle frequenze che erano associate anche con l’acuità visiva, indicando, quindi, che era solo quest’ultima ad esserne influenzata.
L’autore principale di questo studio, il Dr. Robert Reinhart, assistente professore nel Department of Psychological and Brain Sciences alla Boston University, ha aggiunto che questi risultati hanno implicazioni interessanti per il futuro della scienza. “Ora abbiamo nuovo materiale, prezioso per testare le domande fondamentali su come funziona il sistema visivo”, ha spiegato il ricercatore.


Le implicazioni nel mondo reale.

Per il loro ultimo esperimento, i ricercatori vollero vedere se il miglioramento emerso nella prima prova era abbastanza significativo anche in un compito del mondo reale, ovvero leggere una tabella oculistica standard.
Essi hanno trovato che gli effetti della stimolazione miglioravano la visione dei soggetti da 1 a 2 lettere in media, anche se il Dr. Reinhart aveva notato una significativa variazione tra i soggetti.
Abbiamo visto che coloro che arrivavano con una vista più bassa, avevano questi salti evidenti, mentre coloro che arrivavano con una vista eccellente non mostravano cambiamenti”, ha spiegato lo studioso.


Concludendo.

Il Dr. Reinhart ha ipotizzato che tutti questi risultati possano essere spiegati in diversi modi. L’idea prevalente è che la corrente possa semplicemente incrementare i segnali visivi, tanto che alcuni neuroni possono elaborarli più velocemente, ma potrebbe essere possibile anche che essa, essenzialmente, inietti un rumore bianco nel sistema visivo, attutendo le informazioni estranee, e permettendo, quindi, al cervello di catturare più facilmente quelle visive.

I ricercatori sottolineano, comunque, che c’è bisogno di effettuare ulteriori studi in un contesto clinico, per garantire la sicurezza della procedura e fare in modo che le persone coinvolte non provino mai a replicare l’esperimento a casa.   
           
   
   

 

Fonte: ScienceDaily.com

 

(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Alice Fusella)

 

 

  |   Letto: 673 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Col tempo… Si cambia!

Una ricerca ha dimostrato che, invecchiando, la nostra personalità cambia. È opinione comune che la vita, con le sue gioie ed i suoi dolori, ci porti a cambiare! Che sia in meglio, o in peggio, negli anni non resteremo mai la stessa persona! ...

iPhone o Android? Una scelta che ricalca la vostra personalità!

Il vostro cellulare può rivelare chi siete! Dimmi che cellulare usi… E ti dirò chi sei! In un’era, in cui il digitale la fa da padrone, non c’è frase più appropriata di questa! ...

Il fascino della barba: mito o realtà?

La barba rende davvero più attraenti gli uomini? Cosa ne pensano le donne?     La nuova moda del momento, per gli uomini, è avere la barba! Più lunga, più corta… Più folta, più rada… Più o meno curata… Insomma, gli uomini tengono sempre di più al loro aspetto fisico e vi i...

I trucchi per tornare a lavoro dopo le vacanze!

Alcuni suggerimenti per affrontare al meglio il ritorno a lavoro. Ci siamo… Ormai, più o meno tutti abbiamo avuto l’opportunità di partire per le tanto agognate vacanze estive! Ma, come tutte le cose belle, esse sono già passate… Ed è ora di tornare a lavoro nel nostro ufficio! ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.