Pubblicità

Vincere l'ansia di malattia

Come rompere i circoli viziosi che alimentano la preoccupazione per il proprio stato di salute

ansia da malattiaL'ansia di malattia (fino a poco tempo fa chiamata "ipocondria") è una preoccupazione costante ed eccessiva, spesso molto intensa ed invalidante, riguardo la possibilità di soffrire di una grave patologia, nonostante le evidenze mediche dicano il contrario (nel caso in cui qualche sintomo somatico sia presente, le preoccupazioni sono comunque eccessive o sproporzionate).

Per fare diagnosi di "ansia di malattia", la preoccupazione deve essere presente da almeno 6 mesi, ma la specifica patologia temuta può variare nel corso di tale periodo di tempo (APA, 2013).

Questa preoccupazione può essere scatenata da sintomi innocui e quotidiani, da una notizia ascoltata al telegiornale, dal racconto di un amico, e non è alleviata da alcuna rassicurazione o parere medico. Si innesca, nella persona che ne soffre, un rimuginio costante sulla possibilità di avere o avere contratto una brutta malattia. Tale rimuginio è accompagnato da un'attenzione selettiva per tutto ciò che può in qualche modo confermare le proprie convinzioni disfunzionali. Spesso sono presenti, nella mente di chi soffre di questa problematica, credenze "superstiziose", del tipo "se abbasso la guardia mi ammalerò", oppure "se smetto di preoccuparmi sarà la volta in cui la pagherò".

Circa il 3-10% della popolazione generale soffre di ansia per la salute, con un andamento ad alti e bassi, ed un incremento della preoccupazione nei periodi di stress.

Secondo il modello cognitivo dell’ipocondria, l’intensa paura sperimentata riguardo la propria salute è dovuta alla tendenza ad interpretare erroneamente sintomi e modificazioni corporee come segni di gravi malattie (Leveni et al., 2011). Queste interpretazioni negative causano una forte preoccupazione. In risposta a tale ansia le persone mettono in atto diverse strategie che, nonostante nell’immediato possano alleviare la preoccupazione, finiscono per creare circoli viziosi che mantengono e aggravano il disturbo.

Un ruolo cruciale nelle situazioni di ansia di malattia è ricoperto dal medico di base, che dovrebbe aiutare la persona a stilare un piano di prevenzione sana, senza però cadere nel "tranello" della prescrizione continua di esami. Dovrebbe inoltre ricondurre i problemi del paziente ad un disturbo d'ansia (e non di salute!), indirizzandolo verso uno psicoterapeuta, con cui collaborare.

In genere, si possono risocntrare due atteggiamenti distinti verso la ricerca di pareri e visite mediche: un tipo richiedente l'assistenza e uno evitante. Entrambi hanno alla base una paura molto intensa relativa alla possibilità di soffrire di una grave malattia (paura di "non arrivare in tempo" vs paura di conoscere la diagnosi tanto temuta).

Anche il ruolo dei familiari è fondamentale. Essi sono ovviamente coinvolti in questo disturbo, e vivono situazioni di grande stress, frustrazione, rabbia e impotenza. Per questo è importante istruirli, fornendo loro indicazioni su come comportarsi nei confronti della persona con ansia di malattia. Per esempio, si chiederà loro di interrompere la risposta alle richieste di rassicurazione del paziente (vedremo in seguito il motivo per cui dare rassicurazioni è assolutamente controproducente). Piuttosto, impareranno a proporre al familiare in difficoltà un tempo prestabilito durante il quale aiutarlo ad effettuare un problem-solving sui suoi problemi (in contrasto con il suo purtroppo sterile, e spesso dannoso, rimuginio).

Ma vediamo quali sono i circoli viziosi che si innescano nella persona che soffre di ansia di malattia.

La preoccupazione è alimentata prima di tutto dall'ANSIA: quando ci preoccupiamo, infatti, sale la nostra ansia. I sintomi fisici dell'ansia (tachicardia, fiato corto, giramenti di testa, ecc.) sono innocui, ma verranno interpretati come segnali di malattia, dando origine ad un circolo vizioso ("devo proprio avere qualcosa che non va, altrimenti non mi girerebbe la testa").

Esistono poi delle strategie che la persona adotta per fronteggiare l'ansia di malattia, ma che in realtà peggiorano la situazione, aumentando la preoccupazione. Le principali sono:

ATTENZIONE FOCALIZZATA SUL CORPO: ci si concentra sui sintomi fisici che spaventano. Questo non fa altro che amplificare la preoccupazione, poiché ci si focalizza su ogni minimo cambiamento (naturale in un corpo sano), che viene vissuto come pericolo di malattia.

CONTROLLO SUL CORPO: chi ha l'ansia di malattia, in genere si palpa e si tasta alla ricerca di segnali. Così facendo, i sintomi che spaventano possono addirittura peggiorare. Se, per esempio, mi tocco di continuo la nuca perché mi pare di sentire un gonfiore, questo gonfiore, poiché sollecitato, aumenterà, causando un incremento della mia preoccupazione.

