Pubblicità

Uso di social media e suicidio adolescenziale

Secondo recenti studi potrebbe esistere una qualche connessione tra lo strutturarsi di una realtà virtuale sui social media e l'insorgenza di un malessere psicologico che può condurre l'adolescente verso scelte estreme.

social media suicidio adolescentiDei recenti report americani hanno evidenziato un aumento dei tassi di suicidio tra gli adolescenti nello stesso momento in cui è aumentato l'uso dei social media.

 

A tal proposito una nuova analisi suggerisce che potrebbe esserci un collegamento.

I tassi di suicidio nella popolazione degli adolescenti sono aumentati tra il 2010 ed il 2015, secondo i dati riportati dal Federal Centers for Disease Control and Prevention.

Il motivo dell'aumento di questi tassi tuttavia non è ancora noto. Lo studio non risponde alla domanda, ma suggerisce che un fattore potrebbe essere legato all'aumento dell'uso dei social media.

Recenti suicidi da parte di adolescenti sembrano essere la diretta conseguenza del fenomeno del Cyberbullismo che potrebbe così mettere a dura prova la salute mentale degli adolescenti”, affermano i ricercatori.

Dopo ore trascorse a scorrere i feed di Instagram, mi sento solo peggio con me stessa perchè mi sento esclusa”, ha detto Caitlin, una diciassettenne del Colorado, liceale che ha contribuito ad organizzare una campagna off-line il mese scorso, dopo diversi suicidi di alcuni amici.

Nessuno condivide i momenti brutti che sta attraversando”, ha detto Chloe, anch'ella diciassettenne.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Beatrice Bonechi
Via Aretina, 251/A - FIRENZE
Cell.: 338 2496662
Dottoressa Caterina Gestri
Piazza Risorgimento, 18 Quarrata - PISTOIA
Cell: 338 1110142

Gli autori dello studio hanno così esaminato i rapporti sui suicidi dal 2009 al 2015 ed i risultati di due sondaggi forniti da studenti di scuole superiori statunitensi volti a misurare atteggiamenti, comportamenti ed interessi.

Sono stati coinvolti circa 500.000 adolescenti con età compresa tra i 13 ed i 18 anni; sono stati interrogati sull'uso di dispositivi elettronici, social media, televisione e tempo trascorso con gli amici.

Le domande sull'umore includevano la frequenza di sentirsi senza speranza e le considerazioni o pensieri rispetto al suicidio.

I ricercatori non hanno esaminato le circostanze relative ai singoli suicidi; la Dottoressa Christine Moutier, ufficiale capo medico presso l'American Foundation for Suicide Prevention, ha detto che lo studio fornisce prove deboli per una teoria popolare e che sono molti i fattori che influenzano il suicidio adolescenziale.

Lo studio è stato pubblicato nella rivista “Clinical Psychological Science”; i dati evidenziati nello studio includono:

L'uso di dispositivi elettronici da parte di adolescenti per almeno cinque ore al giorno è più che raddoppiato, dall'8% nel 2009 al 15% nel 2015; gli adolescenti presentavano il 70% di probabilità in più di avere pensieri o comportamenti suicidi rispetto a quelli che hanno riferito un'ora di uso quotidiano.

Pubblicità

Nel 2015, il 36% di tutti i partecipanti maschi ha riferito di sentirsi disperatamente triste o senza speranza, o di pensare, pianificare o tentare il suicidio. Per le ragazze, i tassi erano più alti, circa il 45%.

Nel 2009, il 58% delle ragazze con età compresa tra i 16 ed i 17 anni utilizzava i social media quasi ogni giorno; nel 2015, l'87% utilizzava i social media ogni giorno, con una probabilità del 14% di sentirsi depresse rispetto a coloro che utilizzavano i social media meno frequentemente.

Dobbiamo smettere di pensare agli smartphone come qualcosa di innocuo”, ha riferito l'autore dello studio Jean Twenge, professore di psicologia alla San Diego State University che studia le tendenze generazionali.

C'è una tendenza a dire, 'I ragazzi hanno bisogno del cellulare per comunicare con i loro amici', ma senza un monitoraggio dell'uso e del tempo trascorso sui social, i rischi possono essere tanti e difficili da identificare per un genitore”.

Il Dottor Victor Strasburger, uno specialista in medicina giovanile dell'Università del New Mexico, ha affermato che lo studio implica solo una connessione tra suicidio adolescenziale, depressione e social media, tale per cui vi è una necessità di approfondire tali aspetti attraverso altre ricerche.

Ha però sottolineato che gli scettici che pensano ai social media come i nuovi “vizi” rispetto a quelli delle generazioni passata, inviano un messaggio sbagliato, poiché anche se solo ipotetica, esiste effettivamente una qualche connessione tra lo strutturarsi di una realtà virtuale ed un malessere psicologico che può condurre il soggetto verso scelte estreme.

Con la sua immediatezza, l'anonimato ed il potenziale per atti di cyberbullismo, i social media si pongono come mezzo unico per creare e causare danni reali.

Strasburger conclude che “i genitori non devono sottovalutare tale fenomeno, ed essere più attenti nel monitorare le attività online dei propri figli”.

 

Tratto da “Msn-LifeStyle”

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Giorgia Lauro)

  |   Letto: 1600 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.