Pubblicità

Un test cognitivo per predire il futuro dei bambini.

Alcuni segnali precoci che possono svelare il futuro successo dei nostri figli.


test bambiniSecondo una ricerca, condotta in Nuova Zelanda, effettuare dei test cognitivi all’età di tre anni può predire la possibilità che ha quel bambino di avere successo nella vita.

Secondo gli esperti, infatti, ottenere dei punteggi bassi ai test che valutano abilità cognitive, come il linguaggio, sarebbe indice di uno sviluppo minore dei cervelli, a causa, probabilmente, di un numero esiguo di stimolazioni nei primi anni di vita.


Inoltre, i ricercatori hanno indicato che i soggetti con tali caratteristiche avrebbero maggiori probabilità di diventare dei criminali, di essere dipendenti dall’assistenza sociale o di sviluppare malattie croniche, a meno che non ricevano un supporto in seguito.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Maria Narduzzo
Corso Galileo Ferraris, 107 - TORINO
Cell: 333 7130974
Dottoressa Marialuisa Fabbro
Via G. Garibaldi, 18 - VERONA
Cell: 347 4193619

Lo studio.

Lo studio, pubblicato sul giornale “Nature Human Behaviour”, ha seguito la vita di più di 1.000 bambini della Nuova Zelanda.

Dalle analisi effettuate è emerso che coloro, che hanno avuto punteggi bassi ai test del linguaggio, del comportamento, del movimento e della capacità cognitiva, a tre anni, hanno perpetuato l’80% dei reati, hanno richiesto il 78% delle prescrizioni ed hanno ricevuto il 66% dei pagamenti da parte dell’assistenza sociale, in età adulta.

È noto che le persone svantaggiate utilizzino una quota maggiore di servizi, ma, anche se molti dei bambini dello studio, che erano indietro nello sviluppo cerebrale, venivano da ambienti svantaggiati, la povertà non era l’unico legame tra di loro.

Quando i ricercatori hanno effettuato un’analisi separata con coloro che erano al di sotto della soglia di povertà, hanno scoperto, infatti, che una percentuale simile di bambini della classe media, che avevano avuto un punteggio basso nei test, quando avevano tre anni, hanno continuato ad incontrare delle difficoltà importanti, da grandi.


Considerazioni.

Gli studiosi statunitensi della Duke University hanno commentato che questi risultati sottolineano l’importanza delle prime esperienze di vita e degli interventi tempestivi nel sostenere i giovani più vulnerabili.

Anche se questo studio ha seguito le persone in Nuova Zelanda, i ricercatori ritengono che tali dati potrebbero applicarsi anche in altri Paesi.

Un’altra considerazione importante è che questi bambini non rimangono fissi all’età di tre anni.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Daniela Benedetto
Via del Vascello, 34 - ROMA
Cell: +39 339 6306112
Dottoressa Maria Narduzzo
Corso Galileo Ferraris, 107 - TORINO
Cell: 333 7130974

Il corso della loro vita, infatti, potrebbe essere potenzialmente cambiato se, successivamente, ricevono un sostegno, per esempio attraverso programmi di riabilitazione da adulti.

Naturalmente, come ha spiegato la Prof. Terrie Moffitt, della Duke University, in North Carolina: “Più sono piccoli i bambini, migliore è il supporto ricevuto”.

E ha continuato: “La nostra ricerca suggerisce che queste erano le persone che, da piccoli, non hanno mai avuto le possibilità che il resto di noi ha avuto: non c’è mai stato, cioè, un aiuto adeguato per costruire le competenze atte a tenere il passo con questo sistema molto complicato e veloce”.

Gli studiosi hanno aggiunto, poi, che la società dovrebbe rivalutare la visione che ha di queste persone, le quali sono, spesso, etichettate come “perdenti” ed “emarginati”, ed offrire, invece, un sostegno maggiore.

Spero che il nostro studio non confluisca nel pregiudizio”, ha commentato il Prof Avshalom Caspi, del King's College London, altro autore dello studio. “Ma che la nostra ricerca crei la compassione pubblica e la volontà politica di intervenire sui bambini e, ancora più importante, di offrire servizi alle loro famiglie, di modo che possano avere una vita migliore”.

La questione è di fornire un’educazione di qualità più alta e di considerare di indirizzarla verso quei gruppi svantaggiati, che potrebbero trarne un beneficio maggiore”, ha concluso Josh Hillman, direttore della Nuffield Foundation.    
            

 

 

Fonte: BBC.com

(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Alice Fusella)

 

 

  |   Letto: 2028 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

La terapia sistemico-relazionale

La terapia Sistemico-Relazionale si diffuse negli Stati Uniti durante gli anni '50, in particolare grazie alle teorie della prima e seconda cibernetica e la teoria dei sistemi elaborata da L Von Bertanlaffy. La "Scuola di Palo Alto" e il Mental Research Institute. La psicoterapia ad indirizzo sistemico-relaz...

La psicoterapia individuale

La psicoterapia è una modalità di trattamento in cui lo psicoterapeuta e il/i paziente/i lavorano insieme per cambiare una situazione di sofferenza psicologica. All’interno di questa definizione generale di psicoterapia è possibile trovare diversi tipi di intervento psicoterapeutico. Essi si distinguono...

La mente psicoanalitica

Le persone sono in conflitto tra desideri e impulsi che la società ritiene inaccettabili, e il nostro comportamento riflette le modalità attraverso cui la nostra mente ci protegge da tali desideri proibiti. Freud è comunemente rappresentato dai media, dalle riviste scientifiche e perfino...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.