Pubblicità

Il pensiero e la formazione di Peter Fonagy

Nato a Budapest e trasferitosi a Londra per volontà dei genitori, Peter Fonagy attraverso un percorso di analisi personale per una depressione adolescenziale scopre quanto possa essere efficace la psicoanalisi. Sarà questa esperienza che lo spingerà a studiare psicologia presso la Univerisity College London.

il pensiero e la formazione di peter fonagyPeter Fonagy è un'analista e supervisore presso la British Psychoanalytical Society, docente di Psicoanalisi contemporanea e Scienze dello sviluppo alla University College London (UCL), Direttore del Dipartimento di ricerca di Psicologia Clinica, Educativa e della salute.

Fonagy nasce a Budapest nel 1952; nel 1967, la sua famiglia lasciò l'Ungheria per trasferirsi a Parigi. Tuttavia, i suoi genitori volevano che ricevesse un'educazione britannica e decisero così di mandarlo da solo a studiare a Londra.

Senza amici o familiari e senza conoscenza dell'inglese, Fonagy attraversò un periodo di depressione a cui seguirono gravi difficoltà accademiche.

Dopo che un vicino gli suggerì di cercare aiuto, entrò in analisi presso la psicoanalista infantile Anne Hurry presso l'Anna Freud Center.

Grazie al suo aiuto, la depressione di Fonagy iniziò a svanire, il suo rendimento scolastico aumentò e, dopo aver terminato la scuola, fu ammesso alla UCL per studiare psicologia.

Fonagy vide questo periodo della sua vita come una svolta, durante la quale scopre quanto possa essere profondamente efficace la psicoanalisi; è stata questa esperienza che lo portò a divenire egli stesso un'analista.

Dopo essersi laureato in Psicologia, Fonagy iniziò un dottorato in Neuroscienze e nel 1980 presentò la domanda presso l'Istituto di Psicoanalisi, iniziando così il suo percorso di specializzazione.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Cristina Bergia
Viale dei Mille, 1 - FIRENZE
Cell.: 339 7067867
Dottoressa Giuseppina Grazioso
V.le Papa Giovanni XXIII, 33 - BARI
Cell: 338 7780330

Dopo essersi qualificato come analista, Fonagy completò un altro corso di psicoanalisi infantile presso l'Anna Freud Center.

Nel momento in cui gli conferirono la Freud Memorial Professorship alla UCL nel 1992, la sua variegata esperienza e formazione lo ha portato a seguire un approccio interdisciplinare, che da allora ha plasmato la sua ricerca ed il suo lavoro clinico.

Negli anni '80, Fonagy lavorava con lo psicoterapeuta infantile George Moran per curare bambini e adolescenti affetti da “diabete fragile”: un tipo di diabete insulino-dipendente in cui il malato non riesce a mantenere il controllo sui livelli di zucchero nel sangue.

È una malattia pericolosa e si stava rivelando molto difficile da trattare. Moran e Fonagy lavorarono quindi insieme per sviluppare un nuovo approccio terapeutico, incentrato sul parlare con i pazienti delle loro vite interiori e dei loro mondi emotivi.

Scoprirono che, usando questo metodo, erano maggiormente in grado di aiutare i bambini a sviluppare maggiori capacità di pensare e regolare i sentimenti.

Questo, a sua volta, li ha portati a gestire meglio la loro malattia ed a compiere significativi progressi fisici ed intellettuali.

In questo periodo, Fonagy iniziò anche a lavorare con pazienti affetti da disturbo borderline di personalità e presto scoprì che un approccio analitico classico non era efficace con questa specifica popolazione clinica.

Nel frattempo, il suo crescente interesse per il lavoro di Melanie Klein e Donald Winnicott, la scuola delle relazioni oggettuali, e la teoria dell'attaccamento, stimolò un cambiamento nel suo quadro concettuale e lo aiutò a sviluppare un diverso modo di pensare al disturbo borderline di personalità.

Pubblicità

Questo si è evoluto nella sua teoria della mentalizzazione e, in collaborazione con lo psicoanalista e psichiatra Anthony Bateman, un nuovo metodo di trattamento: il trattamento basato sulla mentalizzazione (Mentalization-Based Treatment, MBT).