RICERCA DI RASSICURAZIONI: chiedere rassicurazioni al medico o ai propri familiari è un altro comportamento che mantiene (e spesso aumenta) l'ansia per le malattie. In genere non è possibile avere garanzie totali, per cui si cercano altri pareri, si prenotano ulteriori esami, ecc.

Se anche la garanzia fosse del 100%, questa varrebbe però solo per i sintomi già sperimentati. Per quelli futuri occorrerà ripetere questo iter, iter che si ripeterà accompagnato da livelli sempre maggiori di stress.

Inoltre la persona con ansia di malattia filtrerà in modo selettivo le informazioni in entrata, focalizzandosi solo su quelle ambigue o negative.

RICERCA DI INFORMAZIONI SU INTERNET: anche in questo modo si pone un'eccessiva attenzione sulla propria salute. Inoltre, cercando con insistenza, troveremo sicuramente qualche collegamento tra sintomi innocui e malattie gravi. La fonte delle notizie presenti su internet, infine, non sempre è attendibile, poichè chiunque (non solo i medici o gli specialisti) vi hanno accesso.

EVITAMENTO: alcune persone evitano assolutamente di andare dal medico e di fare esami di controllo, perché sopraffatti dal timore di riscontrare qualche grave malattia. Anche l'evitamento favorisce fantasie che mantengono l'ansia, e non permette una valutazione realistica della situazione.

Si possono evitare, inoltre, programmi alla televisione che trattano argomenti legati alla salute o articoli medici, per il timore di trovarvi qualche "aggancio".

EVITAMENTO DELL'ATTIVITÀ FISICA: per evitare di contrarre qualsiasi malattia, le persone possono evitare di svolgere attività sportiva e di fare sforzi.

Questo comportamento indebolisce l'organismo, che si stanca più facilmente; in tal modo la persona è portata ad immaginare scenari catastrofici, traendo conclusioni terrificanti.

CONCLUSIONI

La psicoterapia cognitivo-comportamentale si è rivelata efficace nel trattamento dell'ansia di malattia. Essa mira, tra le altre cose, a rompere i circoli viziosi che alimentano la preoccupazione.

Dopo qualche settimana di terapia, la persona si accorgerà che la fatica di dover rinunciare a queste strategie (molto confortanti, sul momento, ma dannosissime a lungo termine) sarà compensata da un'importante diminuzione dell'ansia.

La persona imparerà a ristrutturare le convinzioni disfunzionali legate alle malattie e le proprie credenze "superstiziose", ad interrompere il rimuginio (e sostituirlo con un più funzionale problem-solving), spezzerà alcune catene di comportamenti dannosi, acquisirà importanti strumenti per gestire eventuali future situazioni critiche, e inizierà a dare valutazioni realistiche dei sintomi somatici, potendo contare su un piano di prevenzione/azione sana, e sulle proprie risorse nel fronteggiare ogni eventuale difficoltà.

Anche se sembra impossibile, si può uscire dall'incubo dell'ansia di malattia.

 

BIBLIOGRAFIA
  • American Psychiatric Association (2013). Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders. Fifth Edition (DSM 5). Washington, DC: American Psychiatric Association.
  • Leveni D., Lussetti M. e Piacentini D. (2011). Ipocondria. Guida per il clinico e manuale per chi soffre del disturbo. Erickson.

 

 

(Articolo a cura della Dottoressa Roberta Rubboli)

 

 

 

  |   Letto: 7556 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Modello HiTOP: un nuovo modo di guardare il disturbo mentale

Il Modello della Tassonomia Gerarchica della Psicopatologia (HiTOP) ci invita a considerare le questioni di salute mentale attraverso una valutazione di diverse aree e arrivando ad una formulazione diagnostica mediante un approccio basato su prove scientifiche, piuttosto che opinioni o aneddoti. La Tassonomi...

La Terapia Cognitiva-Comportamentale Razionale Emotiva

Una rivisitazione dei meccanismi di difesa: come “estirparne” le radici psicoanalitiche! Quando si pensa ai meccanismi di difesa, si pensa inevitabilmente a Freud; termini come “repressione, negazione e formazione reattiva”, sono infatti divenuti parte integrante del vernacolo popolare. La visione t...

Asma e alessitimia: una prospettiva psicosomatica

Il presente studio conferma la presenza di tratti alessitimici in pazienti con asma, nonchè l'impatto dello stress ed emozioni forti sull'occorrenza delle manifestazioni del disturbo. L’obiettivo del presente studio è stato quello di valutare la frequenza e la coesistenza tra l&rsq...

Il modello bio-psico-sociale

Il modello bio-psico-sociale suggerisce che i problemi di salute mentale siano influenzati da domini multipli dell'esperienza umana quale quello biologico-medico, psicologico-mentale e sociale-spirituale. Quando i professionisti della salute mentale sono chiamati a comprendere cosa c'è di “atipi...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.