Questo metodo è ora ampiamente utilizzato con i pazienti affetti da disturbo borderline di personalità, e Fonagy e Bateman stanno anche sviluppando il modello per trattare pazienti con altri disturbi, tra cui disturbo antisociale di personalità, problemi di abuso di sostanze, disturbi alimentare e madri a rischio suicidio.

Secondo Fonagy, questi gruppi, sebbene per certi aspetti affrontino difficoltà molto diverse, sono tutti caratterizzati da una ridotta capacità di concepire appropriatamente un sé mentale e la sua relazione con il mondo sociale.

Ispirato al pensiero di una vasta gamma di psicoanalisti, Fonagy fu particolarmente ispirato dai Sandler.

Joseph Sandler era un mentore alla UCL, da cui Fonagy aveva appreso molto durante la sua formazione accademica, mentre Anne-Marie Sandler era il suo supervisore durante la formazione in analisi infantile.

I Sandler hanno avuto un impatto duraturo sul suo approccio al lavoro clinico e teorico, oltre ad essere personalmente e professionalmente di supporto nelle prime fasi della sua carriera.

Un'altra fondamentale base teorica del suo lavoro deriva dalla teoria dell'attaccamento, in cui ha trovato una combinazione di rigore empirico e profonda conoscenza dello sviluppo e dei disturbi psicologici.

Questa combinazione è, a sua volta, diventata caratteristica dell'opera di Fonagy, che è esplorativa, innovativa, ma saldamente ancorata alla ricerca empirica e alle prove.

A questo proposito è molto orgoglioso di seguire le orme di Anna Freud e Dorothy Burlingham, che hanno aperto la strada all'approccio psicopatologico dello sviluppo.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Giuseppina Grazioso
V.le Papa Giovanni XXIII, 33 - BARI
Cell: 338 7780330
Dottoressa Maria Clara Cortellazzi
Viale S. Kasman, 15 Chiavari - GENOVA
Cell: 391 4947113

Un'ulteriore importante influenza sul lavoro di Fonagy è la teoria kleiniana; questa gli ha fornito una preziosa descrizione della capacità della mente di pensare al mondo e di come questa capacità sia vulnerabile alle richieste emotive.

Il modello della mente di Klein e Bion dimostra che l'interfaccia tra i suoi elementi meccanicistici e rappresentativi è molto più permeabile o fluida di quanto vorremmo credere.

In persone con un disturbo borderline di personalità, questi meccanismi mentali sono ancora più vulnerabili.

Ad esempio, le persone che sono state gravemente maltrattate durante l'infanzia raggiungono l'età adulta con una capacità di pensare danneggiata, il risultato di un'intensa resistenza al pensiero delle menti altrui.

Questa resistenza è di per sé una reazione difensiva all'esperienza profondamente inquietante nel trovare i pensieri ed i sentimenti di altre persone ostili o violenti.

Ciò che in origine protegge la mente dall'insopportabile distruttibilità, alla fine ostacola la capacità di vedere se stessi e le altre persone in modo coerente e chiaro.

Trincerato, poiché questo meccanismo di difesa è all'interno dell'organizzazione mentale di una persona, ostacola lo sviluppo emotivo, danneggia le relazioni e ostacola il pensiero produttivo.

Nel trattare tali disturbi, Fonagy incentra il suo lavoro sull'aiutare i pazienti a ricreare le loro capacità emotive, pensando e sostenendo la riorganizzazione delle loro menti per diventare più aperti e capaci di relazionarsi con gli altri; una forma di aiuto per lo sviluppo come avrebbe pensato Anna Freud.

Fonagy crede che la psicoanalisi possa essere di enorme aiuto nel consentire alle persone di pensare e sentire in modi che altrimenti sarebbero inaccessibili a loro; in altre parole, nell'espandere la loro capacità di mentalizzazione.

Epistemologicamente, la sua ambizione è di mantenere la psicoanalisi in concerto con altre discipline che indagano la mente umana e di cercare di riconciliare le varie esperienze degli esseri umani in un modo singolare di comprensione.

Soprattutto, egli crede che la psicoanalisi debba rimanere in dialogo con ciò che sappiamo della mente da altre discipline, incluse la neuroscienza, la sociologia e l'antropologia.

Dal suo punto di vista, la psicoanalisi è attualmente la migliore psicologia che abbiamo.

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

  |   Letto: 1038 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.